Castellammare di Stabia. Villa comunale, movida fuorilegge: ora scattano i controlli

0

Castellammare di Stabia. Scattano i controlli per la movida fuorilegge in villa comunale. Nel mirino finiscono le autorizzazioni, sanitarie e di inizio attività. Il caso è stato affrontato anche in una riunione tra i titolari dei chioschi sull’arenile e i tecnici del Comune. In realtà, degli undici esercizi presenti in villa comunale, soltanto in due sarebbero in regola con tutte le autorizzazioni. Tutti gli altri non avrebbero completato l’iter per quanto riguarda le nuove attività volute dall’amministrazione comunale. Per il momento sono giunti i controlli degli ispettori dell’Asl Napoli 3 Sud per le autorizzazioni sanitarie. Anche in questo caso ci sarebbero non pochi problemi per i “localini” dell’arenile. Nei giorni scorsi, invece, è stato intimato dai vigili urbani di abbassare i volumi dei locali, che in una prima fase avevano creato non pochi disagi ai residenti del centro cittadino. Da questo punto di vista non ci sono stati più disagi. E’ stata comunque un’estate molto intensa, con novità assolute per gli stabiesi. Gli stessi locali sull’arenile hanno fatto molto discutere. La città si è divisa, anche se in tanti hanno apprezzato nel nuove iniziative. Per l’assessore Corrado è un punto di svolta, un punto da cui partire per dare linfa vitale al commercio stabiese. I numeri, per ora, danno ragione all’iniziativa. Anche se c’è ancora tanto da migliorare dal punto di vista del decoro e dell’estetica. Gli stabiesi avrebbero preferito qualcosa di più lineare, con chalet della stessa misura e di un colore uniforme. Qualcuno invece l’ha definito un suk. Questioni di punti di vista. E’ anche vero che il tutto è stato fatto in pochissimo tempo e durerà soltanto fino al 30 settembre, anche se si sta studiando un modo per una proroga di un altro mese. In effetti, si prevedono temperature clementi anche per il mese di ottobre. Anche i regolamenti e le normative prevedono che le concessioni temporanee possono avere una durata fino a tre mesi. In questo caso sarebbe una buona notizia per i titolari, che riuscirebbero ad ammortizzare meglio l’investimento fatto ad inizio agosto. Anche se dovranno mettersi in regola per poter usufruire di un’eventuale proroga. In ogni caso il prolungamento della stagione estiva è tra le idee che ha l’amministrazione comunale, per poi riprende subito il discorso e concentrarsi sulla prossima stagione estiva. In questo caso servirà una vera e propria programmazione, oltre a un piano traffico adeguato. Le presenze sono aumentate in maniera esponenziale e servono nuove disposizioni per la viabilità cittadina. Il sindaco Nicola Cuomo e l’assessore Nicola Corrado sono intenzionati a proporre il modello del Lungomare liberato, così come voluto da De Magistris a Napoli. Per la fine della stagione estiva, invece, è spuntata l’idea di una notte bianca per celebrare anche le nuove iniziative sull’arenile stabiese. Un vero e proprio cantiere aperto. Per molti un’occasione che non può sfumare ancora una volta. Servono correttivi e nuove idee. Nei prossimi giorni sarà lanciato un vero e proprio concorso. (Daniele Di Martino – Metropolis)

Castellammare di Stabia. Scattano i controlli per la movida fuorilegge in villa comunale. Nel mirino finiscono le autorizzazioni, sanitarie e di inizio attività. Il caso è stato affrontato anche in una riunione tra i titolari dei chioschi sull’arenile e i tecnici del Comune. In realtà, degli undici esercizi presenti in villa comunale, soltanto in due sarebbero in regola con tutte le autorizzazioni. Tutti gli altri non avrebbero completato l’iter per quanto riguarda le nuove attività volute dall’amministrazione comunale. Per il momento sono giunti i controlli degli ispettori dell’Asl Napoli 3 Sud per le autorizzazioni sanitarie. Anche in questo caso ci sarebbero non pochi problemi per i “localini” dell’arenile. Nei giorni scorsi, invece, è stato intimato dai vigili urbani di abbassare i volumi dei locali, che in una prima fase avevano creato non pochi disagi ai residenti del centro cittadino. Da questo punto di vista non ci sono stati più disagi. E’ stata comunque un’estate molto intensa, con novità assolute per gli stabiesi. Gli stessi locali sull’arenile hanno fatto molto discutere. La città si è divisa, anche se in tanti hanno apprezzato nel nuove iniziative. Per l’assessore Corrado è un punto di svolta, un punto da cui partire per dare linfa vitale al commercio stabiese. I numeri, per ora, danno ragione all’iniziativa. Anche se c’è ancora tanto da migliorare dal punto di vista del decoro e dell’estetica. Gli stabiesi avrebbero preferito qualcosa di più lineare, con chalet della stessa misura e di un colore uniforme. Qualcuno invece l’ha definito un suk. Questioni di punti di vista. E’ anche vero che il tutto è stato fatto in pochissimo tempo e durerà soltanto fino al 30 settembre, anche se si sta studiando un modo per una proroga di un altro mese. In effetti, si prevedono temperature clementi anche per il mese di ottobre. Anche i regolamenti e le normative prevedono che le concessioni temporanee possono avere una durata fino a tre mesi. In questo caso sarebbe una buona notizia per i titolari, che riuscirebbero ad ammortizzare meglio l’investimento fatto ad inizio agosto. Anche se dovranno mettersi in regola per poter usufruire di un’eventuale proroga. In ogni caso il prolungamento della stagione estiva è tra le idee che ha l’amministrazione comunale, per poi riprende subito il discorso e concentrarsi sulla prossima stagione estiva. In questo caso servirà una vera e propria programmazione, oltre a un piano traffico adeguato. Le presenze sono aumentate in maniera esponenziale e servono nuove disposizioni per la viabilità cittadina. Il sindaco Nicola Cuomo e l’assessore Nicola Corrado sono intenzionati a proporre il modello del Lungomare liberato, così come voluto da De Magistris a Napoli. Per la fine della stagione estiva, invece, è spuntata l’idea di una notte bianca per celebrare anche le nuove iniziative sull’arenile stabiese. Un vero e proprio cantiere aperto. Per molti un’occasione che non può sfumare ancora una volta. Servono correttivi e nuove idee. Nei prossimi giorni sarà lanciato un vero e proprio concorso. (Daniele Di Martino – Metropolis)