Scala ladri in azione durante un matrimonio

0

Scala , Costiera amalfitana . Di ritorno da una cerimonia nuziale trovano la loro casa messa a soqquadro. E’ lo scenario a cui sono stati costretti ad assistere, loro malgrado, due anziani coniugi di Scala sabato sera (20 settembre). La porta blindata della loro abitazione indipendente di Campidoglio, era stata opportunamente forzata con una leva: una volta entrati in casa, i ladri sono andati alla ricerca delle chiavi della cassaforte dalla quale è stato sottratto il suo contenuto, costituito da preziosi e danaro contante. Prima di lasciare l’abitazione nel caos più totale, i balordi hanno lanciato contro una parete alcune uova trovate nel frigorifero. Come sempre più spesso avviene in questi casi non ci sarebbero testimoni. Il fatto è stato denunciato ai Carabinieri della stazione di Ravello che hanno avviato le indagini del caso, disponendo i rilievi delle impronte digitali. Di certo i ladri conoscevano bene le abitudini dei due anziani, ancora sotto choc per aver perso per sempre i ricordi di una vita, a 23 anni di distanza dall’ultimo furto. In seguito a quell’esperienza avevano provveduto a mettere in sicurezza la propria abitazione con porte blindate e cassaforte. Fonte Il Vescovado 

Scala , Costiera amalfitana . Di ritorno da una cerimonia nuziale trovano la loro casa messa a soqquadro. E' lo scenario a cui sono stati costretti ad assistere, loro malgrado, due anziani coniugi di Scala sabato sera (20 settembre). La porta blindata della loro abitazione indipendente di Campidoglio, era stata opportunamente forzata con una leva: una volta entrati in casa, i ladri sono andati alla ricerca delle chiavi della cassaforte dalla quale è stato sottratto il suo contenuto, costituito da preziosi e danaro contante. Prima di lasciare l'abitazione nel caos più totale, i balordi hanno lanciato contro una parete alcune uova trovate nel frigorifero. Come sempre più spesso avviene in questi casi non ci sarebbero testimoni. Il fatto è stato denunciato ai Carabinieri della stazione di Ravello che hanno avviato le indagini del caso, disponendo i rilievi delle impronte digitali. Di certo i ladri conoscevano bene le abitudini dei due anziani, ancora sotto choc per aver perso per sempre i ricordi di una vita, a 23 anni di distanza dall'ultimo furto. In seguito a quell'esperienza avevano provveduto a mettere in sicurezza la propria abitazione con porte blindate e cassaforte. Fonte Il Vescovado