Elefante: “Gli scontri con Migliaccio, invenzioni. A metà novembre la demolizione dell’Alimuri”. Sul cartaceo

0

Esclusiva con approfondimenti  sul cartaceo di Positanonews in edicola. Vico Equense. Sui presunti scontri del vicesindaco Benedetto Migliaccio con il sindaco Gennaro Cinque sentiamo l’assessore Antonio Elefante. Si parla di frizioni con Migliaccio, che ultimamente era assente da molte giunte. Addirittura si è parlato di una cena dove il sindaco di Vico avrebbe avuto una discussione battendo un pugno sul tavolo. “Gli scontri con Migliaccio sono invenzioni – dice Elefante – Il sindaco quando facciamo giunta lo fa spesso, è un suo modo di fare anche per cercare di velocizzare. La cena? Non ne sapevo neanche l’esistenza…” .Per il resto il lavoro come procede? “A metà novembre la demolizione dell’Alimuri. Entro la settimana prossima appalteremo i lavori”. Venerdì si procederà ad aggiudicare la gara fra i dieci partecipanti e poi si dovrebbe partire per l’opera , entro fine anno la spiaggia di Meta dovrebbe essere libera to be tuned su Positanonews dove seguiremo la vicenda

Esclusiva con approfondimenti  sul cartaceo di Positanonews in edicola. Vico Equense. Sui presunti scontri del vicesindaco Benedetto Migliaccio con il sindaco Gennaro Cinque sentiamo l’assessore Antonio Elefante. Si parla di frizioni con Migliaccio, che ultimamente era assente da molte giunte. Addirittura si è parlato di una cena dove il sindaco di Vico avrebbe avuto una discussione battendo un pugno sul tavolo. “Gli scontri con Migliaccio sono invenzioni – dice Elefante – Il sindaco quando facciamo giunta lo fa spesso, è un suo modo di fare anche per cercare di velocizzare. La cena? Non ne sapevo neanche l’esistenza…” .Per il resto il lavoro come procede? “A metà novembre la demolizione dell’Alimuri. Entro la settimana prossima appalteremo i lavori”. Venerdì si procederà ad aggiudicare la gara fra i dieci partecipanti e poi si dovrebbe partire per l'opera , entro fine anno la spiaggia di Meta dovrebbe essere libera to be tuned su Positanonews dove seguiremo la vicenda