Su pc Bossetti accessi a siti pedoporno Avrebbe fatto ricerche online con la parola ‘tredicenni’

0

ROMA, Le analisi su pc e supporti informatici sequestrati a Massimo Giuseppe Bossetti, in carcere con l’accusa di essere l’assassino di Yara Gambirasio, mostrerebbero 5 accessi a siti pedopornografici. Lo riporta questa mattina La Repubblica.

Il quotidiano scrive che il muratore di Mapello avrebbe fatto ricerche on line con la parola “tredicenni” e che l’ultimo accesso risale allo scorso maggio.

“Non ci sono stati accessi a siti pedopornografici”, ha replicato Claudio Salvagni, difensore di Giuseppe Bossetti, in carcere per l’omicidio di Yara Gambirasio. “Poiché sono esami ripetibili – ha aggiunto – verificheremo la circostanza con i nostri consulenti. Per ora non posso commentare in quanto sono indiscrezioni imprecise”.
ANSAROMA, Le analisi su pc e supporti informatici sequestrati a Massimo Giuseppe Bossetti, in carcere con l’accusa di essere l’assassino di Yara Gambirasio, mostrerebbero 5 accessi a siti pedopornografici. Lo riporta questa mattina La Repubblica.

Il quotidiano scrive che il muratore di Mapello avrebbe fatto ricerche on line con la parola “tredicenni” e che l’ultimo accesso risale allo scorso maggio.

“Non ci sono stati accessi a siti pedopornografici”, ha replicato Claudio Salvagni, difensore di Giuseppe Bossetti, in carcere per l’omicidio di Yara Gambirasio. “Poiché sono esami ripetibili – ha aggiunto – verificheremo la circostanza con i nostri consulenti. Per ora non posso commentare in quanto sono indiscrezioni imprecise”.
ANSA