Napoli. Centro storico, undici pullman ecologici impiegati su tre linee. Incentivi per le bici elettriche

0

Napoli. Una flotta di 11 minibus e lo sconto di 200 euro a chi acquista una bici. Il Comune apre così la settimana europea della mobilità sostenibile presentata in sala giunta dal vicesindaco Tommaso Sodano e dall’assessore alle Infrastrutture Mario Calabrese. «Proponiamo mezzi di trasporto alternativi all’auto» lo slogan coniato da Sodano per la manifestazione. Dal primo ottobre il Comune avvierà «E-pedala facile… anche in salita», una campagna di contributi economici all’acquisto di biciclette elettriche. Questa è solo una delle iniziative che il vicesindaco ha presentato: realizzare nuove stazioni della metropolitana, potenziare il trasporto pubblico e incentivare la mobilità ciclo-pedonale sono gli obiettivi principali dell’amministrazione. «È importante porre l’attenzione sul tema della mobilità sostenibile – racconta Sodano – Lanciamo una campagna di incentivi per l’acquisto di bici a pedalata assistita per invogliare i cittadini a visitare Napoli anche con mezzi alternativi all’auto». Sabato – per esempio – è in programma la quarta tappa dei Green Days, gli appuntamenti itineranti con l’Ecologia, la Mobilità sostenibile e il Risparmio energetico sul lungomare Caracciolo con un’esposizione di prodotti e soluzioni intelligenti per la casa, la mobilità sostenibile ed il risparmio energetico. Napoletani veri cicloamatori, e a giudicare dal boom di bici che si vedono in strada non ci sono dubbi. Però i napoletani aspettano anche una mobilità di superficie, nella sostanza i bus, efficace e che copra l’altro pezzo di città, quello dove la metro non arriva e garantisca servizi anche a chi non va in bici e non vuole usare l’auto. Così tocca a Calabrese schivare le critiche di una Anm non impeccabile e rilanciare: «Nell’ambito di questa iniziativa – spiega – saranno consegnati alla città 11 nuovi autobus “euro5” a gasolio acquistati dall’Azienda napoletana mobilità, che saranno impiegati nelle linee E1, E2 e C52». Dovrebbero coprire quartiere superpopolati ora non serviti, come le zone a ridosso del corso Umberto e la Sanità. Insieme a Calabrese anche Michele Macaluso, il direttore dell’Anea. «Entro l’anno – conclude l’assessore – saranno aperte altre stazioni metropolitane, come quella di piazza Municipio e stiamo realizzando altri 13 km di pista ciclabile. Sette nella zona orientale delle città, sei nella parte di Fuorigrotta». Confermata l’apertura della metro, la stazione di Piazza Municipio, dove i lavori sono a ottimo punto. Tanto che il cantiere eterno della stessa piazza sta cambiando forma e sono già ben visibili le uscite, in particolare quella che dovrebbe essere battezzata entro l’anno e che dà su via Depretis. (Luigi Roano – Il Mattino)

Napoli. Una flotta di 11 minibus e lo sconto di 200 euro a chi acquista una bici. Il Comune apre così la settimana europea della mobilità sostenibile presentata in sala giunta dal vicesindaco Tommaso Sodano e dall’assessore alle Infrastrutture Mario Calabrese. «Proponiamo mezzi di trasporto alternativi all’auto» lo slogan coniato da Sodano per la manifestazione. Dal primo ottobre il Comune avvierà «E-pedala facile… anche in salita», una campagna di contributi economici all’acquisto di biciclette elettriche. Questa è solo una delle iniziative che il vicesindaco ha presentato: realizzare nuove stazioni della metropolitana, potenziare il trasporto pubblico e incentivare la mobilità ciclo-pedonale sono gli obiettivi principali dell’amministrazione. «È importante porre l’attenzione sul tema della mobilità sostenibile – racconta Sodano – Lanciamo una campagna di incentivi per l’acquisto di bici a pedalata assistita per invogliare i cittadini a visitare Napoli anche con mezzi alternativi all’auto». Sabato – per esempio – è in programma la quarta tappa dei Green Days, gli appuntamenti itineranti con l’Ecologia, la Mobilità sostenibile e il Risparmio energetico sul lungomare Caracciolo con un’esposizione di prodotti e soluzioni intelligenti per la casa, la mobilità sostenibile ed il risparmio energetico. Napoletani veri cicloamatori, e a giudicare dal boom di bici che si vedono in strada non ci sono dubbi. Però i napoletani aspettano anche una mobilità di superficie, nella sostanza i bus, efficace e che copra l’altro pezzo di città, quello dove la metro non arriva e garantisca servizi anche a chi non va in bici e non vuole usare l’auto. Così tocca a Calabrese schivare le critiche di una Anm non impeccabile e rilanciare: «Nell’ambito di questa iniziativa – spiega – saranno consegnati alla città 11 nuovi autobus “euro5” a gasolio acquistati dall’Azienda napoletana mobilità, che saranno impiegati nelle linee E1, E2 e C52». Dovrebbero coprire quartiere superpopolati ora non serviti, come le zone a ridosso del corso Umberto e la Sanità. Insieme a Calabrese anche Michele Macaluso, il direttore dell’Anea. «Entro l’anno – conclude l’assessore – saranno aperte altre stazioni metropolitane, come quella di piazza Municipio e stiamo realizzando altri 13 km di pista ciclabile. Sette nella zona orientale delle città, sei nella parte di Fuorigrotta». Confermata l’apertura della metro, la stazione di Piazza Municipio, dove i lavori sono a ottimo punto. Tanto che il cantiere eterno della stessa piazza sta cambiando forma e sono già ben visibili le uscite, in particolare quella che dovrebbe essere battezzata entro l’anno e che dà su via Depretis. (Luigi Roano – Il Mattino)