Piano di Sorrento consiglio su Premio Arturo Esposito e Gori, la maggioranza abbandona l’aula

0

Consiglio comunale concitato questa mattina sul Premio Arturo Esposito e sulla Gori  Pubblichiamo il comunicato della maggioranza e poi sotto abbiamo sentito il consigliere comunale di minoranza Anna Iaccarino Ecco  Il resoconto dell’ufficio stampa comunale  è svolto venerdì 7 novembre 2014 il Consiglio comunale di Piano di Sorrento avente all’ordine del giorno i seguenti punti: interrogazioni; mozione a firma dei Consiglieri Vincenzo Iaccarino e Anna Iaccarino sul “Premio Penisola Sorrentina Arturo Esposito”; argomento proposto da Consiglieri di Minoranza: approvazione del protocollo d’intesa per adesione alla rete dei Sindaci dei Comuni A.T.O.3 per la gestione pubblica del servizio idrico integrato. In merito alla mozione sul “Premio Penisola Sorrentina Arturo Esposito” sono state messe agli atti le precisazioni tecniche degli uffici competenti in cui si chiarisce che il marchio dell’evento «non è stato ceduto ma ne è stato consentito solo l’utilizzo per il POR e non in maniera esclusiva […], lasciando inalienabili i diritti di proprietà, utilizzo e sfruttamento anche economico […], perché il Comune fosse legittimato a gestire i rapporti con la Regione Campania in qualità di soggetto beneficiario di finanziamento POR […]. Restano inalterati per Mario Esposito (direttore artistico del Premio, nds), ai sensi della legge sui amrchi e secondo l’art.11 del contratto stipulato col Comune di Piano di Sorrento, i diritti di organizzare altre iniziative legate al marchio del Premio […] in quanto proprietario ed autore autorizzato ad esercitare le privative su tutto il territorio nazionale con tutti gli eventuali atti e benefici: conseguenti richieste di contributi, sponsorizzazioni televisive, pubblicità, accordi con altri enti, convenzioni con tv, promozioni e comunicazioni». Inoltre in merito alla compartecipazione del Comune di Palma Campania si legge: «Nel quadro economico del progetto del Comune di Piano di Sorrento, beneficiario di finanziamento regionale, è contemplata una voce a carico di privati relativa al Teatro delle Rose e alla professionalità connesse. Tale spesa di  Euro 5000, è stata affrontata in maniera diretta dall’associazione “Il Simposio delle Muse” […]. Tale quota di cofinanziamento dell’associazione può derivare da ricavi, altri finanziamenti, contributi erogazioni liberali ed ogni eventuale risorsa di cui l’associazione potrà disporre […]. È pertanto plausibile che anche il ricavo derivante dalla prestazione di promozione e pubblicità effettuata per il Comune di Palma Campania possa andare a coprire, in quota parte, l’onere economico di cui l’associazione si è fatta carico e che in mancanza avrebbe dovuto coprire il Comune di Piano di Sorrento così come espressamente previsto nella Delibera comunale di approvazione del progetto esecutivo». La mozione è stata bocciata con la seguente votazione: presenti 12; favorevoli 2 (Vincenzo Iaccarino, Anna Iaccarino); contrari 8; astenuti 2 (Giovanni Iaccarino, Antonio D’Aniello); assenti 4 (Pasquale D’Aniello, Francesco Gargiulo, Daniele Acampora, Rachele Castellano, Vincenzo Parlato). È stato poi affrontato l’argomento proposto dai Consiglieri di Minoranza riguardante l’approvazione del protocollo d’intesa per adesione alla rete dei Sindaci dei Comuni A.T.O.3 per la gestione pubblica del servizio idrico integrato. In esito alla discussione non è stata assunta alcuna determinazione, in considerazione degli sviluppi in atto, e degli incontri tenuti e in programma tra i Sindaci della Penisola sorrentina e con la Regione Campania. Per questo motivo, decaduto il numero legale necessario, la votazione della mozione non è stata effettuata.

La minoranza , abbiamo sentito l’avvocato Anna Iaccarino 

“Sul Premio Penisola Sorrentina la maggioranza ha ammesso che altri comuni hanno dato contributi per una manifestazione già finanziata per qualcosa che si farà dopo ma non si sa cosa e la vicenda avrà un seguito su questo e altri aspetti.. sulla GORI non hanno voluto fare un’atto contro, come hanno fatto altri comuni, sono stati assenti a Castellammare ma anche ad altri incontri, come altri comuni della Penisola sorrentina, dei comuni dell’Agro Nocerino – Sarnese, hanno preferito far mancare il numero legale, cosa che si commenta da sola” 

Consiglio comunale concitato questa mattina sul Premio Arturo Esposito e sulla Gori  Pubblichiamo il comunicato della maggioranza e poi sotto abbiamo sentito il consigliere comunale di minoranza Anna Iaccarino Ecco  Il resoconto dell'ufficio stampa comunale  è svolto venerdì 7 novembre 2014 il Consiglio comunale di Piano di Sorrento avente all’ordine del giorno i seguenti punti: interrogazioni; mozione a firma dei Consiglieri Vincenzo Iaccarino e Anna Iaccarino sul “Premio Penisola Sorrentina Arturo Esposito”; argomento proposto da Consiglieri di Minoranza: approvazione del protocollo d’intesa per adesione alla rete dei Sindaci dei Comuni A.T.O.3 per la gestione pubblica del servizio idrico integrato. In merito alla mozione sul “Premio Penisola Sorrentina Arturo Esposito” sono state messe agli atti le precisazioni tecniche degli uffici competenti in cui si chiarisce che il marchio dell’evento «non è stato ceduto ma ne è stato consentito solo l’utilizzo per il POR e non in maniera esclusiva […], lasciando inalienabili i diritti di proprietà, utilizzo e sfruttamento anche economico […], perché il Comune fosse legittimato a gestire i rapporti con la Regione Campania in qualità di soggetto beneficiario di finanziamento POR […]. Restano inalterati per Mario Esposito (direttore artistico del Premio, nds), ai sensi della legge sui amrchi e secondo l’art.11 del contratto stipulato col Comune di Piano di Sorrento, i diritti di organizzare altre iniziative legate al marchio del Premio […] in quanto proprietario ed autore autorizzato ad esercitare le privative su tutto il territorio nazionale con tutti gli eventuali atti e benefici: conseguenti richieste di contributi, sponsorizzazioni televisive, pubblicità, accordi con altri enti, convenzioni con tv, promozioni e comunicazioni». Inoltre in merito alla compartecipazione del Comune di Palma Campania si legge: «Nel quadro economico del progetto del Comune di Piano di Sorrento, beneficiario di finanziamento regionale, è contemplata una voce a carico di privati relativa al Teatro delle Rose e alla professionalità connesse. Tale spesa di  Euro 5000, è stata affrontata in maniera diretta dall’associazione “Il Simposio delle Muse” […]. Tale quota di cofinanziamento dell’associazione può derivare da ricavi, altri finanziamenti, contributi erogazioni liberali ed ogni eventuale risorsa di cui l’associazione potrà disporre […]. È pertanto plausibile che anche il ricavo derivante dalla prestazione di promozione e pubblicità effettuata per il Comune di Palma Campania possa andare a coprire, in quota parte, l’onere economico di cui l’associazione si è fatta carico e che in mancanza avrebbe dovuto coprire il Comune di Piano di Sorrento così come espressamente previsto nella Delibera comunale di approvazione del progetto esecutivo». La mozione è stata bocciata con la seguente votazione: presenti 12; favorevoli 2 (Vincenzo Iaccarino, Anna Iaccarino); contrari 8; astenuti 2 (Giovanni Iaccarino, Antonio D’Aniello); assenti 4 (Pasquale D’Aniello, Francesco Gargiulo, Daniele Acampora, Rachele Castellano, Vincenzo Parlato). È stato poi affrontato l’argomento proposto dai Consiglieri di Minoranza riguardante l’approvazione del protocollo d’intesa per adesione alla rete dei Sindaci dei Comuni A.T.O.3 per la gestione pubblica del servizio idrico integrato. In esito alla discussione non è stata assunta alcuna determinazione, in considerazione degli sviluppi in atto, e degli incontri tenuti e in programma tra i Sindaci della Penisola sorrentina e con la Regione Campania. Per questo motivo, decaduto il numero legale necessario, la votazione della mozione non è stata effettuata.

La minoranza , abbiamo sentito l'avvocato Anna Iaccarino 

"Sul Premio Penisola Sorrentina la maggioranza ha ammesso che altri comuni hanno dato contributi per una manifestazione già finanziata per qualcosa che si farà dopo ma non si sa cosa e la vicenda avrà un seguito su questo e altri aspetti.. sulla GORI non hanno voluto fare un'atto contro, come hanno fatto altri comuni, sono stati assenti a Castellammare ma anche ad altri incontri, come altri comuni della Penisola sorrentina, dei comuni dell'Agro Nocerino – Sarnese, hanno preferito far mancare il numero legale, cosa che si commenta da sola"