Napoli. Ucciso dopo inseguimento, il giallo del presunto latitante sullo scooter: la somiglianza tra Equabile ed Enzo

0

Napoli. In tre sul motorino al Rione Traiano. Non si fermano all’alt dei carabinieri, l’inseguimento e poi lo sparo che parte dalla pistola di un militare, costato la vita al diciassettenne Davide Bifolco. Uno dei tre giovani sullo scooter riesce a scappare: secondo i carabinieri si tratta di Arturo Equabile, latitante per reati contro il patrimonio.

Ecco qui a sinistra la foto di Equabile, colui che secondo i carabinieri era sulla moto con Davide al momento sparatoria. A destra, invece, c’è Enzo, un ragazzo del quartiere che sostiene di essere stato lui a guidare la moto. Ieri ha detto a gran voce davanti ai giornalisti che non c’era nessun latitante.

La somiglianza tra i due, fin dal primo sguardo, risulta evidente: stesso colore di capelli, zigomi simili, quasi la stessa barba e taglio di capelli. Intanto proseguono le indagini.
DI DANIELA DE CRESCENZO IL MATTINONapoli. In tre sul motorino al Rione Traiano. Non si fermano all’alt dei carabinieri, l’inseguimento e poi lo sparo che parte dalla pistola di un militare, costato la vita al diciassettenne Davide Bifolco. Uno dei tre giovani sullo scooter riesce a scappare: secondo i carabinieri si tratta di Arturo Equabile, latitante per reati contro il patrimonio.

Ecco qui a sinistra la foto di Equabile, colui che secondo i carabinieri era sulla moto con Davide al momento sparatoria. A destra, invece, c’è Enzo, un ragazzo del quartiere che sostiene di essere stato lui a guidare la moto. Ieri ha detto a gran voce davanti ai giornalisti che non c’era nessun latitante.

La somiglianza tra i due, fin dal primo sguardo, risulta evidente: stesso colore di capelli, zigomi simili, quasi la stessa barba e taglio di capelli. Intanto proseguono le indagini.
DI DANIELA DE CRESCENZO IL MATTINO