Cimitero Agerola non c’e’ spazio per i morti, raffica ordinanze di esumazione straordinaria delle salme

0

Cimitero Agerola non c’e’ spazio per i morti, raffica ordinanze di esumazione straordinaria delle salme . Lo si vede nel  dare uno sguardo alle attivita’ dell’amministrazione Mascolo , impegnata in varie iniziative culturali e sociali per attirare turismo questa estate nella cittadina dei Monti Lattari che si affaccia alla Costiera amalfitana, di cui fa parte per motivi storici, religiosi, la stessa Diocesi la Cava de Tirreni Amalfi, e di vocazione turistica, anche se fa parte della provincia di Napoli mentre la Divina fa parte di Salerno . Il motivo e’ la mancanza di spazi, ma la scelta dell’ordinanza urgente per seppellire i morti suscitera’ forse non poche polemiche, trenta giorni di tempo per ricorrere, e occhio all’albo pretorio online, perche’ e’ da li che si puo’ sapere, ma chi non lo consulta?  Ecco una delle ordinanze, identiche si stanno emanando per vari casi 

Richiamati: 
– gli artt.50 ,comma 5 e 54 ,comma 1,lett.b) e comma 2, D.Lgs. 18 agosto 2000, n.267 e s.m.i 
– gli artt. 82 e 83 del D.P.R. n.285/90 e s.m.i.;
Richiamate le circolari del Ministero della Sanità n.24 del24/06/1993 e n.10 del 31/07/1998; 
Richiamato l’art.31 del Regolamento Comunale di Polizia Mortuaria approvato con delibere di G.C. 
nn.14/03 e 30/04 , previo parere favorevole della Consulta Regionale rilasciato in data 23/03/04 prot.
N.0242752; 
Considerato che , per l’assenza nell’ area cimiteriale di ulteriori campi da destinare a nuove 
inumazione ed al fine di scongiurare pericoli per l’igiene e la salute pubblica, occorre con urgenza 
procedere all’esumazione straordinaria del Sig. CUOMO CARMINE nato in AGEROLA il 12/07/1940 e 
deceduto in Agerola il 24/09/2006, attualmente inumato nel campo contraddistinto con la lett D al n. 
56; 
Ritenuto di dover provvedere di conseguenza ; 
O R D I N A 
L’esumazione straordinaria della salma di CUOMO CARMINE attualmente inumato nel campo 
contraddistinto con la lett D al n. 56. 
Nel caso di non completa scheletrizzazione della salma esumata il resto mortale potrà permanere 
nella stessa fossa di originaria inumazione. 
E’ compito del Responsabile del servizio di polizia mortuaria stabilire se un cadavere sia o meno 
mineralizzato al momento dell’esumazione. 
I familiari interessati a presenziare alle operazioni di esumazione dovranno prendere contatto 
esclusivamente con il custode cimiteriale. 
Ai sensi della legge 241/90 e s.m.i. si individua come responsabile del procedimento il Geom. 
Medaglia Gennaro , responsabile del Servizio Gestione del Territorio. 
Contro la presente Ordinanza è ammesso , nel termine di 60 gg dalla pubblicazione, ricorso al 
Tribunale Amministrativo Regionale della Campania. 
N O T I F I C A la presente ordinanza : 
al custode cimiteriale Sig. Castellano Giosuè; 
al coordinatore della società appaltatrice dei servizi cimiteriali Sig.Acampora Antonio. 
D I S P O N E 
la pubblicazione della presente ordinanza per giorni 30 (trenta) consecutivi 
 all’ albo pretorio on – line del Comune. 
 IL SINDACO 
 F.TO Prof. Luca Mascolo 

Cimitero Agerola non c'e' spazio per i morti, raffica ordinanze di esumazione straordinaria delle salme . Lo si vede nel  dare uno sguardo alle attivita' dell'amministrazione Mascolo , impegnata in varie iniziative culturali e sociali per attirare turismo questa estate nella cittadina dei Monti Lattari che si affaccia alla Costiera amalfitana, di cui fa parte per motivi storici, religiosi, la stessa Diocesi la Cava de Tirreni Amalfi, e di vocazione turistica, anche se fa parte della provincia di Napoli mentre la Divina fa parte di Salerno . Il motivo e' la mancanza di spazi, ma la scelta dell'ordinanza urgente per seppellire i morti suscitera' forse non poche polemiche, trenta giorni di tempo per ricorrere, e occhio all'albo pretorio online, perche' e' da li che si puo' sapere, ma chi non lo consulta?  Ecco una delle ordinanze, identiche si stanno emanando per vari casi 

Richiamati: 
– gli artt.50 ,comma 5 e 54 ,comma 1,lett.b) e comma 2, D.Lgs. 18 agosto 2000, n.267 e s.m.i 
– gli artt. 82 e 83 del D.P.R. n.285/90 e s.m.i.;
Richiamate le circolari del Ministero della Sanità n.24 del24/06/1993 e n.10 del 31/07/1998; 
Richiamato l’art.31 del Regolamento Comunale di Polizia Mortuaria approvato con delibere di G.C. 
nn.14/03 e 30/04 , previo parere favorevole della Consulta Regionale rilasciato in data 23/03/04 prot.
N.0242752; 
Considerato che , per l’assenza nell’ area cimiteriale di ulteriori campi da destinare a nuove 
inumazione ed al fine di scongiurare pericoli per l’igiene e la salute pubblica, occorre con urgenza 
procedere all’esumazione straordinaria del Sig. CUOMO CARMINE nato in AGEROLA il 12/07/1940 e 
deceduto in Agerola il 24/09/2006, attualmente inumato nel campo contraddistinto con la lett D al n. 
56; 
Ritenuto di dover provvedere di conseguenza ; 
O R D I N A 
L’esumazione straordinaria della salma di CUOMO CARMINE attualmente inumato nel campo 
contraddistinto con la lett D al n. 56. 
Nel caso di non completa scheletrizzazione della salma esumata il resto mortale potrà permanere 
nella stessa fossa di originaria inumazione. 
E’ compito del Responsabile del servizio di polizia mortuaria stabilire se un cadavere sia o meno 
mineralizzato al momento dell’esumazione. 
I familiari interessati a presenziare alle operazioni di esumazione dovranno prendere contatto 
esclusivamente con il custode cimiteriale. 
Ai sensi della legge 241/90 e s.m.i. si individua come responsabile del procedimento il Geom. 
Medaglia Gennaro , responsabile del Servizio Gestione del Territorio. 
Contro la presente Ordinanza è ammesso , nel termine di 60 gg dalla pubblicazione, ricorso al 
Tribunale Amministrativo Regionale della Campania. 
N O T I F I C A la presente ordinanza : 
al custode cimiteriale Sig. Castellano Giosuè; 
al coordinatore della società appaltatrice dei servizi cimiteriali Sig.Acampora Antonio. 
D I S P O N E 
la pubblicazione della presente ordinanza per giorni 30 (trenta) consecutivi 
 all’ albo pretorio on – line del Comune. 
 IL SINDACO 
 F.TO Prof. Luca Mascolo