Facoltà di Medicina, riconosciute borse di studio in autonomia

0

Tino Iannuzzi, deputato del PD, esprime soddisfazione per l’importante risultato raggiunto dalla Facoltà’ di Medicina dell’Universita’ di Salerno, in sede di riparto delle Scuole e delle Borse di Specializzazione per l’anno accademico 2013-2104. Infatti il decreto firmato dal Ministro dell’Universita’ Giannini, d’intesa con il Ministro della Salute Lorenzin, assegna a Salerno Scuole e Borse in totale autonomia e non più’ in mero regime di aggregazione con la Università’ Federico II di Napoli, come era avvenuto lo scorso anno accademico con l’attribuzione di 1 borsa in Medicina Interna ed 1 in Chirurgia Generale. Alla Facoltà di Salerno sono state riconosciute in piena autonomia 2 borse in Medicina Interna, 2 borse in Chirurgia Generale e 2 borse in Malattie dell’Apparato CardioVascolare. Inoltre ed in aggiunta 8 borse in Igiene e Medicina Preventiva sono state attribuite alla SUN-Seconda Università’ di Napoli, in aggregazione con la Università’ di Salerno e con la Università’ del Molise. Quindi alcune di queste borse saranno riconosciute all’Ateneo Salernitano. E’ un passo in avanti fondamentale e strategico, che segna il definitivo inserimento della Facoltà’ di Salerno nel panorama delle Università titolari di Scuole e Borse di Specializzazione, in un percorso graduale che di anno in anno potrà’ e dovrà’ essere incrementato ed arricchito. Iannuzzi ha seguito da tempo e sin dall’inizio tutta la vicenda con massimo impegno e tenacia, con ripetute interrogazioni parlamentari e costanti rapporti con i due Ministri e le Direzioni generali competenti, in raccordo con il Rettore dell’Universita’ Tomasetti ed il Direttore Generale dell’Azienda Ospedaliera Universitaria. E’ un traguardo importate per il definitivo decollo della Facoltà’ di Medicina e per realizzare un salto di qualità’ nella intera organizzazione sanitaria ed ospedaliera salernitana. Alla Facoltà’ deve essere legata la costituzione di una moderna e funzionale cittadella ospedaliera ed universitaria, alla quale vanno legati il rilancio e la riqualificazione delle insostituibili realtà’ ospedaliera nella nostra provincia, valorizzando,il grande patrimonio di professionalità’ ed esperienze del personale sia medico-ospedaliero, sia universitario.

Atto aziendale, la soddisfazione dei sindacati. “L’Atto Aziendale dell’Azienda Ospedaliera Universitaria di Salerno rappresenta l’epilogo naturale e logico di una lunga attesa da parte di tutto il mondo della Sanità e dell’Università per un rapporto, finalmente, piu’ concreto e tangibile tra l’Azienda Ospedaliera e l’Università degli Studi di Salerno. Nonostante due anni trascorsi, inutilmente, solo a causa della contrapposizione, piu’ politica che istituzionale, tra coloro che guidavano l’Ateneo Salernitano ed i rappresentanti della Regione Campania”. E’ quanto dichiarano i Segretari Provinciali della CISL Funzione Pubblica, Cisl Medici e Cisl Università Pietro Antonacchio, Francesco Marino e Gerardo Pintozzi. “Nelle prossime ore”, proseguono i Segretari della Cisl, “il Ministero, con ogni probabilità, assegnerà a Salerno le tanto attese Scuole di Specializzazione che incideranno, in maniera notevole, sulla qualità della formazione e sulla professionalità dei medici laureati all’interno della Facoltà di Medicina dell’Università di Salerno. E’ necessario, comunque, che in contemporanea si lavori anche sulla riqualificazione dei plessi ospedalieri che ricadono nell’ambito dell’Azienda Ospedaliera di Salerno e che, da oggi, avranno una funzione di altissima importanza per il territorio e per la formazione”.
Sul tema della approvazione dell’Atto Aziendale è intervenuto anche il Segretario Provinciale della Cisl di Salerno Pasquale Passamano: “ Una notizia che era attesa da almeno due anni ma meglio tardi che mai. L’integrazione tra Ateneo e Sanità adesso è un fatto acquisito: da questo deve ripartire il rilancio del sistema Formazione e Sanità in tutto il territorio della Provincia di Salerno”.

LA CITTATino Iannuzzi, deputato del PD, esprime soddisfazione per l’importante risultato raggiunto dalla Facoltà’ di Medicina dell’Universita’ di Salerno, in sede di riparto delle Scuole e delle Borse di Specializzazione per l’anno accademico 2013-2104. Infatti il decreto firmato dal Ministro dell’Universita’ Giannini, d’intesa con il Ministro della Salute Lorenzin, assegna a Salerno Scuole e Borse in totale autonomia e non più’ in mero regime di aggregazione con la Università’ Federico II di Napoli, come era avvenuto lo scorso anno accademico con l’attribuzione di 1 borsa in Medicina Interna ed 1 in Chirurgia Generale. Alla Facoltà di Salerno sono state riconosciute in piena autonomia 2 borse in Medicina Interna, 2 borse in Chirurgia Generale e 2 borse in Malattie dell’Apparato CardioVascolare. Inoltre ed in aggiunta 8 borse in Igiene e Medicina Preventiva sono state attribuite alla SUN-Seconda Università’ di Napoli, in aggregazione con la Università’ di Salerno e con la Università’ del Molise. Quindi alcune di queste borse saranno riconosciute all’Ateneo Salernitano. E’ un passo in avanti fondamentale e strategico, che segna il definitivo inserimento della Facoltà’ di Salerno nel panorama delle Università titolari di Scuole e Borse di Specializzazione, in un percorso graduale che di anno in anno potrà’ e dovrà’ essere incrementato ed arricchito. Iannuzzi ha seguito da tempo e sin dall’inizio tutta la vicenda con massimo impegno e tenacia, con ripetute interrogazioni parlamentari e costanti rapporti con i due Ministri e le Direzioni generali competenti, in raccordo con il Rettore dell’Universita’ Tomasetti ed il Direttore Generale dell’Azienda Ospedaliera Universitaria. E’ un traguardo importate per il definitivo decollo della Facoltà’ di Medicina e per realizzare un salto di qualità’ nella intera organizzazione sanitaria ed ospedaliera salernitana. Alla Facoltà’ deve essere legata la costituzione di una moderna e funzionale cittadella ospedaliera ed universitaria, alla quale vanno legati il rilancio e la riqualificazione delle insostituibili realtà’ ospedaliera nella nostra provincia, valorizzando,il grande patrimonio di professionalità’ ed esperienze del personale sia medico-ospedaliero, sia universitario.

Atto aziendale, la soddisfazione dei sindacati. “L’Atto Aziendale dell’Azienda Ospedaliera Universitaria di Salerno rappresenta l’epilogo naturale e logico di una lunga attesa da parte di tutto il mondo della Sanità e dell’Università per un rapporto, finalmente, piu’ concreto e tangibile tra l’Azienda Ospedaliera e l’Università degli Studi di Salerno. Nonostante due anni trascorsi, inutilmente, solo a causa della contrapposizione, piu’ politica che istituzionale, tra coloro che guidavano l’Ateneo Salernitano ed i rappresentanti della Regione Campania”. E’ quanto dichiarano i Segretari Provinciali della CISL Funzione Pubblica, Cisl Medici e Cisl Università Pietro Antonacchio, Francesco Marino e Gerardo Pintozzi. “Nelle prossime ore”, proseguono i Segretari della Cisl, “il Ministero, con ogni probabilità, assegnerà a Salerno le tanto attese Scuole di Specializzazione che incideranno, in maniera notevole, sulla qualità della formazione e sulla professionalità dei medici laureati all’interno della Facoltà di Medicina dell’Università di Salerno. E’ necessario, comunque, che in contemporanea si lavori anche sulla riqualificazione dei plessi ospedalieri che ricadono nell’ambito dell’Azienda Ospedaliera di Salerno e che, da oggi, avranno una funzione di altissima importanza per il territorio e per la formazione”.
Sul tema della approvazione dell’Atto Aziendale è intervenuto anche il Segretario Provinciale della Cisl di Salerno Pasquale Passamano: “ Una notizia che era attesa da almeno due anni ma meglio tardi che mai. L’integrazione tra Ateneo e Sanità adesso è un fatto acquisito: da questo deve ripartire il rilancio del sistema Formazione e Sanità in tutto il territorio della Provincia di Salerno”.

LA CITTA