Le nostre storie, la grande Storia: gli Incontri al buio del Circolo Endas targati estate 2014

0

Il 23 luglio si è concluso il primo ciclo di pellicole della rassegna di cinema d’essai estiva del Circolo Endas Penisola Sorrentina, intitolato “Le nostre storie, la grande Storia”, che si è tenuto a Villa Fondi con grande successo di pubblico e critica, mentre il secondo ciclo inizierà il 1° agosto in un’altra splendida location, il garden del locale sorrentino “Camera&Cucina”. “Il cinema d’essai-commenta il direttore artistico della rassegna, prof. Antonio Volpe- è un cinema non sempre facile, conciliante, politicamente corretto,spesso cerca strade impervie, fa riflettere, ci pone degli interrogativi, ci costringe a rivedere il nostro modo di pensare, lasciandoci dopo la proiezione quella agitazione, quello sconvolgimento emotivo che ci spinge a modificare i nostri atteggiamenti, a confrontarci con noi stessi e gli altri. Il grande cinema- sia una commedia, un thriller o un dramma- lascia sempre dei segni , una traccia, fa emozionare e ci coinvolge in modo profondo e duraturo”.E’ Carlo Alfaro, medico appassionato di arte e responsabile eventi dell’Endas, a fare un breve exursus dei film visti in cartellone a Villa Fondi: “Per la serata inaugurale del 25 giugno, abbiamo proiettato un film poetico e coinvolgente, “Molto forte, incredibilmente vicino”( USA 2012), con attori da oscar comeTom Hanks e Sandra Bullock, la storia di un undicenne “diverso”, perché autistico ma con un’intelligenza superiore al normale(Sindrome di Asperger), che perde il padre nell’attentato alle torri gemelle a New York, e cerca una sua traccia disperatamente attraverso le cinque contee di New York, conoscendo una variata umanità che lo porterà, alla fine, a trovare se stesso negli affetti più fondanti, la madre e i nonni. Mercoledì 2 luglio abbiamo proiettato “La vita facile”(Italia 2011), con tre attori italiani belli e bravi, Pierfrancesco Favino, Stefano Accorsi e Vittoria Puccini, una commedia agrodolce sui mali moderni, la ricerca affannosa di qualcosa “per cui valga la pena” di vivere, attraverso le vicende intrecciate di due uomini e una donna di oggi, tre amici, tre visioni opposte del mondo, tre vite intrecciate indissolubilmente. Sabato 12 luglio abbiamo assistito a “Bel Ami-Storia di un seduttore” (Gran Bretagna, Francia, Italia 2012), con il famoso “vampiro” della saga di Twilight Robert Pattinson, nei panni di uno spietato arrampicatore sociale nella Parigi della fine del diciannovesimo secolo, che non si fa scrupoli di usare le donne innamorate di lui calpestandone i sentimenti. Mercoledì 16 luglio è toccato a “Moonrise Kingdom – Una fuga d’amore”, un film poetico e visionario del grande talento Wes Anderson(USA 2012) sull’eterno scontro tra generazioni, raccontato in forma di favola con lo sguardo di un bambino. Mercoledì 23 luglio gran finale con “La stella che non c’è”, di Gianni Amelio col grande Sergio Castellitto(Italia 2006), novello Marco Polo in un viaggio attraverso la Cina, dove l’incontro con una ragazza cinese diventa anche il confronto tra due modi di vedere la vita, occidentale e orientale. Conclude Adele Paturzo, presidente dell’Endas: “Dal 1° agosto la rassegna proseguirà al “Camera&Cucina” tutti i venerdi di agosto alle 20,30, sempre ad ingresso libero, con altri cinque film eccezionali, che scandagliano i meandri dell’animo umano: 1 agosto” Il lato positivo”, una delicata commedia americana sulla malattia mentale, 8 agosto “Grand Budapest Hotel”, ancora dal talento visionario e fiabesco di Wes Anderson, 15 agosto “I ragazzi stanno bene”, deliziosa commedia sul tema forte della genitorialità omosessuale, 22 agosto “Il capitale umano”, un thriller made in Italy che è anche un affresco sulle tipologie di italiani di oggi, e infine il 29 agosto “Jimmy P”, film drammatico americano sulla necessità di nuove modalità di relazione di cura per capire veramente il disagio di chi soffre”. Che dire più? Buona visione!Il 23 luglio si è concluso il primo ciclo di pellicole della rassegna di cinema d’essai estiva del Circolo Endas Penisola Sorrentina, intitolato “Le nostre storie, la grande Storia”, che si è tenuto a Villa Fondi con grande successo di pubblico e critica, mentre il secondo ciclo inizierà il 1° agosto in un’altra splendida location, il garden del locale sorrentino “Camera&Cucina”. “Il cinema d’essai-commenta il direttore artistico della rassegna, prof. Antonio Volpe- è un cinema non sempre facile, conciliante, politicamente corretto,spesso cerca strade impervie, fa riflettere, ci pone degli interrogativi, ci costringe a rivedere il nostro modo di pensare, lasciandoci dopo la proiezione quella agitazione, quello sconvolgimento emotivo che ci spinge a modificare i nostri atteggiamenti, a confrontarci con noi stessi e gli altri. Il grande cinema- sia una commedia, un thriller o un dramma- lascia sempre dei segni , una traccia, fa emozionare e ci coinvolge in modo profondo e duraturo”.E’ Carlo Alfaro, medico appassionato di arte e responsabile eventi dell’Endas, a fare un breve exursus dei film visti in cartellone a Villa Fondi: “Per la serata inaugurale del 25 giugno, abbiamo proiettato un film poetico e coinvolgente, “Molto forte, incredibilmente vicino”( USA 2012), con attori da oscar comeTom Hanks e Sandra Bullock, la storia di un undicenne “diverso”, perché autistico ma con un’intelligenza superiore al normale(Sindrome di Asperger), che perde il padre nell’attentato alle torri gemelle a New York, e cerca una sua traccia disperatamente attraverso le cinque contee di New York, conoscendo una variata umanità che lo porterà, alla fine, a trovare se stesso negli affetti più fondanti, la madre e i nonni. Mercoledì 2 luglio abbiamo proiettato “La vita facile”(Italia 2011), con tre attori italiani belli e bravi, Pierfrancesco Favino, Stefano Accorsi e Vittoria Puccini, una commedia agrodolce sui mali moderni, la ricerca affannosa di qualcosa “per cui valga la pena” di vivere, attraverso le vicende intrecciate di due uomini e una donna di oggi, tre amici, tre visioni opposte del mondo, tre vite intrecciate indissolubilmente. Sabato 12 luglio abbiamo assistito a “Bel Ami-Storia di un seduttore” (Gran Bretagna, Francia, Italia 2012), con il famoso “vampiro” della saga di Twilight Robert Pattinson, nei panni di uno spietato arrampicatore sociale nella Parigi della fine del diciannovesimo secolo, che non si fa scrupoli di usare le donne innamorate di lui calpestandone i sentimenti. Mercoledì 16 luglio è toccato a “Moonrise Kingdom – Una fuga d’amore”, un film poetico e visionario del grande talento Wes Anderson(USA 2012) sull’eterno scontro tra generazioni, raccontato in forma di favola con lo sguardo di un bambino. Mercoledì 23 luglio gran finale con “La stella che non c’è”, di Gianni Amelio col grande Sergio Castellitto(Italia 2006), novello Marco Polo in un viaggio attraverso la Cina, dove l’incontro con una ragazza cinese diventa anche il confronto tra due modi di vedere la vita, occidentale e orientale. Conclude Adele Paturzo, presidente dell’Endas: “Dal 1° agosto la rassegna proseguirà al “Camera&Cucina” tutti i venerdi di agosto alle 20,30, sempre ad ingresso libero, con altri cinque film eccezionali, che scandagliano i meandri dell’animo umano: 1 agosto” Il lato positivo”, una delicata commedia americana sulla malattia mentale, 8 agosto “Grand Budapest Hotel”, ancora dal talento visionario e fiabesco di Wes Anderson, 15 agosto “I ragazzi stanno bene”, deliziosa commedia sul tema forte della genitorialità omosessuale, 22 agosto “Il capitale umano”, un thriller made in Italy che è anche un affresco sulle tipologie di italiani di oggi, e infine il 29 agosto “Jimmy P”, film drammatico americano sulla necessità di nuove modalità di relazione di cura per capire veramente il disagio di chi soffre”. Che dire più? Buona visione!

Lascia una risposta