Vico Equense. Videosorveglianza, arrivano altre sette telecamere. Oltre 16mila euro di spesa

0

Vico Equense. Entro Natale più occhi elettronici veglieranno sulla sicurezza cittadina. L’amministrazione vicana ha infatti stanziato 16mila e 500 euro per incrementare la rete di videosorveglianza territoriale in entrata e in uscita dalla penisola sorrentina, nelle frazioni collinari e sul Monte Faito. Fondi che provengono dal capitolo di bilancio relativo alla sicurezza e alla legalità, istituito quest’anno per la prima volta su sollecitazione del consigliere con delega alla sicurezza Vincenzo Cioffi e incrementato in uno degli ultimi Consigli comunali da 2mila a 22mila euro. Gli oltre 16mila euro stanziati consentiranno l’acquisto e l’installazione di sette telecamere ad alta definizione, di cui alcune orientabili con un comando a distanza. Si tratta di strumenti che integreranno la rete delle 24 telecamere esistenti e che saranno collegati alla centrale operativa della polizia locale tramite fibra ottica (ove disponibile) o wireless. «Con il completamento della galleria di Pozzano – spiega Ferdinando De Martino, comandante della Polizia locale – abbiamo esigenze diverse di presidio del territorio. Prima, per bloccare situazioni e individui sospetti, bastavano le telecamere allo Scrajo e i posti di blocco in località Bikini. Adesso, per evitare che malintenzionati riescano ad uscire dalla penisola facendo perdere le proprie tracce dopo lo sbocco di Pozzano, è necessario focalizzare l’attenzione sul versante di Seiano, prima dell’imbocco del tunnel». Per questo, due telecamere saranno installate una a Montechiaro, all’incrocio con la statale SS. 145 Sorrentina, e un’altra a Seiano, all’incrocio con via Raffaele Bosco. In prossimità dell’ingresso della galleria sarà anche installato un lettore ottico che consentirà di leggere le targhe dei veicoli. Le altre cinque telecamere ad alta definizione saranno localizzate in frazioni lontane dal centro, per rendere sempre più capillare il controllo del territorio. Due occhi elettronici saranno installati a Monte Faito, rispettivamente a Piazzale dei Capi e nei pressi del centro sportivo. Altre due telecamere saranno installate a Moiano, all’incrocio con il bivio per Faito, e saranno collegate con la sezione distaccata del comando dei vigili che sarà aperta a breve nella frazione montana. L’ultima sarà sistemata nel centro di San Salvatore. «Solo quest’anno – continua Ferdinando De Martino – la rete di videosorveglianza si è rivelata fondamentale per risolvere oltre 35 indagini. Per questo è importante rendere sempre più capillare la rete di telecamere». «Spero che l’anno prossimo si possa disporre di maggiori fondi da impegnare sul capitolo della legalità – gli fa eco Vincenzo Cioffi, consigliere del sindaco con delega alla sicurezza – bisogna non soltanto agire in chiave repressiva, aumentando i presidi delle forze dell’ordine sul territorio, ma anche avviare iniziative di prevenzione e di educazione alla legalità a partire dalle scuole». (Claudia Esposito – Il Mattino)

Vico Equense. Entro Natale più occhi elettronici veglieranno sulla sicurezza cittadina. L'amministrazione vicana ha infatti stanziato 16mila e 500 euro per incrementare la rete di videosorveglianza territoriale in entrata e in uscita dalla penisola sorrentina, nelle frazioni collinari e sul Monte Faito. Fondi che provengono dal capitolo di bilancio relativo alla sicurezza e alla legalità, istituito quest'anno per la prima volta su sollecitazione del consigliere con delega alla sicurezza Vincenzo Cioffi e incrementato in uno degli ultimi Consigli comunali da 2mila a 22mila euro. Gli oltre 16mila euro stanziati consentiranno l'acquisto e l'installazione di sette telecamere ad alta definizione, di cui alcune orientabili con un comando a distanza. Si tratta di strumenti che integreranno la rete delle 24 telecamere esistenti e che saranno collegati alla centrale operativa della polizia locale tramite fibra ottica (ove disponibile) o wireless. «Con il completamento della galleria di Pozzano – spiega Ferdinando De Martino, comandante della Polizia locale – abbiamo esigenze diverse di presidio del territorio. Prima, per bloccare situazioni e individui sospetti, bastavano le telecamere allo Scrajo e i posti di blocco in località Bikini. Adesso, per evitare che malintenzionati riescano ad uscire dalla penisola facendo perdere le proprie tracce dopo lo sbocco di Pozzano, è necessario focalizzare l'attenzione sul versante di Seiano, prima dell'imbocco del tunnel». Per questo, due telecamere saranno installate una a Montechiaro, all'incrocio con la statale SS. 145 Sorrentina, e un'altra a Seiano, all'incrocio con via Raffaele Bosco. In prossimità dell'ingresso della galleria sarà anche installato un lettore ottico che consentirà di leggere le targhe dei veicoli. Le altre cinque telecamere ad alta definizione saranno localizzate in frazioni lontane dal centro, per rendere sempre più capillare il controllo del territorio. Due occhi elettronici saranno installati a Monte Faito, rispettivamente a Piazzale dei Capi e nei pressi del centro sportivo. Altre due telecamere saranno installate a Moiano, all'incrocio con il bivio per Faito, e saranno collegate con la sezione distaccata del comando dei vigili che sarà aperta a breve nella frazione montana. L'ultima sarà sistemata nel centro di San Salvatore. «Solo quest'anno – continua Ferdinando De Martino – la rete di videosorveglianza si è rivelata fondamentale per risolvere oltre 35 indagini. Per questo è importante rendere sempre più capillare la rete di telecamere». «Spero che l'anno prossimo si possa disporre di maggiori fondi da impegnare sul capitolo della legalità – gli fa eco Vincenzo Cioffi, consigliere del sindaco con delega alla sicurezza – bisogna non soltanto agire in chiave repressiva, aumentando i presidi delle forze dell'ordine sul territorio, ma anche avviare iniziative di prevenzione e di educazione alla legalità a partire dalle scuole». (Claudia Esposito – Il Mattino)