Meta. Il sindaco Tito cerca un superconsulente per la contabilità del comune

0

Meta. I continui cambiamenti di leggi, i tagli, la spendig review e le decisioni che spingono il Governo a cambiare le carte in tavola mese dopo mese, hanno spinto Giuseppe Tito a scegliere la strada di un superconsulente per la contabilità del comune di Meta. Il primo cittadino ha voluto avere maggiori garanzie. La scelta ancora s’ha da fare, ma a stretto giro il responsabile della sesta area, Luigi Russo, potrà svolgere il proprio lavoro con l’ausilio di un esperto. Gli enti locali della costiera sono alle prese con l’approvazione dei bilanci preventivi, gabelle sulla casa, sulla “monnezza” e sui servizi indivisibili. Una sorta di rompicapo per i responsabili della ragioneria. Tito per far fronte alle novità che entreranno in vigore dal prossimo 1 gennaio 2015 ha voluto fare le cose per tempo. L’organo di governo ha avallato la volontà del titolare della fascia tricolore e detto si alla prossima nomina. Meta si doterà di un superconsulente in contabilità degli enti locali. La spesa? 10mila euro annui a cui andrà aggiunta l’Iva. In pillole la cifra complessiva si avvicinerà ai 15mila euro. Non sarà una spesa una tantum, ma si cercherà di trovare la soluzione alle problematiche economiche già nello scorcio finale del 2014. infatti, sono stati stanziati 5mila euro per i restanti mesi dell’anno in corso. La delibera di giunta 180 ha disposto il conferimento di un incarico professionale a supporto supporto del responsabile della sesta area, il rag. Luigi Russo. A breve partirà la caccia al nuovo professionista che sarà scelto dall’amministrazione dell’ente municipale di via Municipio per essere d’aiuto a Russo e tenere sotto controllo tutte le novità che potrebbero colpire il Comune con la nuova “Finanziaria”. (Josè Astarita – Metropolis)  

Meta. I continui cambiamenti di leggi, i tagli, la spendig review e le decisioni che spingono il Governo a cambiare le carte in tavola mese dopo mese, hanno spinto Giuseppe Tito a scegliere la strada di un superconsulente per la contabilità del comune di Meta. Il primo cittadino ha voluto avere maggiori garanzie. La scelta ancora s’ha da fare, ma a stretto giro il responsabile della sesta area, Luigi Russo, potrà svolgere il proprio lavoro con l’ausilio di un esperto. Gli enti locali della costiera sono alle prese con l’approvazione dei bilanci preventivi, gabelle sulla casa, sulla “monnezza” e sui servizi indivisibili. Una sorta di rompicapo per i responsabili della ragioneria. Tito per far fronte alle novità che entreranno in vigore dal prossimo 1 gennaio 2015 ha voluto fare le cose per tempo. L’organo di governo ha avallato la volontà del titolare della fascia tricolore e detto si alla prossima nomina. Meta si doterà di un superconsulente in contabilità degli enti locali. La spesa? 10mila euro annui a cui andrà aggiunta l’Iva. In pillole la cifra complessiva si avvicinerà ai 15mila euro. Non sarà una spesa una tantum, ma si cercherà di trovare la soluzione alle problematiche economiche già nello scorcio finale del 2014. infatti, sono stati stanziati 5mila euro per i restanti mesi dell’anno in corso. La delibera di giunta 180 ha disposto il conferimento di un incarico professionale a supporto supporto del responsabile della sesta area, il rag. Luigi Russo. A breve partirà la caccia al nuovo professionista che sarà scelto dall’amministrazione dell’ente municipale di via Municipio per essere d’aiuto a Russo e tenere sotto controllo tutte le novità che potrebbero colpire il Comune con la nuova “Finanziaria”. (Josè Astarita – Metropolis)