Ebola, in Sierra Leone 150 nuovi casi e 70 morti

0

Lo ha annunciato il governo dopo 3 giorni di quarantena. A Madrid medico spagnolo contagiato in Sierra Leone

Centocinquanta nuovi casi di Ebola e 70 cadaveri sono stati scoperti in Sierra Leone dopo tre giorni di quarantena. Lo ha annunciato il governo del Paese africano.

L’annuncio del Ministero della Sanità di Sierra Leone

A MADRID MEDICO SPAGNOLO CONTAGIATO IN SIERRA LEONE – Il religioso e medico spagnolo Manuel Garcia Viejo, colpito dal virus dell’ebola, è stato rimpatriato oggi dalla Sierra Leone in Spagna, dove è giunto all’alba su un aereo ospedale dell’Esercito, atterrato alle 3,00 nell’aeroporto madrileno di Torrejon de Ardoz. Manuel Garcia Viejo, di 69 anni, dei quali gli ultimi 12 trascorsi come direttore dell’ospedale dell’ordine di San Juan de Dios a Lunsar, in Serra Leone, è stato trasferito al nosocomio Carlo III, con lo stesso protocollo di sicurezza impiegato per il primo ammalato di ebola giunto in Europa, il missionario Miguel Pajares, morto il 12 agosto vittima del virus. Garcia Viejo è in un reparto isolato, al sesto piano, con una ventilazione speciale che impedisce all’area di uscire dalla camera di degenza, anche se in questa occasione non è stato evacuato il piano e il reparto ospedaliero, come nel caso del ricovero di Muguel Pajares. Le sue condizioni sono definite stabili nella gravità.

MEDICI SENZA FRONTIERE: “SIAMO AL LIMITE” – “A 6 mesi dall’inizio della peggiore epidemia di Ebola, la risposta internazionale è ancora inadeguata, stiamo perdendo troppe vite e le nostre equipe sono al limite delle loro capacità. Occorre agire ora per fermare l’epidemia”. È l’appello lanciato da Medici Senza Frontiere (MSF) impegnata in Africa Occidentale fin dai primi giorni dell’epidemia. “Nessuno si attendeva che il budget 2014 di MSF per l’Ebola arrivasse a 46 mln”. Da oggi fino al 4 ottobre è possibile effettuare donazioni al numero 45507.

ANSA  22 settembre 2014  14:07

Inserito da Alberto Del Grosso

Garante dei Lettori

Lo ha annunciato il governo dopo 3 giorni di quarantena. A Madrid medico spagnolo contagiato in Sierra Leone

Centocinquanta nuovi casi di Ebola e 70 cadaveri sono stati scoperti in Sierra Leone dopo tre giorni di quarantena. Lo ha annunciato il governo del Paese africano.

L'annuncio del Ministero della Sanità di Sierra Leone

A MADRID MEDICO SPAGNOLO CONTAGIATO IN SIERRA LEONE – Il religioso e medico spagnolo Manuel Garcia Viejo, colpito dal virus dell'ebola, è stato rimpatriato oggi dalla Sierra Leone in Spagna, dove è giunto all'alba su un aereo ospedale dell'Esercito, atterrato alle 3,00 nell'aeroporto madrileno di Torrejon de Ardoz. Manuel Garcia Viejo, di 69 anni, dei quali gli ultimi 12 trascorsi come direttore dell'ospedale dell'ordine di San Juan de Dios a Lunsar, in Serra Leone, è stato trasferito al nosocomio Carlo III, con lo stesso protocollo di sicurezza impiegato per il primo ammalato di ebola giunto in Europa, il missionario Miguel Pajares, morto il 12 agosto vittima del virus. Garcia Viejo è in un reparto isolato, al sesto piano, con una ventilazione speciale che impedisce all'area di uscire dalla camera di degenza, anche se in questa occasione non è stato evacuato il piano e il reparto ospedaliero, come nel caso del ricovero di Muguel Pajares. Le sue condizioni sono definite stabili nella gravità.

MEDICI SENZA FRONTIERE: "SIAMO AL LIMITE" – "A 6 mesi dall'inizio della peggiore epidemia di Ebola, la risposta internazionale è ancora inadeguata, stiamo perdendo troppe vite e le nostre equipe sono al limite delle loro capacità. Occorre agire ora per fermare l'epidemia". È l'appello lanciato da Medici Senza Frontiere (MSF) impegnata in Africa Occidentale fin dai primi giorni dell'epidemia. "Nessuno si attendeva che il budget 2014 di MSF per l'Ebola arrivasse a 46 mln". Da oggi fino al 4 ottobre è possibile effettuare donazioni al numero 45507.

ANSA  22 settembre 2014  14:07

Inserito da Alberto Del Grosso

Garante dei Lettori