SALERNITANA: addio sogni di gloria in Coppa, il Cosenza va ai quarti

0

Il Cosenza ha arrestato la corsa della Salernitana nella Coppa Italia di Lega Pro. I granata di Menichini non potranno, dunque, più difendere l’alloro conseguito nella passata stagione. L’eliminazione è giunta al termine di una gara blanda, scialba, a tratti sonnacchiosa e soporiferi, sbloccata solo da un penalty concesso generosamente dal direttore di gara in favore dei calabresi. La Salernitana, scesa in campo con una formazione ultra sperimentale, non si è prodigata granchè per evitare il ko e non ha mai impegnato severamente Ravaglia. Difficile trovare un elemento capace di evidenziarsi nella mediocrità generale che ha contraddistinto l’incontro: Mounard è stato l’unico a fornire brio alla manovra, pur giocando in posizione arretrata. Mendicino e Gabionetta hanno rivelato di essere ancora in condizioni non ottimali, mentre gli esordi di Penta, Trozzo, Cappiello e De Sio hanno rappresentato la nota lieta della giornata. La Salernitana, la cui formazione in vista del match con la Lupa Roma è facilmente prevedibile in virtù delle scelte operate da Menichini per la gara del “San Vito”, potrà ora concentrarsi anima e corpo sul campionato: c’è, infatti, da difendere coi denti il primato in classifica contro avversari tosti ed agguerriti.
fonte tuttosalernitana.com
articolo inserito dal Salernitana Club Costiera AmalfitanaIl Cosenza ha arrestato la corsa della Salernitana nella Coppa Italia di Lega Pro. I granata di Menichini non potranno, dunque, più difendere l’alloro conseguito nella passata stagione. L’eliminazione è giunta al termine di una gara blanda, scialba, a tratti sonnacchiosa e soporiferi, sbloccata solo da un penalty concesso generosamente dal direttore di gara in favore dei calabresi. La Salernitana, scesa in campo con una formazione ultra sperimentale, non si è prodigata granchè per evitare il ko e non ha mai impegnato severamente Ravaglia. Difficile trovare un elemento capace di evidenziarsi nella mediocrità generale che ha contraddistinto l’incontro: Mounard è stato l’unico a fornire brio alla manovra, pur giocando in posizione arretrata. Mendicino e Gabionetta hanno rivelato di essere ancora in condizioni non ottimali, mentre gli esordi di Penta, Trozzo, Cappiello e De Sio hanno rappresentato la nota lieta della giornata. La Salernitana, la cui formazione in vista del match con la Lupa Roma è facilmente prevedibile in virtù delle scelte operate da Menichini per la gara del “San Vito”, potrà ora concentrarsi anima e corpo sul campionato: c’è, infatti, da difendere coi denti il primato in classifica contro avversari tosti ed agguerriti.
fonte tuttosalernitana.com
articolo inserito dal Salernitana Club Costiera Amalfitana

Lascia una risposta