Papa Francesco contro l’Ice Bucket Challenge per la Sla: “La vita del cristiano è piena di atti generosi, ma nascosti”

0

Papa Francesco, con un tweet dall’account Pontifex, gela l’Ice Bucket Challenge, la virale campagna con secchiate di acqua gelida per sostenere la raccolta fondi per la ricerca contro la Sla, a cui il Pontefice era stato chiamato a partecipare dalla cantante Shakira. Il Papa così si esprime: “Un cristiano sa dare. La sua vita è piena di atti generosi – ma nascosti – verso il prossimo”. Il tema scelto dal Papa per la sua riflessione è quello del principio cristiano dell’elemosina fatta in segreto (“Non sappia la tua sinistra ciò che fa la tua destra”) ed è andato subito ad alimentare il dibattito sulla sfida ghiacciata. La campagna, partita in America a fine luglio, tramite i social network si è diffusa rapidamente in tutto il mondo, coinvolgendo gente comune e personaggi noti in un crescendo di video-contributi che vede ogni giorno arricchirsi l’elenco di vip bagnati in performance da milioni di like che, in Italia, però non corrispondono a milioni di donazioni. La solidarietà che intende Papa Francesco non è di certo questa e con le sue parole lascia intendere che è bene che nessun esponente ecclesiastico si esponga ad una pagliacciata che in un primo momento doveva coinvolgere solo personaggi istituzionali ma che oggi assume le sembianze di un triste vezzo al servizio di sconosciuti in cerca di pubblicità.

Papa Francesco, con un tweet dall’account Pontifex, gela l’Ice Bucket Challenge, la virale campagna con secchiate di acqua gelida per sostenere la raccolta fondi per la ricerca contro la Sla, a cui il Pontefice era stato chiamato a partecipare dalla cantante Shakira. Il Papa così si esprime: “Un cristiano sa dare. La sua vita è piena di atti generosi – ma nascosti – verso il prossimo”. Il tema scelto dal Papa per la sua riflessione è quello del principio cristiano dell’elemosina fatta in segreto ("Non sappia la tua sinistra ciò che fa la tua destra") ed è andato subito ad alimentare il dibattito sulla sfida ghiacciata. La campagna, partita in America a fine luglio, tramite i social network si è diffusa rapidamente in tutto il mondo, coinvolgendo gente comune e personaggi noti in un crescendo di video-contributi che vede ogni giorno arricchirsi l’elenco di vip bagnati in performance da milioni di like che, in Italia, però non corrispondono a milioni di donazioni. La solidarietà che intende Papa Francesco non è di certo questa e con le sue parole lascia intendere che è bene che nessun esponente ecclesiastico si esponga ad una pagliacciata che in un primo momento doveva coinvolgere solo personaggi istituzionali ma che oggi assume le sembianze di un triste vezzo al servizio di sconosciuti in cerca di pubblicità.