La Casertana torna a vincere, vetta più vicina. Rossoblu impacciati nel primo tempo, poi segnano Alvino e Diakitè

0

La Casertana torna al successo rosicchiando punti importanti sia alla vetta della classifica che al quarto posto, ora distante appena una lunghezza. Ancora una Casertana dai due volti: impacciata e prevedibile nel primo tempo, più incisiva in ripresa. Decisivi i cambi operati dal team tecnico (Gregucci, squalificato, era in tribuna) sia in termini di uomini che di modulo tattico, rimediando a scelte iniziali non adeguate. Trai rossoblù bene Tito, Carrus e Alvino la cui rete del pari ha restituito fiducia e entusiasmo alla sua squadra fino alla rete di un Diakitè che per lunghi tratti della partita ha fatto a sportellate con la difesa avversaria. La Casertana, che deve fare a meno dello squalificato Bianco e dell’infortunato Cissè, rispolvera dal primo minuto Alessandro che con Diakitè e Mancosu, largo a sinistra, va a formare il tridente di un 4-3-3 che vede anche Chiavazzo sulla fascia sinistra di centrocampo. Esordio in campionato per Tito, finora utilizzato solo in Coppa Italia, e conferma di Mattera al posto di Murolo in coppia con Idda nel cuore della retroguardia rossoblù. L’inizio della Casertana è arrembante, ma la prima palla gol davvero clamorosa è della formazione ospite con Arcidiacono che all’8’, smarcato in piena area da Magrassi, si vede respingere la conclusione a botta sicura da Fumagalli. Scampato il pericolo, la Casertana riprende a macinare gioco e al 14’ una conclusione di Carrus dal limite dell’area va a lambire il palo alla sinistra di un Bleve messo fuori da una lieve deviazione di un suo compagno di squadra. Tre minuti più tardi è Alessandro a scaldare i guanti del portiere ospite da posizione assai decentrata. Casertana che continua a comandare il gioco, eccedendo però con tocchi in orizzontale che favoriscono la difesa di un Martina che a sua volta non disdegna di pungere di rimessa. È proprio su una di queste che al 32’ i pugliesi passano in vantaggio, con Magrassi che insacca di testa da sotto misura su traversone dalla sinistra di Carretta. La Casertana accusa il colpo e al 40’ Montalto impegna dalla distanza Fumagalli. Nella ripresa la Casertana cambia maglia e assetto in campo con Mancino e Alvino al posto di Chiavazzo e Alessandro per un 4-2-3-1 un po’ più offensivo e con Mancosu impiegato in una posizione a lui più congeniale. Inizio arrembante, come nel primo tempo del resto, da parte della compagine rossoblù che, tuttavia, non va oltre un generoso pressing comunque facilmente contenuto dal Martina. Fatto sta che tra le file rossoblù si distingue Alvino per vivacità e al 17′ è proprio l’esterno rossoblù a riportare in parità la sua squadra con un rasoterra dai venti metri che sorprende Bleve sul suo palo. La rete di Alvino ribalta totalmente l’inerzia della gara e al 23′ la Casertana passa in vantaggio. Deliziosa combinazione sulla sinistra tra Mancino e Tito e centro di quest’ultimo sul primo palo per l’accorrente Diakitè che di testa infila il portiere ospite. La Casertana prova ad allungare nel punteggio con Diakitè e Mancino pericolosi dalle parti di Bleve. Col passare dei minuti, però, l’intensità della Casertana cala inevitabilmente, ma lo stesso Martina non sembra avere più le energie necessarie per rimettersi in partita. Nel finale buone opportunità per Caruso e Diakitè ma il risultato non cambia con la Casertana che resta agganciata al treno che porta ai play off. (Riccardo Marocco – Il Mattino) 

La Casertana torna al successo rosicchiando punti importanti sia alla vetta della classifica che al quarto posto, ora distante appena una lunghezza. Ancora una Casertana dai due volti: impacciata e prevedibile nel primo tempo, più incisiva in ripresa. Decisivi i cambi operati dal team tecnico (Gregucci, squalificato, era in tribuna) sia in termini di uomini che di modulo tattico, rimediando a scelte iniziali non adeguate. Trai rossoblù bene Tito, Carrus e Alvino la cui rete del pari ha restituito fiducia e entusiasmo alla sua squadra fino alla rete di un Diakitè che per lunghi tratti della partita ha fatto a sportellate con la difesa avversaria. La Casertana, che deve fare a meno dello squalificato Bianco e dell'infortunato Cissè, rispolvera dal primo minuto Alessandro che con Diakitè e Mancosu, largo a sinistra, va a formare il tridente di un 4-3-3 che vede anche Chiavazzo sulla fascia sinistra di centrocampo. Esordio in campionato per Tito, finora utilizzato solo in Coppa Italia, e conferma di Mattera al posto di Murolo in coppia con Idda nel cuore della retroguardia rossoblù. L'inizio della Casertana è arrembante, ma la prima palla gol davvero clamorosa è della formazione ospite con Arcidiacono che all'8’, smarcato in piena area da Magrassi, si vede respingere la conclusione a botta sicura da Fumagalli. Scampato il pericolo, la Casertana riprende a macinare gioco e al 14’ una conclusione di Carrus dal limite dell'area va a lambire il palo alla sinistra di un Bleve messo fuori da una lieve deviazione di un suo compagno di squadra. Tre minuti più tardi è Alessandro a scaldare i guanti del portiere ospite da posizione assai decentrata. Casertana che continua a comandare il gioco, eccedendo però con tocchi in orizzontale che favoriscono la difesa di un Martina che a sua volta non disdegna di pungere di rimessa. È proprio su una di queste che al 32’ i pugliesi passano in vantaggio, con Magrassi che insacca di testa da sotto misura su traversone dalla sinistra di Carretta. La Casertana accusa il colpo e al 40’ Montalto impegna dalla distanza Fumagalli. Nella ripresa la Casertana cambia maglia e assetto in campo con Mancino e Alvino al posto di Chiavazzo e Alessandro per un 4-2-3-1 un po’ più offensivo e con Mancosu impiegato in una posizione a lui più congeniale. Inizio arrembante, come nel primo tempo del resto, da parte della compagine rossoblù che, tuttavia, non va oltre un generoso pressing comunque facilmente contenuto dal Martina. Fatto sta che tra le file rossoblù si distingue Alvino per vivacità e al 17' è proprio l'esterno rossoblù a riportare in parità la sua squadra con un rasoterra dai venti metri che sorprende Bleve sul suo palo. La rete di Alvino ribalta totalmente l'inerzia della gara e al 23' la Casertana passa in vantaggio. Deliziosa combinazione sulla sinistra tra Mancino e Tito e centro di quest'ultimo sul primo palo per l'accorrente Diakitè che di testa infila il portiere ospite. La Casertana prova ad allungare nel punteggio con Diakitè e Mancino pericolosi dalle parti di Bleve. Col passare dei minuti, però, l'intensità della Casertana cala inevitabilmente, ma lo stesso Martina non sembra avere più le energie necessarie per rimettersi in partita. Nel finale buone opportunità per Caruso e Diakitè ma il risultato non cambia con la Casertana che resta agganciata al treno che porta ai play off. (Riccardo Marocco – Il Mattino)