Mercato Napoli.Tutta la verita’ sul belga -marocchino Fellaini

0

Il Napoli riprendera’ gli allenamenti domani pomeriggio al centro sportivo di Castelvolturno.Il mercato del Napoli resta sempre caldo,Benitez attende altri rinforzi come promesso dal presidente De Laurentiis che pero’ deve agire in fretta per rafforzare il Napoli e  puntare diritto allo scudetto.

Il ds azzurro tra Belgio e Inghilterra per strappare il sì del mediano Non tramonta la pista Kramer,riavviati i contatti nelle ultime ore

È esploso in Inghilterra con l’Everton, ma adesso il tecnico dei Red Devils Van Gaal vuole cederlo

Il look piace alle inglesi e il suo spot dei biscotti ha sfondato in Giappone

Miki De lucia per Positanonews

 La zazzera di MarouaneFellaini,centrocampista dello United, è così famosa da essere finita sulle confezioni di biscotti in Giappone lo scorso anno. Lì lo adorano. A Manchester un po’ meno. Moyes lo fece pagare a peso d’oro, circa 32 milioni di euro,appena 12 mesi fa dall’Everton. Luis Van Gaal, appena sbarcato in Inghilterra,lo ha inserito in lista di sbarco facendo prendere Herrera e, pare, anche Vidal. Pare che in questi giorni abbia deciso persino di tagliarsi a zero i capelli. Anche perché il ragazzo belga di adozione ma con genitori marocchini è un vero e nproprio idolo delle donne. Tant’è che nel 2012 fu costretto a lasciare la casa a Liverpool per andare a vivere a Manchester (un anno prima della cessione): la sua stravagante chioma faceva talmente breccia nel cuore delle tifose di Liverpool a spingerlo alla fuga.Gioca a centrocampo, lato destro perché il suo piede è destro ma può giocare anche da mezz’ala. In Premier ha giocato appena 19 gare: prima si è fatto male alla schiena poi si è rotto  un polso. Insomma,una jella nera allo United.Andato via Moyes, è caduto in disgrazia: è un gigante di 194 cm. Cresce nelle giovanili dello Standard Liegi, che lo dà all’Everton per 20 milioni nel 2008: le cronache di quei tempi dicono che anche il  Napoli si occupò di lui per la prima volta proprio in quella estate. Classe1987,è considerato uno dei più promettenti figliocci di Scifo: una generazione di fenomeni quella belga.Ha segnato anche il primo gol al Mondiale brasiliano della sua nazionale. Partendo dalla panchina, perché Wilmots lo aveva tenuto inspiegabilmente fuori nel match di esordio contro l’Algeria.Il Napoli ha puntatogli occhi da qualche settimana su questo giocatore il cui manager è un italo-belga, Luciano D’Onofrio. Ovvio, che a tenere distanti le parti è soprattutto l’ingaggio astronomico:Fellaini è molto di più che una promessa, è una vera garanzia,una sorta di diga in mezzo al campo. Ma ha voglia di cambiare aria: sarebbe stato l’entourage del giocatore a chiedere  al dsBigon un incontro che poi si è tenuto a Bruxelles domenica pomeriggio. Bigon ha registrato la voglia del belga di venire a Napoli ma ha preso atto anche di una serie di problemi legati all’ingaggio e alle richieste dello United.Le parti si dovranno aggiornare nelle prossime settimana,ma è escluso che il Napoli rinvii l’ operazione a dopo il 28 agosto, quando avrà la certezza del passaggio alla fase agironi della Champions League.
 

Tutta la verità su Fellaini,ma anche su Kramer. Sono giorni decisivi per il mercato del Napoli. De Laurentiis deve pronunciarsi sull’evoluzione delle trattative più calde. Al momento il belga s’aspetta una base di stipendio da 4,9 milioni di euro a salire. Ovvero quello che prende adesso al Manchester United.Invece il Napoli a questa soglia arriverebbe solo aggiungendo i premi.Tutto può essere risolto in breve, ma nel conto vanno messi anchei colloqui di Fellaini con altri club.L’impressione è che manchino ancora troppi dettagli (e non proprio di piccolo rilievo, come è facile immaginare) per considerare completato il mosaico. E come sempre accade in queste situazione la fibrillazione delle ultime battute può comportare complicazioni anche imprevedibili. Certo,in Inghilterra i tabloid danno per fatto l’accordo tra United e Napoli per la cessione del mediano punto di forza della nazionale belga.Parlano di punto di incontro raggiuntoa 16 milioni,ovvero la metà di quanto speso appena 12 mesi fa. A Rafa, Fellaini non dispiace. Anzi, piace e molto.Ma ha chiesto al ds Bigon di arrivare fino in fondo anche per Kramer, perché i segnali dalla Germania parlano di una nuova apertura del Bayer Leverkusen che, dopo il Mondiale, spera di guadagnare di più dalla cessione.Uno solo o tutti e due?La sensazione è che il Napoli, se potesse, li prenderebbe entrambi.Ma occhio a quelli che al momento sembrano degli outsider:M’Poku, Lucas Leiva, Fer e Claise. Oltre agli spagnoli Suarez e Camacho,soprattutto quest’ultimo pista sempre molto calda.Il Napoli che lascia la Val di Sole si porta dietro i sorrisi di circostanza di Behrami e Dzemaili. A dispetto delle doverose e comprensibili dichiarazioni ufficiali di Rafa Benitez, per i due centrocampisti azzurri la situazione appare tutt’altro che stabile. Malgrado i silenzi che le parti si auto impongono,qualche spiffero arriva in ogni caso. Sulla permanenza della coppia elvetica non sarebbe prudente scommettere.Ma procediamo con ordine. In pratica Behrami ha capito di non riscuotere più la fiducia totale e incondizionata di cui godeva fino a metà della scorsa stagione (prima degli arrivi di Jorginho ed Henrique, per intenderci) e non fa mistero con nessuno di voler cambiare aria. Il suo sogno era riabbracciare Mazzarri, ma l’Inter ha offerto davvero pochi spiccioli.Il Napoli non lo svende. E non pensa neppure di darlo in prestito. La società è entrata nell’ordine di idee di privarsi del suo centrocampista, ma a condizione di fare un affare odi inserirlo in una trattativa che le consentisse di avvicinarsi ad uno dei propri obiettivi. Per esempio Kramer.Sono state numerose le voci di mercato in cui il nome di Behrami è entrato e le trattative che Bigon ha avviato per cedere il mediano svizzero. Più facile discorso Dzemaili: lo vuole l’Amburgo,ma potrebbe finire anche a Firenze. Un altro problema Pandev: il macedone sarebbe disponibile a donorare il contratto,ma certo senza entusiasmo. Di qui la sua disponibilità ad accettare un trasferimento. Ma la sua età e la cifra altissima dell’ingaggio fanno in modo che non sia operazione facile da realizzare.Emissari cinesi si sono mossi, ma in ritardo.Con Callejon il Napoli è stato ancora una volta chiarissimo.È tentato,molto,dall’offerta dell’Atletico Madrid ma Benitez ha esposto allo spagnolo il punto di vista della società,mettendo a fuoco diritti e doveri connessi ad un contratto liberamente firmato,da una parte e dall’altra. Il giocatore ha fatto presente le proprie ragioni e i propri desideri.Ma il caso è rientrato.

fonte:ilmattino

Il Napoli riprendera' gli allenamenti domani pomeriggio al centro sportivo di Castelvolturno.Il mercato del Napoli resta sempre caldo,Benitez attende altri rinforzi come promesso dal presidente De Laurentiis che pero' deve agire in fretta per rafforzare il Napoli e  puntare diritto allo scudetto.

Il ds azzurro tra Belgio e Inghilterra per strappare il sì del mediano Non tramonta la pista Kramer,riavviati i contatti nelle ultime ore

È esploso in Inghilterra con l’Everton, ma adesso il tecnico dei Red Devils Van Gaal vuole cederlo

Il look piace alle inglesi e il suo spot dei biscotti ha sfondato in Giappone

Miki De lucia per Positanonews

 La zazzera di MarouaneFellaini,centrocampista dello United, è così famosa da essere finita sulle confezioni di biscotti in Giappone lo scorso anno. Lì lo adorano. A Manchester un po' meno. Moyes lo fece pagare a peso d'oro, circa 32 milioni di euro,appena 12 mesi fa dall'Everton. Luis Van Gaal, appena sbarcato in Inghilterra,lo ha inserito in lista di sbarco facendo prendere Herrera e, pare, anche Vidal. Pare che in questi giorni abbia deciso persino di tagliarsi a zero i capelli. Anche perché il ragazzo belga di adozione ma con genitori marocchini è un vero e nproprio idolo delle donne. Tant'è che nel 2012 fu costretto a lasciare la casa a Liverpool per andare a vivere a Manchester (un anno prima della cessione): la sua stravagante chioma faceva talmente breccia nel cuore delle tifose di Liverpool a spingerlo alla fuga.Gioca a centrocampo, lato destro perché il suo piede è destro ma può giocare anche da mezz'ala. In Premier ha giocato appena 19 gare: prima si è fatto male alla schiena poi si è rotto  un polso. Insomma,una jella nera allo United.Andato via Moyes, è caduto in disgrazia: è un gigante di 194 cm. Cresce nelle giovanili dello Standard Liegi, che lo dà all'Everton per 20 milioni nel 2008: le cronache di quei tempi dicono che anche il  Napoli si occupò di lui per la prima volta proprio in quella estate. Classe1987,è considerato uno dei più promettenti figliocci di Scifo: una generazione di fenomeni quella belga.Ha segnato anche il primo gol al Mondiale brasiliano della sua nazionale. Partendo dalla panchina, perché Wilmots lo aveva tenuto inspiegabilmente fuori nel match di esordio contro l’Algeria.Il Napoli ha puntatogli occhi da qualche settimana su questo giocatore il cui manager è un italo-belga, Luciano D'Onofrio. Ovvio, che a tenere distanti le parti è soprattutto l'ingaggio astronomico:Fellaini è molto di più che una promessa, è una vera garanzia,una sorta di diga in mezzo al campo. Ma ha voglia di cambiare aria: sarebbe stato l'entourage del giocatore a chiedere  al dsBigon un incontro che poi si è tenuto a Bruxelles domenica pomeriggio. Bigon ha registrato la voglia del belga di venire a Napoli ma ha preso atto anche di una serie di problemi legati all'ingaggio e alle richieste dello United.Le parti si dovranno aggiornare nelle prossime settimana,ma è escluso che il Napoli rinvii l' operazione a dopo il 28 agosto, quando avrà la certezza del passaggio alla fase agironi della Champions League.
 

Tutta la verità su Fellaini,ma anche su Kramer. Sono giorni decisivi per il mercato del Napoli. De Laurentiis deve pronunciarsi sull'evoluzione delle trattative più calde. Al momento il belga s'aspetta una base di stipendio da 4,9 milioni di euro a salire. Ovvero quello che prende adesso al Manchester United.Invece il Napoli a questa soglia arriverebbe solo aggiungendo i premi.Tutto può essere risolto in breve, ma nel conto vanno messi anchei colloqui di Fellaini con altri club.L'impressione è che manchino ancora troppi dettagli (e non proprio di piccolo rilievo, come è facile immaginare) per considerare completato il mosaico. E come sempre accade in queste situazione la fibrillazione delle ultime battute può comportare complicazioni anche imprevedibili. Certo,in Inghilterra i tabloid danno per fatto l'accordo tra United e Napoli per la cessione del mediano punto di forza della nazionale belga.Parlano di punto di incontro raggiuntoa 16 milioni,ovvero la metà di quanto speso appena 12 mesi fa. A Rafa, Fellaini non dispiace. Anzi, piace e molto.Ma ha chiesto al ds Bigon di arrivare fino in fondo anche per Kramer, perché i segnali dalla Germania parlano di una nuova apertura del Bayer Leverkusen che, dopo il Mondiale, spera di guadagnare di più dalla cessione.Uno solo o tutti e due?La sensazione è che il Napoli, se potesse, li prenderebbe entrambi.Ma occhio a quelli che al momento sembrano degli outsider:M'Poku, Lucas Leiva, Fer e Claise. Oltre agli spagnoli Suarez e Camacho,soprattutto quest'ultimo pista sempre molto calda.Il Napoli che lascia la Val di Sole si porta dietro i sorrisi di circostanza di Behrami e Dzemaili. A dispetto delle doverose e comprensibili dichiarazioni ufficiali di Rafa Benitez, per i due centrocampisti azzurri la situazione appare tutt'altro che stabile. Malgrado i silenzi che le parti si auto impongono,qualche spiffero arriva in ogni caso. Sulla permanenza della coppia elvetica non sarebbe prudente scommettere.Ma procediamo con ordine. In pratica Behrami ha capito di non riscuotere più la fiducia totale e incondizionata di cui godeva fino a metà della scorsa stagione (prima degli arrivi di Jorginho ed Henrique, per intenderci) e non fa mistero con nessuno di voler cambiare aria. Il suo sogno era riabbracciare Mazzarri, ma l'Inter ha offerto davvero pochi spiccioli.Il Napoli non lo svende. E non pensa neppure di darlo in prestito. La società è entrata nell'ordine di idee di privarsi del suo centrocampista, ma a condizione di fare un affare odi inserirlo in una trattativa che le consentisse di avvicinarsi ad uno dei propri obiettivi. Per esempio Kramer.Sono state numerose le voci di mercato in cui il nome di Behrami è entrato e le trattative che Bigon ha avviato per cedere il mediano svizzero. Più facile discorso Dzemaili: lo vuole l'Amburgo,ma potrebbe finire anche a Firenze. Un altro problema Pandev: il macedone sarebbe disponibile a donorare il contratto,ma certo senza entusiasmo. Di qui la sua disponibilità ad accettare un trasferimento. Ma la sua età e la cifra altissima dell'ingaggio fanno in modo che non sia operazione facile da realizzare.Emissari cinesi si sono mossi, ma in ritardo.Con Callejon il Napoli è stato ancora una volta chiarissimo.È tentato,molto,dall'offerta dell'Atletico Madrid ma Benitez ha esposto allo spagnolo il punto di vista della società,mettendo a fuoco diritti e doveri connessi ad un contratto liberamente firmato,da una parte e dall'altra. Il giocatore ha fatto presente le proprie ragioni e i propri desideri.Ma il caso è rientrato.

fonte:ilmattino