Nella notte alluvione a Genova, la città in ginocchio. Un morto, non era stato dato l’allerta meteo VIDEO

0

Il maltempo torna a colpire la Liguria. A tre anni dall’alluvione del 2011, Genova è di nuovo travolta dalle piogge torrenziali che hanno fatto esondare numerosi torrenti, tra cui il Bisagno ed il Rio Fereggiano. Al momento si conta una vittima, nella zona di Brignole, con le strade allagate e coperte di fango. Comune e Protezione civile ai cittadini: raggiungete i piani alti. I ministri Pinotti e Orlando sono in contatto con la Prefettura.

La Procura di Genova aprirà un fascicolo ipotizzando il reato di omicidio colposo per la morte dell’uomo di 57 anni travolto dalla piena del torrente Bisagno. Il cadavere è stato trovato dai sommozzatori dei vigili del fuoco la notte scorsa a Borgo Incrociati, dietro alla stazione di Brignole. La vittima è stata identificata: si tratta di Antonio Campanella, 57 anni. Era un infermiere. L’uomo, secondo quanto appreso, era residente nella zona di Brignole e potrebbe esser stato investito dall’onda di piena mentre rientrava in casa.

“L’allerta meteo per l’alluvione di Genova non è stata data perché le valutazioni dell’Arpal basate su modelli matematici non hanno segnalato l’allarme”. Lo dice l’assessore regionale alla protezione civile Raffaella Paita.

La situazione è ancora critica: alcune zone della città sono ancora prive di energia elettrica con strade allagate e piene di detriti. L’ondata di piena, che era attesa nella notte, è passata senza causare ulteriori danni. Oggi le scuole e i mercati cittadini rimarranno chiusi. Chiusa anche la sede del Consiglio regionale della Liguria, nella centrale via Fieschi. E’ già tempo di polemiche per la mancata allerta meteo non segnalata. Per tutta la notte in Prefettura è rimasta aperta la sala emergenze per monitorare la situazione.

L’allerta resta alta: la situazione meteorologica “tra Savona e le Cinque Terre è estremamente critica”. Lo afferma Arpal che sta monitorando l’insorgere delle perturbazioni che si stanno creando in mare, al largo di Genova. Le perturbazioni potrebbero tornare a colpire con grande intensità la città fino al primo pomeriggio di oggi.

Appello del Comune ai cosiddetti ‘Angeli del fango’: “Le persone che intendono prestare la loro opera volontaria nelle zone colpite dall’alluvione a Genova devono rivolgersi ai cinque Municipi cittadini”. I punti di riferimento per i volontari sono i seguenti Municipi: Bassa Valbisagno in piazza Manzoni 1, Media Valbisagno in piazza dell’Olmo 3, Centro Est in via Garibaldi 9 Palazzo Galliera, Medio Levante in via Mascherpa 34 rosso e Levante in via Pinasco 7 dove saranno organizzati dagli operatori Aster.

Disposta dalle autorità competenti la chiusura del casello di Genova Est dell’autostrada A12 dopo che durante la notte erano stati chiusi anche i caselli di Genova Nervi e Genova Ovest. Le condizioni meteo sono ulteriormente peggiorate e non accenna a smettere di piovere tanto che la viabilità di alcune zone della città non colpite direttamente dall’esondazione del Bisagno è stata interdetta.

Notte di paura – Il Bisagno è esondato tra Molassana e Brignole. L’acqua ha invaso le strade circostanti trascinando via le auto parcheggiate. I Rio Feregiano ha rotto gli argini, travolgendo altre auto in sosta, cartelli stradali e allagando la zona dietro lo stadio Ferraris. Esondato anche lo Sturla, torrente del quartiere levante di Genova.

La Protezione Civile regionale sta facendo appello ai cittadini che vivono nella parte di Genova attraversata dal torrente Bisagno a non uscire di casa e rifugiarsi ai piani alti. In alcune zone l’acqua del torrente è arrivata ad un’altezza di un metro e ottanta, come nella zona di Sant’Agata, in corso Sardegna. Il temporale poco dopo mezzanotte ha rallentato la sua forza e questo potrebbe consentire il deflusso delle acque esondate. Il torrente Scrivia è esondato a Montoggio, al confine tra Liguria e Piemonte. Alcune persone rimaste nelle auto circondate dall’ acqua sono state soccorse da vigili del fuoco, intervenuti anche con i nuclei sommozzatori. Secondo alcune testimonianza, l’acqua del torrente Scrivia ha raggiunto il primo piano delle case. Alcune auto, spinte dalla forza dell’onda di piena, sono rimaste incastrate tra le mura delle case.

I vigili del fuoco hanno effettuato almeno 250 interventi dalla serata di ieri, soprattutto per soccorsi a persone, allagamenti, alberi abbattuti, piccole frane. Le squadre lavorano anche con l’ausilio di ruspe per il ripristino della viabilità. In località Montoggio il torrente Scrivia è esondato allagando strade e zone abitate. Immediato l’intervento con i sommozzatori che hanno salvato alcune persone rimaste intrappolate nelle proprie autovetture. Esondazioni di alcuni affluenti del fiume Bisagno hanno provocato allagamenti diffusi nei quartieri Molassana e Brignole. Esondati anche il fiume Sturla e il torrente Fereggiano. Il dispositivo di soccorso è stato potenziato con l’invio di sezioni operative dai Comandi di Savona, La Spezia, Firenze e Bologna, ulteriori sezioni sono in arrivo dai Comandi di Pisa e Milano. 200 i vigili del fuoco al lavoro. (Ansa)

Il maltempo torna a colpire la Liguria. A tre anni dall'alluvione del 2011, Genova è di nuovo travolta dalle piogge torrenziali che hanno fatto esondare numerosi torrenti, tra cui il Bisagno ed il Rio Fereggiano. Al momento si conta una vittima, nella zona di Brignole, con le strade allagate e coperte di fango. Comune e Protezione civile ai cittadini: raggiungete i piani alti. I ministri Pinotti e Orlando sono in contatto con la Prefettura.

La Procura di Genova aprirà un fascicolo ipotizzando il reato di omicidio colposo per la morte dell'uomo di 57 anni travolto dalla piena del torrente Bisagno. Il cadavere è stato trovato dai sommozzatori dei vigili del fuoco la notte scorsa a Borgo Incrociati, dietro alla stazione di Brignole. La vittima è stata identificata: si tratta di Antonio Campanella, 57 anni. Era un infermiere. L'uomo, secondo quanto appreso, era residente nella zona di Brignole e potrebbe esser stato investito dall'onda di piena mentre rientrava in casa.

"L'allerta meteo per l'alluvione di Genova non è stata data perché le valutazioni dell'Arpal basate su modelli matematici non hanno segnalato l'allarme". Lo dice l'assessore regionale alla protezione civile Raffaella Paita.

La situazione è ancora critica: alcune zone della città sono ancora prive di energia elettrica con strade allagate e piene di detriti. L'ondata di piena, che era attesa nella notte, è passata senza causare ulteriori danni. Oggi le scuole e i mercati cittadini rimarranno chiusi. Chiusa anche la sede del Consiglio regionale della Liguria, nella centrale via Fieschi. E' già tempo di polemiche per la mancata allerta meteo non segnalata. Per tutta la notte in Prefettura è rimasta aperta la sala emergenze per monitorare la situazione.

L'allerta resta alta: la situazione meteorologica "tra Savona e le Cinque Terre è estremamente critica". Lo afferma Arpal che sta monitorando l'insorgere delle perturbazioni che si stanno creando in mare, al largo di Genova. Le perturbazioni potrebbero tornare a colpire con grande intensità la città fino al primo pomeriggio di oggi.

Appello del Comune ai cosiddetti 'Angeli del fango': "Le persone che intendono prestare la loro opera volontaria nelle zone colpite dall'alluvione a Genova devono rivolgersi ai cinque Municipi cittadini". I punti di riferimento per i volontari sono i seguenti Municipi: Bassa Valbisagno in piazza Manzoni 1, Media Valbisagno in piazza dell'Olmo 3, Centro Est in via Garibaldi 9 Palazzo Galliera, Medio Levante in via Mascherpa 34 rosso e Levante in via Pinasco 7 dove saranno organizzati dagli operatori Aster.

Disposta dalle autorità competenti la chiusura del casello di Genova Est dell'autostrada A12 dopo che durante la notte erano stati chiusi anche i caselli di Genova Nervi e Genova Ovest. Le condizioni meteo sono ulteriormente peggiorate e non accenna a smettere di piovere tanto che la viabilità di alcune zone della città non colpite direttamente dall'esondazione del Bisagno è stata interdetta.

Notte di paura – Il Bisagno è esondato tra Molassana e Brignole. L'acqua ha invaso le strade circostanti trascinando via le auto parcheggiate. I Rio Feregiano ha rotto gli argini, travolgendo altre auto in sosta, cartelli stradali e allagando la zona dietro lo stadio Ferraris. Esondato anche lo Sturla, torrente del quartiere levante di Genova.

La Protezione Civile regionale sta facendo appello ai cittadini che vivono nella parte di Genova attraversata dal torrente Bisagno a non uscire di casa e rifugiarsi ai piani alti. In alcune zone l'acqua del torrente è arrivata ad un'altezza di un metro e ottanta, come nella zona di Sant'Agata, in corso Sardegna. Il temporale poco dopo mezzanotte ha rallentato la sua forza e questo potrebbe consentire il deflusso delle acque esondate. Il torrente Scrivia è esondato a Montoggio, al confine tra Liguria e Piemonte. Alcune persone rimaste nelle auto circondate dall' acqua sono state soccorse da vigili del fuoco, intervenuti anche con i nuclei sommozzatori. Secondo alcune testimonianza, l'acqua del torrente Scrivia ha raggiunto il primo piano delle case. Alcune auto, spinte dalla forza dell'onda di piena, sono rimaste incastrate tra le mura delle case.

I vigili del fuoco hanno effettuato almeno 250 interventi dalla serata di ieri, soprattutto per soccorsi a persone, allagamenti, alberi abbattuti, piccole frane. Le squadre lavorano anche con l'ausilio di ruspe per il ripristino della viabilità. In località Montoggio il torrente Scrivia è esondato allagando strade e zone abitate. Immediato l'intervento con i sommozzatori che hanno salvato alcune persone rimaste intrappolate nelle proprie autovetture. Esondazioni di alcuni affluenti del fiume Bisagno hanno provocato allagamenti diffusi nei quartieri Molassana e Brignole. Esondati anche il fiume Sturla e il torrente Fereggiano. Il dispositivo di soccorso è stato potenziato con l'invio di sezioni operative dai Comandi di Savona, La Spezia, Firenze e Bologna, ulteriori sezioni sono in arrivo dai Comandi di Pisa e Milano. 200 i vigili del fuoco al lavoro. (Ansa)