Canone Rai, si cambia: meno caro e in base al reddito. In arrivo entro ottobre un decreto

0

Rivoluzione in arrivo per il canone Rai. A cominciare dall’abbonamento in scadenza nel prossimo gennaio 2015. La rata slitterà di qualche mese. Il governo è intenzionato infatti a presentare entro ottobre un decreto con l’obiettivo di convertirlo in legge entro l’anno. Il modello, al quale hanno lavorato lo staff del sottosegretario allo Sviluppo Antonello Giacomelli e il Tesoro, prevede un criterio di calcolo innovativo. Non sarà uguale per tutti –attualmente è di 113,50 euro – e non dipenderà più dal possesso dell’apparecchio. Oscillerà tra i 35 e i 65 euro in base a reddito e consumi. Il governo mira ad eliminare quasi del tutto l’evasione che si aggira intorno al 27%, con punte del 50% in Campania, Sicilia e Calabria. L’importo sarà più basso grazie agli introiti di Giochi e Lotterie. Nel decreto-canone potrebbe confluire anche un emendamento per bloccare lo “sconto” a Rai e a Mediaset. Un “regalino” da circa 140 milioni di euro in 7 anni dovuto al ricalcolo delle frequenze. Il sottosegretario Giacomelli sta concordando infatti con la presidenza del Consiglio le modalità per far scattare lo stop. I nuovi criteri fissati da una delibera votata ad agosto dall’Agcom, l’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni, non troveranno applicazione. L’applicazione del nuovo canone sulle frequenze nasce dall’esigenza di rivedere il quadro normativo. Con il passaggio dall’analogico al digitale i contributi graveranno sugli operatori di Rete, non più legati dunque come prima al fatturato. Il ministero allo Sviluppo economico aveva chiesto un ripensamento. Lo stesso Giacomelli aveva scritto all’Agcom, evidenziando i minori introiti che le nuove regole avrebbero comportato per lo Stato, vanificando o quasi gli effetti balsamici della spending review. Tre commissari hanno votato a favore dello sconto, Antonio Nicita, pd, si è astenuto nonostante il capogruppo in Vigilanza Rai, il dem Vinicio Peluffo avesse giudicato la delibera «una gravissima forzatura». Michele Anzaldi, segretario della Commissione Vigilanza, anche lui esponente pd, ha annunciato un esposto alla Procura. E ora commenta: «Trovo, per usare un eufemismo, molto “singolare” che consiglieri che fanno riferimento al centrosinistra non abbiano tenuto conto delle posizioni del capogruppo Peluffo e di un esponente del governo…». Sarà scontro? (Claudio Marincola – Il Mattino)

Rivoluzione in arrivo per il canone Rai. A cominciare dall'abbonamento in scadenza nel prossimo gennaio 2015. La rata slitterà di qualche mese. Il governo è intenzionato infatti a presentare entro ottobre un decreto con l'obiettivo di convertirlo in legge entro l'anno. Il modello, al quale hanno lavorato lo staff del sottosegretario allo Sviluppo Antonello Giacomelli e il Tesoro, prevede un criterio di calcolo innovativo. Non sarà uguale per tutti –attualmente è di 113,50 euro – e non dipenderà più dal possesso dell'apparecchio. Oscillerà tra i 35 e i 65 euro in base a reddito e consumi. Il governo mira ad eliminare quasi del tutto l'evasione che si aggira intorno al 27%, con punte del 50% in Campania, Sicilia e Calabria. L'importo sarà più basso grazie agli introiti di Giochi e Lotterie. Nel decreto-canone potrebbe confluire anche un emendamento per bloccare lo “sconto” a Rai e a Mediaset. Un “regalino” da circa 140 milioni di euro in 7 anni dovuto al ricalcolo delle frequenze. Il sottosegretario Giacomelli sta concordando infatti con la presidenza del Consiglio le modalità per far scattare lo stop. I nuovi criteri fissati da una delibera votata ad agosto dall'Agcom, l'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni, non troveranno applicazione. L'applicazione del nuovo canone sulle frequenze nasce dall'esigenza di rivedere il quadro normativo. Con il passaggio dall'analogico al digitale i contributi graveranno sugli operatori di Rete, non più legati dunque come prima al fatturato. Il ministero allo Sviluppo economico aveva chiesto un ripensamento. Lo stesso Giacomelli aveva scritto all'Agcom, evidenziando i minori introiti che le nuove regole avrebbero comportato per lo Stato, vanificando o quasi gli effetti balsamici della spending review. Tre commissari hanno votato a favore dello sconto, Antonio Nicita, pd, si è astenuto nonostante il capogruppo in Vigilanza Rai, il dem Vinicio Peluffo avesse giudicato la delibera «una gravissima forzatura». Michele Anzaldi, segretario della Commissione Vigilanza, anche lui esponente pd, ha annunciato un esposto alla Procura. E ora commenta: «Trovo, per usare un eufemismo, molto “singolare” che consiglieri che fanno riferimento al centrosinistra non abbiano tenuto conto delle posizioni del capogruppo Peluffo e di un esponente del governo…». Sarà scontro? (Claudio Marincola – Il Mattino)