Vico Equense tagli illegali di Faggi sul Faito e da Castellammare è l’inferno

0

E’ ancora il Wwf penisola sorrentina che veglia sul nostro verde , questa volta Claudio d’Esposito denuncia che  alberi di Faggio sono scempiati sul Faito a Vico Equense, ma altri vengon segnalati a Ticciano, il prezioso patrimonioarboreo è sempre più minacciato da Sorrento e dintorni e neanche I boschi vengono lasciati in pace . Una situazione quella del Faito di abbandono in genere, quasi terra di nessuno, ma quando si scende per Castellammare di Stabia, sul versante che porta verso il Quisisana, una strada perennamente chiusa, che potrebbe essere un’arteria importante, visto anche che la funivia non funziona, succede l’inferno, un vero e proprio campo di illegalità che non si ferma ai tagli selvaggi ed indiscriminati degli alberi, ma anche al dissesto idrogeologico incurato, per non parlare delle  piantagioni di marijuana se non anche di peggio, una strada abbandonata da tutti dove anche le istituzioni si sono arrese. E di fronte a questa situazione di degrado indicibile è assurdo parlare di Parco dei Monti Lattari, di cui esiste in pratica solo il nome, o di accordi della Regione Campania non si sa su quale basi, che portano poi a far da scaribarile sulle fragili spalle dei comuni di problemi enormi per quello che potrebbe essere una grandissima risorsa per il turismo regionale ” Continua nel silenzio e nell’omertà assolute la “mattanza” di faggi del Monte Faito. Probabilmente i tagli avvengano all’alba o nottetempo, e se fino a qualche anno fa interessavano esemplari di giovanissima età, a margine della rete stradale, oggi i taglialegna abusivi si inoltrano anche in zone più distanti dalle carrabili, vittime i grandi alberi…  – dice il presidente del WWF Claudio d’ Esposito -, come testimoniano alcune delle tristi foto scattate in questi ultimi anni.Fermiamo le motoseghe fuorilegge nel cuore del Parco Regionale dei Monti Lattari. Urge un intervento del Corpo Forestale dello Stato!!!”

E' ancora il Wwf penisola sorrentina che veglia sul nostro verde , questa volta Claudio d'Esposito denuncia che  alberi di Faggio sono scempiati sul Faito a Vico Equense, ma altri vengon segnalati a Ticciano, il prezioso patrimonioarboreo è sempre più minacciato da Sorrento e dintorni e neanche I boschi vengono lasciati in pace . Una situazione quella del Faito di abbandono in genere, quasi terra di nessuno, ma quando si scende per Castellammare di Stabia, sul versante che porta verso il Quisisana, una strada perennamente chiusa, che potrebbe essere un'arteria importante, visto anche che la funivia non funziona, succede l'inferno, un vero e proprio campo di illegalità che non si ferma ai tagli selvaggi ed indiscriminati degli alberi, ma anche al dissesto idrogeologico incurato, per non parlare delle  piantagioni di marijuana se non anche di peggio, una strada abbandonata da tutti dove anche le istituzioni si sono arrese. E di fronte a questa situazione di degrado indicibile è assurdo parlare di Parco dei Monti Lattari, di cui esiste in pratica solo il nome, o di accordi della Regione Campania non si sa su quale basi, che portano poi a far da scaribarile sulle fragili spalle dei comuni di problemi enormi per quello che potrebbe essere una grandissima risorsa per il turismo regionale " Continua nel silenzio e nell'omertà assolute la "mattanza" di faggi del Monte Faito. Probabilmente i tagli avvengano all'alba o nottetempo, e se fino a qualche anno fa interessavano esemplari di giovanissima età, a margine della rete stradale, oggi i taglialegna abusivi si inoltrano anche in zone più distanti dalle carrabili, vittime i grandi alberi…  – dice il presidente del WWF Claudio d' Esposito -, come testimoniano alcune delle tristi foto scattate in questi ultimi anni.Fermiamo le motoseghe fuorilegge nel cuore del Parco Regionale dei Monti Lattari. Urge un intervento del Corpo Forestale dello Stato!!!"