Ravello, rubato uno scooter sull provinciale per Chiunzi

0

Ravello, Costiera amalfitana . Rubato uno scooter ieri sera (29 novembre) a Ravello. Il furto è avvenuto intorno alle 17, complice il sopraggiungere delle tenebre, sulla strada provinciale 1 per Chiunzi al chilometro 2: un Aprilia Scarabeo 200 grigio, parcheggiato a bordo strada, nei pressi di un esercizio commerciale alle porte del paese, è sparito senza che nessuno potesse accorgersene. A rendersene conto il proprietario, un residente, che in un primo tempo era convinto che si trattasse di uno scherzo. Ma quando si è reso conto che la realtà era tutt’altra, sono stati avvistati i Carabinieri della stazione di Ravello. A quanto pare il proprietario aveva lasciato, come era solito fare, le chiavi inserite nel quadro del mezzo. Dunque, un gioco da ragazzi per i furfanti che avrebbero potuto percorrere il primo tratto di strada, in discesa, a motore spento, per non provocare rumori. Questo è solo l’ultimo, in ordine di tempo, furto nella Città della Musica, martoriata da tre anni e mezzo dai ladri con oltre 50 colpi all’attivo. E finora alcuna iniziativa concreta è stata intrapresa, dagli organi preposti, allo scopo di debellare un fenomeno sempre più dilagante che sta generando non poche preoccupazioni nella popolazione. (Il Vescovado)

Ravello, Costiera amalfitana . Rubato uno scooter ieri sera (29 novembre) a Ravello. Il furto è avvenuto intorno alle 17, complice il sopraggiungere delle tenebre, sulla strada provinciale 1 per Chiunzi al chilometro 2: un Aprilia Scarabeo 200 grigio, parcheggiato a bordo strada, nei pressi di un esercizio commerciale alle porte del paese, è sparito senza che nessuno potesse accorgersene. A rendersene conto il proprietario, un residente, che in un primo tempo era convinto che si trattasse di uno scherzo. Ma quando si è reso conto che la realtà era tutt'altra, sono stati avvistati i Carabinieri della stazione di Ravello. A quanto pare il proprietario aveva lasciato, come era solito fare, le chiavi inserite nel quadro del mezzo. Dunque, un gioco da ragazzi per i furfanti che avrebbero potuto percorrere il primo tratto di strada, in discesa, a motore spento, per non provocare rumori. Questo è solo l'ultimo, in ordine di tempo, furto nella Città della Musica, martoriata da tre anni e mezzo dai ladri con oltre 50 colpi all'attivo. E finora alcuna iniziativa concreta è stata intrapresa, dagli organi preposti, allo scopo di debellare un fenomeno sempre più dilagante che sta generando non poche preoccupazioni nella popolazione. (Il Vescovado)