SCUDERIA VESUVIO DI AGEROLA TRE TITOLI ITALIANI

0

Alla 32ª Pedavena-Croce d’Aune, in un weekend appassionante ed avvincente sino all’ultimo metro, la Scuderia Vesuvio di Agerola ha raccolto successi e soddisfazioni grazie ai suoi portacolori. Nell’ultimo appuntamento della stagione 2014 è stato Paride Macario su Lola Evo Judd a conquistare la vittoria assoluta, sopravanzando Enrico Zandonà su Reynard 883 e Gino Pedrotti in gara con la Formula Renault Per la Scuderia Vesuvio le gioie più grandi sono arrivate con Piero Nappia bordo della performante Ferrari 550 ed Ivan Pezzollasu Mini Cooper S, i quali hanno conquistato l’iride italiano rispettivamente dei gruppi E1 Italia e Racing Start sfruttando al meglio le vetture curate perfettamente dalla Catapano Corse. Il napoletano Nappiha conquistato il meritatissimo titolo, dopo aver combattuto sino alla fine col bolognese Fulvio Giuliani e la sua potentissima Lancia Delta Evo, inanellando ben 8 vittorie lungo la stagione, le ultime due proprio a Pedavena dove ha chiuso anche al 6° posto della classifica assoluta Annata intensa per Nappi, il quale in Giugno ha difeso i colori Scuderia Vesuvio anche oltreoceano, alla 92^ PikesPeak, la famosa “Cronoscalata tra le nuvole” che si svolge ogni anno in Colorado, rimanendo però a bocca asciutta a causa di un’uscita di strada mentre lottava per la vittoria. Il fasanese figlio d’arte Pezzollaha invece raggiunto l’atteso successo vincendo gara 2 a Pedavena e portando così a 11 il bottino di successi stagionali, dopo un serrato duello durato l’intera stagione con l’altro fasanese Oronzo Montanaro. Per Pezzolla oltre alla gioia per il successo di Gruppo vi è anche la soddisfazione per aver conquistato il trofeo riservato agli Under 25. Queste le loro parole a caldo: “”La vittoria è arrivata finalmente possiamo dire di avere conquistato il titolo – la dichiarazione di Piero Nappi – a Rieti ed anche oggi qui finalmente abbiamo trovato il set up ideale ed il lavoro delle gomme ci ha perfettamente coadiuvati. E’ stata una bella stagione molto combattuta, dove ho lottato con avversari molto validi”-.

Alla 32ª Pedavena-Croce d’Aune, in un weekend appassionante ed avvincente sino all’ultimo metro, la Scuderia Vesuvio di Agerola ha raccolto successi e soddisfazioni grazie ai suoi portacolori. Nell’ultimo appuntamento della stagione 2014 è stato Paride Macario su Lola Evo Judd a conquistare la vittoria assoluta, sopravanzando Enrico Zandonà su Reynard 883 e Gino Pedrotti in gara con la Formula Renault Per la Scuderia Vesuvio le gioie più grandi sono arrivate con Piero Nappia bordo della performante Ferrari 550 ed Ivan Pezzollasu Mini Cooper S, i quali hanno conquistato l’iride italiano rispettivamente dei gruppi E1 Italia e Racing Start sfruttando al meglio le vetture curate perfettamente dalla Catapano Corse. Il napoletano Nappiha conquistato il meritatissimo titolo, dopo aver combattuto sino alla fine col bolognese Fulvio Giuliani e la sua potentissima Lancia Delta Evo, inanellando ben 8 vittorie lungo la stagione, le ultime due proprio a Pedavena dove ha chiuso anche al 6° posto della classifica assoluta Annata intensa per Nappi, il quale in Giugno ha difeso i colori Scuderia Vesuvio anche oltreoceano, alla 92^ PikesPeak, la famosa “Cronoscalata tra le nuvole” che si svolge ogni anno in Colorado, rimanendo però a bocca asciutta a causa di un’uscita di strada mentre lottava per la vittoria. Il fasanese figlio d’arte Pezzollaha invece raggiunto l’atteso successo vincendo gara 2 a Pedavena e portando così a 11 il bottino di successi stagionali, dopo un serrato duello durato l’intera stagione con l’altro fasanese Oronzo Montanaro. Per Pezzolla oltre alla gioia per il successo di Gruppo vi è anche la soddisfazione per aver conquistato il trofeo riservato agli Under 25. Queste le loro parole a caldo: “”La vittoria è arrivata finalmente possiamo dire di avere conquistato il titolo – la dichiarazione di Piero Nappi – a Rieti ed anche oggi qui finalmente abbiamo trovato il set up ideale ed il lavoro delle gomme ci ha perfettamente coadiuvati. E’ stata una bella stagione molto combattuta, dove ho lottato con avversari molto validi”-.

Lascia una risposta