Torre Annunziata. Tragedia sfiorata al porto: auto cade in mare, i due occupanti si salvano

0

Tragedia sfiorata sulla darsena del porto di Torre Annunziata. All’alba di oggi, alle 4 circa, un’automobile con due persone a bordo è caduta in mare. Fortunatamente però, sono riuscite a salvarsi, aprendo i finestrini dell’auto ed uscendo a nuoto. L’auto, una Seat Ibiza vecchia, non è dotata di finestrini elettrici: una volta in mare quindi, i due sono riusciti a salvarsi perché le uscite non si sono bloccate.

I malcapitati, due cugini ucraini, U. I., una ragazza sposata di 25 anni che vive a Torre Annunziata e B.P., un uomo di 32 anni residente in Emilia Romagna, erano andati sul porto oplontino per fumare una sigaretta prima di tornare a casa. Lui aveva parcheggiato l’auto sulla darsena, e sono caduti in acqua durante la manovra di retromarcia, quando se ne stavano andando. A dare l’allarme, il guardiano dell’ormeggio.

Sul posto sono intervenuti prontamente i vigili del fuoco del distaccamento di Castellammare di Stabia che hanno provveduto a rimuovere la vettura dal mare, i militari della Capitaneria di Porto oplontina, con il maresciallo Massimiliano De Filippis e il reggente di porto Antonio De Santis e i carabinieri della stazione di Torre Annunziata, agli ordini del comandante Egidio Valcaccia. I due sono stati multati dalla Guardia Costiera per accesso non autorizzato al porto e dai carabinieri perché la loro auto non era assicurata.   il  mattino

Tragedia sfiorata sulla darsena del porto di Torre Annunziata. All'alba di oggi, alle 4 circa, un'automobile con due persone a bordo è caduta in mare. Fortunatamente però, sono riuscite a salvarsi, aprendo i finestrini dell'auto ed uscendo a nuoto. L'auto, una Seat Ibiza vecchia, non è dotata di finestrini elettrici: una volta in mare quindi, i due sono riusciti a salvarsi perché le uscite non si sono bloccate.

I malcapitati, due cugini ucraini, U. I., una ragazza sposata di 25 anni che vive a Torre Annunziata e B.P., un uomo di 32 anni residente in Emilia Romagna, erano andati sul porto oplontino per fumare una sigaretta prima di tornare a casa. Lui aveva parcheggiato l'auto sulla darsena, e sono caduti in acqua durante la manovra di retromarcia, quando se ne stavano andando. A dare l'allarme, il guardiano dell'ormeggio.

Sul posto sono intervenuti prontamente i vigili del fuoco del distaccamento di Castellammare di Stabia che hanno provveduto a rimuovere la vettura dal mare, i militari della Capitaneria di Porto oplontina, con il maresciallo Massimiliano De Filippis e il reggente di porto Antonio De Santis e i carabinieri della stazione di Torre Annunziata, agli ordini del comandante Egidio Valcaccia. I due sono stati multati dalla Guardia Costiera per accesso non autorizzato al porto e dai carabinieri perché la loro auto non era assicurata.   il  mattino