Trieste, 16enne travolta e uccisa dallo yacht: era in immersione col papà. “Mano tranciata”

0

TRIESTE – Momenti drammatici ieri mattina in mare nel Canale di Fasana: una turista di appena 16 anni è stata travolta e uccisa da un piccolo yacht immatricolato Monfalcone mentre stava facendo un’immersione con il papà. Il punto dove i due, tedeschi, si erano immersi era regolarmente segnato da una boa.   I soccorsi sono scattati immediatamente ma la ragazzina è stata trasportata a terra già priva di vita, una mano le è stata tranciata di netto dall’imbarcazione. Praticamente illeso ma sconvolto invece il padre.  Secondo le prime testimonianze a causare l’incidente un piccolo yacht battente bandiera italiana e immatricolato a Monfalcone, il Kon Tiki di 13,7 metri di lunghezza, e intestato a un cittadino italiano.leggo.it

TRIESTE – Momenti drammatici ieri mattina in mare nel Canale di Fasana: una turista di appena 16 anni è stata travolta e uccisa da un piccolo yacht immatricolato Monfalcone mentre stava facendo un'immersione con il papà. Il punto dove i due, tedeschi, si erano immersi era regolarmente segnato da una boa.   I soccorsi sono scattati immediatamente ma la ragazzina è stata trasportata a terra già priva di vita, una mano le è stata tranciata di netto dall'imbarcazione. Praticamente illeso ma sconvolto invece il padre.  Secondo le prime testimonianze a causare l'incidente un piccolo yacht battente bandiera italiana e immatricolato a Monfalcone, il Kon Tiki di 13,7 metri di lunghezza, e intestato a un cittadino italiano.leggo.it