Circumvesuviana un atto vandalico ogni due giorni

0

Un atto vandalico ogni due giorni e un’aggressione ogni tre. Sono i dati choc che riguardano le disastrate linee della Circumvesuviana, sempre più nel mirino di teppisti e violenti. A rivelarlo è un dettagliato dossier messo a punto dall’Eav Holding. Solo sulle linee vesuviane, si legge nel report, dall’inizio dell’anno si sono verificati 115 episodi di danneggiamento e devastazione dei treni della Circum che da Napoli raggiungono molti Comuni dell’hinterland e si spingono fino a Sorrento. Vetri rotti, finestrini danneggiati, seggiolini divelti, ma anche stazioni in balia di writers e graffitari. A conti fatti, i danni ammontano a circa 50mila euro, oltre a quelli derivanti dal fermo dei treni interessati. A questa lunga lista di raid si aggiungono i preoccupanti casi di aggressione, che riguardano in particolare il personale in servizio: 75 da gennaio ad oggi, con inevitabili ripercussioni sulla regolarità dell’esercizio.

Un atto vandalico ogni due giorni e un’aggressione ogni tre. Sono i dati choc che riguardano le disastrate linee della Circumvesuviana, sempre più nel mirino di teppisti e violenti. A rivelarlo è un dettagliato dossier messo a punto dall’Eav Holding. Solo sulle linee vesuviane, si legge nel report, dall’inizio dell’anno si sono verificati 115 episodi di danneggiamento e devastazione dei treni della Circum che da Napoli raggiungono molti Comuni dell’hinterland e si spingono fino a Sorrento. Vetri rotti, finestrini danneggiati, seggiolini divelti, ma anche stazioni in balia di writers e graffitari. A conti fatti, i danni ammontano a circa 50mila euro, oltre a quelli derivanti dal fermo dei treni interessati. A questa lunga lista di raid si aggiungono i preoccupanti casi di aggressione, che riguardano in particolare il personale in servizio: 75 da gennaio ad oggi, con inevitabili ripercussioni sulla regolarità dell’esercizio.