Chiarimenti sullo sciopero al Publio Virgilio Marone, parlano i Rappresentanti d’ Istituto.

0

Meta (costa di Sorrento, Penisola Sorrentina, Napoli) . Riceviamo e volentieri pubblichiamo. In seguito alla pubblicazione dell’ articolo relativo allo sciopero al Publio Virgilio Marone in data 15/11/2014 noi Rappresentanti d’ Istituto riteniamo doveroso replicare con dovuti chiarimenti e precisazioni. L’ introduzione del pagamento di 50€ per l’ iscrizione ai corsi pomeridiani di lingue è scaturita dall’ esperienza degli anni precedenti, quando la maggioranza degli studenti si iscriveva a più corsi e dopo poche lezioni abbandonava senza preavviso. Il consiglio d’ Istituto ha così pensato di responsabilizzare gli alunni e di inserire la cifra simbolica di euro cinquanta per l’ iscrizione ai corsi. Un’ altra precisazione di estrema rilevanza è da apportare alla questione “corsi”, che sono stati definiti nell’ articolo “PON”, cosa assolutamente non vera, poiché non si tratta di fondi strutturali europei ma di corsi interni alla nostra scuola. Si è parlato inoltre di minacce, altra affermazione assolutamente falsa ed infondata poiché la nostra è stata una manifestazione di estrema civiltà, fondata sul dialogo e l’ assoluto rispetto verso gli organi istituzionali e delle norme vigenti. L’ articolo si conclude con un’ affermazione riguardo un “continuo avvicendamento di professori di lingua” e di una professoressa di spagnolo appena arrivata che partirà a dicembre. Ci sentiamo in dovere di correggere questa notizia. All’ inizio dell’ anno è stata scelta infatti una professoressa di spagnolo supplente, entrata poi in maternità (fino a dicembre), è stata chiamata così una seconda supplente che, nel solo caso in cui la prima ritorni dal periodo di maternità, lascerà la scuola a dicembre, garantendo così la sicurezza agli alunni della presenza di una professoressa. I rappresentanti degli studenti Carlo Cannavale, Alessia Abagnale, Claudio Volpe e Giulia Gargiulo.

Meta (costa di Sorrento, Penisola Sorrentina, Napoli) . Riceviamo e volentieri pubblichiamo. In seguito alla pubblicazione dell' articolo relativo allo sciopero al Publio Virgilio Marone in data 15/11/2014 noi Rappresentanti d' Istituto riteniamo doveroso replicare con dovuti chiarimenti e precisazioni. L' introduzione del pagamento di 50€ per l' iscrizione ai corsi pomeridiani di lingue è scaturita dall' esperienza degli anni precedenti, quando la maggioranza degli studenti si iscriveva a più corsi e dopo poche lezioni abbandonava senza preavviso. Il consiglio d' Istituto ha così pensato di responsabilizzare gli alunni e di inserire la cifra simbolica di euro cinquanta per l' iscrizione ai corsi. Un' altra precisazione di estrema rilevanza è da apportare alla questione “corsi”, che sono stati definiti nell' articolo “PON”, cosa assolutamente non vera, poiché non si tratta di fondi strutturali europei ma di corsi interni alla nostra scuola. Si è parlato inoltre di minacce, altra affermazione assolutamente falsa ed infondata poiché la nostra è stata una manifestazione di estrema civiltà, fondata sul dialogo e l' assoluto rispetto verso gli organi istituzionali e delle norme vigenti. L' articolo si conclude con un' affermazione riguardo un “continuo avvicendamento di professori di lingua” e di una professoressa di spagnolo appena arrivata che partirà a dicembre. Ci sentiamo in dovere di correggere questa notizia. All' inizio dell' anno è stata scelta infatti una professoressa di spagnolo supplente, entrata poi in maternità (fino a dicembre), è stata chiamata così una seconda supplente che, nel solo caso in cui la prima ritorni dal periodo di maternità, lascerà la scuola a dicembre, garantendo così la sicurezza agli alunni della presenza di una professoressa. I rappresentanti degli studenti Carlo Cannavale, Alessia Abagnale, Claudio Volpe e Giulia Gargiulo.