SITA BLOCCATI GLI STIPENDI AI DIPENDENTI, AL RISCHIO LE CORSE. COSTIERA AMALFITANA IN ANSIA

0

Non c’è pace per i pendolari , ancora in ansia per le corse della SITA in Costiera amalfitana, dove è l’unico mezzo di trasporto pubblico, a rischio le  tratte Amalfi – Sorrento,  ancora piena di turisti, in fibrillazione anche i Monti Lattari  con Agerola, e la Penisola Sorrentina a Massa Lubrense, fra la provincia di Salerno e Napoli di cui ci occupiamo. Un pensiero ai dipendenti con famiglie da campare, mutui da pagare e problemi vari, non meritano questo trattamento, che li porta all’esasperazione .  Lo stipendio di settembre è rinviato. A data da destinarsi. Si sintetizza così la nota che la direzione regionale della Sita Sud ha inviato a tutti i dipendenti dell’azienda di trasporto pubblico locale, per comunicare il ritardo nel pagamento del salario per il lavoro svolto nel mese in corso. Una notizia di certo non nuova nella forma, che ha caratterizzato, per lunghi tratti, ogni mese del 2014, con una settimana o anche dieci giorni di ritardo nell’accredito in banca delle mensilità. Slittamenti temporali sempre specificati. A cambiare, questa volta, è proprio l’assenza di una data in cui, quantomeno ipoteticamente, la Sita Sud potrebbe essere in grado di pagare gli stipendi. «A seguito della mancata attestazione di credito da parte della Regione Campania – recita il comunicato interno a firma del direttore regionale dell’azienda, Simone Spinosa – si informa tutto il personale dipendente che le retribuzioni di settembre 2014 saranno erogate oltre il termine del 30 corrente». Saltata, dunque, la giornata di oggi come scadenza ultima per il pagamento, ai lavoratori non resta che attendere se e quando le risorse regionali arriveranno. Torna sotto i riflettori il delicato equilibrio instaurato a luglio tra azienda e Regione Campania, dopo due mesi di braccio di ferro e avvio della procedura di licenziamento collettivo.

Non c'è pace per i pendolari , ancora in ansia per le corse della SITA in Costiera amalfitana, dove è l'unico mezzo di trasporto pubblico, a rischio le  tratte Amalfi – Sorrento,  ancora piena di turisti, in fibrillazione anche i Monti Lattari  con Agerola, e la Penisola Sorrentina a Massa Lubrense, fra la provincia di Salerno e Napoli di cui ci occupiamo. Un pensiero ai dipendenti con famiglie da campare, mutui da pagare e problemi vari, non meritano questo trattamento, che li porta all'esasperazione .  Lo stipendio di settembre è rinviato. A data da destinarsi. Si sintetizza così la nota che la direzione regionale della Sita Sud ha inviato a tutti i dipendenti dell’azienda di trasporto pubblico locale, per comunicare il ritardo nel pagamento del salario per il lavoro svolto nel mese in corso. Una notizia di certo non nuova nella forma, che ha caratterizzato, per lunghi tratti, ogni mese del 2014, con una settimana o anche dieci giorni di ritardo nell’accredito in banca delle mensilità. Slittamenti temporali sempre specificati. A cambiare, questa volta, è proprio l’assenza di una data in cui, quantomeno ipoteticamente, la Sita Sud potrebbe essere in grado di pagare gli stipendi. «A seguito della mancata attestazione di credito da parte della Regione Campania – recita il comunicato interno a firma del direttore regionale dell’azienda, Simone Spinosa – si informa tutto il personale dipendente che le retribuzioni di settembre 2014 saranno erogate oltre il termine del 30 corrente». Saltata, dunque, la giornata di oggi come scadenza ultima per il pagamento, ai lavoratori non resta che attendere se e quando le risorse regionali arriveranno. Torna sotto i riflettori il delicato equilibrio instaurato a luglio tra azienda e Regione Campania, dopo due mesi di braccio di ferro e avvio della procedura di licenziamento collettivo.