Francesca Maresca in Mas Que Tango domenica 10 Agosto 2014 a Sant’Agata Sui Due Golfi

0

Un omaggio “rosa” ad Astor Piazzolla.
Protagonista, la cantante Francesca Maresca, che domenica 10 Agosto alle ore 21,00 a Sant’Agata sui Due Golfi,porterà in scena il progetto “Mas Que Tango”.
L’appuntamento è inserito nella rassegna Incontri Lubrensi organizzata dal Comune di Massa Lubrense.
Sul palco, insieme a Francesca Maresca, il fisarmonicista Alfredo Di Martino, il pianista Catello Cannavale, il contrabbassista Gianfranco Coppola e il batterista Franco Gregorio.
“Un progetto su Astor Piazzolla era uno dei miei sogni nel cassetto perché ho sempre pensato che la musica del Maestro sia un prezioso abito per la mia vocalità. La partecipazione di musicisti di straordinario valore ha reso il percorso agevole – spiega Francesca Maresca, presentando “Mas Que Tango” – Parliamo del tango Nuevo, musica sensualissima e incantatrice che trova nella gestualità la vera estrinsecazione liberando l’espressione del corpo. Le languide note del bandoneon danno senso compiuto a questo assunto. Attraverso di esse esploriamo le magiche connessioni tra la carnalità della musica argentina e le melodie partenopee, ambedue incentrate su tematiche di forti contraddizioni sociali”.Un omaggio “rosa” ad Astor Piazzolla.
Protagonista, la cantante Francesca Maresca, che domenica 10 Agosto alle ore 21,00 a Sant’Agata sui Due Golfi,porterà in scena il progetto “Mas Que Tango”.
L’appuntamento è inserito nella rassegna Incontri Lubrensi organizzata dal Comune di Massa Lubrense.
Sul palco, insieme a Francesca Maresca, il fisarmonicista Alfredo Di Martino, il pianista Catello Cannavale, il contrabbassista Gianfranco Coppola e il batterista Franco Gregorio.
“Un progetto su Astor Piazzolla era uno dei miei sogni nel cassetto perché ho sempre pensato che la musica del Maestro sia un prezioso abito per la mia vocalità. La partecipazione di musicisti di straordinario valore ha reso il percorso agevole – spiega Francesca Maresca, presentando “Mas Que Tango” – Parliamo del tango Nuevo, musica sensualissima e incantatrice che trova nella gestualità la vera estrinsecazione liberando l’espressione del corpo. Le languide note del bandoneon danno senso compiuto a questo assunto. Attraverso di esse esploriamo le magiche connessioni tra la carnalità della musica argentina e le melodie partenopee, ambedue incentrate su tematiche di forti contraddizioni sociali”.