Rosalba Spagnuolo e Franco Cesarano incantano Sorrento con Tiempe belle ‘e ‘na vota

0

Non sono ventenni da un pezzo, anzi sono già nonni, gli stabiesi Rosalba Spagnuolo e Franco Cesarano, mirabili interpreti della canzone classica Napoletana, ma quando sono sul palco, lei cantante e ballerina dall’energia inesauribile, lui chitarrista più che bravo, nessuno se ne accorge, e il tempo vola e si vorrebbe il concerto cominciasse sempre daccapo, come è accaduto l’altra sera al Chiostro di San Francesco a Sorrento, nel concerto “Tiempe belle ‘e ‘na vota” organizzato dall’Assessorato alla cultura. Attivissimi come non mai, dopo un’intensa carriera fatta di innumerevoli spettacoli e serate in teatri, piazze e salotti culturali, i due, profondamente uniti sulla scena come nella vita, hanno sciorinato un vasto repertorio di canzoni antiche, ma anche contaminazioni moderne, tutte eseguite con coinvolgente passione e trascinante entusiasmo. “Loro sono proprio così, anche fuori dal palco, ridono scherzano e cantano in continuazione- ha raccontato Carlo Alfaro, amico personale della celebre coppia- e l’accoglienza entusiastica ricevuta stasera da parte di questo pubblico di ogni età dimostra l’immortalità delle radici della tradizione musicale napoletana”. Agli amici sorrentini, Franco Cesarano ha voluto dedicare un suo inedito, la toccante e briosa “Surriento…Surriento. Intenso anche il momento dell’omaggio che Rosalba Spagnuolo ha rivolto all’amica poetessa Anna Bartiromo, interpretando alcune poesie del libro “ ’E vvoce ‘e Napule”, unica raccolta di poesia dell’autrice di Piano di Sorrento totalmente in lingua napoletana. “A Rosalba e Francesco il grande merito di portare avanti, rinnovandola e rinvigorendola, la cultura della canzone classica Napoletana”, ha concluso Carlo Alfaro.Non sono ventenni da un pezzo, anzi sono già nonni, gli stabiesi Rosalba Spagnuolo e Franco Cesarano, mirabili interpreti della canzone classica Napoletana, ma quando sono sul palco, lei cantante e ballerina dall’energia inesauribile, lui chitarrista più che bravo, nessuno se ne accorge, e il tempo vola e si vorrebbe il concerto cominciasse sempre daccapo, come è accaduto l’altra sera al Chiostro di San Francesco a Sorrento, nel concerto “Tiempe belle ‘e ‘na vota” organizzato dall’Assessorato alla cultura. Attivissimi come non mai, dopo un’intensa carriera fatta di innumerevoli spettacoli e serate in teatri, piazze e salotti culturali, i due, profondamente uniti sulla scena come nella vita, hanno sciorinato un vasto repertorio di canzoni antiche, ma anche contaminazioni moderne, tutte eseguite con coinvolgente passione e trascinante entusiasmo. “Loro sono proprio così, anche fuori dal palco, ridono scherzano e cantano in continuazione- ha raccontato Carlo Alfaro, amico personale della celebre coppia- e l’accoglienza entusiastica ricevuta stasera da parte di questo pubblico di ogni età dimostra l’immortalità delle radici della tradizione musicale napoletana”. Agli amici sorrentini, Franco Cesarano ha voluto dedicare un suo inedito, la toccante e briosa “Surriento…Surriento. Intenso anche il momento dell’omaggio che Rosalba Spagnuolo ha rivolto all’amica poetessa Anna Bartiromo, interpretando alcune poesie del libro “ ’E vvoce ‘e Napule”, unica raccolta di poesia dell’autrice di Piano di Sorrento totalmente in lingua napoletana. “A Rosalba e Francesco il grande merito di portare avanti, rinnovandola e rinvigorendola, la cultura della canzone classica Napoletana”, ha concluso Carlo Alfaro.