NIBALI ENTRA NELLA STORIA , VINCE IL TOUR DE FRANCE

0

«Non è un sogno, ho vinto davvero». Vincenzo Nibali si gode il trionfo al Tour de France. Lo “Squalo dello Stretto”, quarto nella cronometro che rappresentava l’ultimo ostacolo verso Parigi, ha divorato la Grande Boucle con l’autorevolezza del campione e domani, nella passerella sui Campi Elisi, potrà serenamente pedalare con indosso la maglia gialla e un flute di champagne in mano. NELLA STORIA Nibali entra nella “Hall of fame” del ciclismo, la cinquina di corridori che hanno vinto le tre grandi corse a tappe: Giro, Tour e Vuelta. Non una cinquina qualunque, ma vere e proprie leggende: Eddy Merckx, Bernard Hinault, Jacques Anquetil, Alberto Contador, Felice Gimondi. Stili diversi, epoche diverse. «Sono contento, a parigi sarà il momento più bello della corsa, con l’Arco di Trionfo e la premiazione – confessa il corridore messinese dell’Astana -. L’emozione di arrivare a Parigi è da pelle d’oca, inspiegabile. Quando sono venuto qui per disputare il primo Tour della mia carriera sono rimasto stregato dall’atmosfera dell’ultima giornata, dal giro d’onore, dal tifo della gente… È un po’ tutto irreale, devo abituarmi lentamente. Il pensiero di aver vestito la maglia gialla dalla seconda giornata fino alla fine è stato logorante, non è stato facile per niente. Ora voglio godermi questi momenti con la mia famiglia e con i miei amici». LA MAGLIA DI PANTANI Un pensiero, però, lo riserva a Marco Pantani, l’ultimo trionfatore italiano nella corsa a tappe più prestigiosa del Mondo: «Quando lui vinceva ero ragazzino. Sua mamma mi ha regalato la sua maglia gialla e quando tornerò, come promesso, le porterò la mia». Una maglia che Nibali ha difeso con intelligenza, attaccando nei momenti giusti, sul pave’ e nella crono, su Alpi e Pirenei. Nulla hanno potuto gli avversari rimasti in gara (dopo i ritiri di peso di Froome e Contador). Lo spagnolo Alejandro Valverde non riuscirà a salire nemmeno sul podio, scalzato dai francesi Jean-Christophe Peraud e Thibaut Pinot entrambi più veloci nella cronometro di 54km da Bergerac a Perigueux vinta dallo specialista tedesco Tony Martin (al secondo successo personale dopo quello centrato nella 9/a frazione). «Il quarto posto nella crono è un risultato che mi soddisfa, è stata una buona prestazione. C’era un po’ di tensione perché non era una prova semplice visto che c’erano molti rettilinei, falsi piani, e poca salita – sottolinea Nibali dopo aver tagliato il traguardo -. Non vedevo l’ora di arrivare. Era una crono in cui volevo dimostrare di poter far bene, e sono contento del quarto tempo, ora il mio pensiero è per domani». TATTICA E STRATEGIA Oggi “Enzino” da Messina ce l’ha fatta e adesso che la storia è riscritta si prepara a riabbracciare la moglie Rachele e la piccola Emma, ai piedi dell’Arco di Trionfo, che lo aspettano per la passerella finale. Poco più di un anno fa, sul podio di Brescia, alla fine della trionfale cavalcata nel Giro d’Italia, era talmente emozionato che non riuscì a cantare l’inno di Mameli. Guardava sua madre Giovanna Romano e suo padre Turi, ma pensava a suo nonno Vincenzo, dal quale ha preso il nome. Fu lui a regalargli il primo triciclo. Chi lo avrebbe detto che sarebbe diventato una leggenda del ciclismo? Nibali ha costruito la propria vittoria giorno dopo giorno, preparandosi bene, mettendosi dietro alla moto del fido Paolo Slongo, sul Passo San Pellegrino. «Io faccio Froome e tu mi corri dietro…», gli diceva, e Nibali a pedalare in apnea, a 1.900 metri d’altezza. Come sono lontane le Eolie. Nibali è un mostro di tattica, di strategia: studia gli avversari, carpisce le loro debolezze e le trasforma in energia produttiva per la propria bici. Voleva diventare invincibile, inattaccabile, c’è riuscito, acquisendo la sicurezza degli audaci e ricalcando le orme di Felice Gimondi. Non ha il fuoco dentro di Pantani, ma la capacità di trasformare le corse impossibili – fra Alpi e Pirenei – quasi in una kermesse cicloturistica. Un campione vero, misurato, come il bergamasco Gimondi. Mai una parola fuori posto, una frase di troppo. Ha stravinto il Giro d’Italia 2013, ha dominato il Tour de France, convincendo anche i francesi. Nessuno avrà più il coraggio di dirgli che ha vinto, perché erano assenti Froome e Contador, entrambi ritirati per cadute, ma già staccati dallo “Squalo dello Stretto”. La Stampa I VIDEO DELLA GAZZETTA 

«Non è un sogno, ho vinto davvero». Vincenzo Nibali si gode il trionfo al Tour de France. Lo “Squalo dello Stretto”, quarto nella cronometro che rappresentava l’ultimo ostacolo verso Parigi, ha divorato la Grande Boucle con l’autorevolezza del campione e domani, nella passerella sui Campi Elisi, potrà serenamente pedalare con indosso la maglia gialla e un flute di champagne in mano. NELLA STORIA Nibali entra nella “Hall of fame” del ciclismo, la cinquina di corridori che hanno vinto le tre grandi corse a tappe: Giro, Tour e Vuelta. Non una cinquina qualunque, ma vere e proprie leggende: Eddy Merckx, Bernard Hinault, Jacques Anquetil, Alberto Contador, Felice Gimondi. Stili diversi, epoche diverse. «Sono contento, a parigi sarà il momento più bello della corsa, con l’Arco di Trionfo e la premiazione – confessa il corridore messinese dell’Astana -. L’emozione di arrivare a Parigi è da pelle d’oca, inspiegabile. Quando sono venuto qui per disputare il primo Tour della mia carriera sono rimasto stregato dall’atmosfera dell’ultima giornata, dal giro d’onore, dal tifo della gente… È un po’ tutto irreale, devo abituarmi lentamente. Il pensiero di aver vestito la maglia gialla dalla seconda giornata fino alla fine è stato logorante, non è stato facile per niente. Ora voglio godermi questi momenti con la mia famiglia e con i miei amici». LA MAGLIA DI PANTANI Un pensiero, però, lo riserva a Marco Pantani, l’ultimo trionfatore italiano nella corsa a tappe più prestigiosa del Mondo: «Quando lui vinceva ero ragazzino. Sua mamma mi ha regalato la sua maglia gialla e quando tornerò, come promesso, le porterò la mia». Una maglia che Nibali ha difeso con intelligenza, attaccando nei momenti giusti, sul pave’ e nella crono, su Alpi e Pirenei. Nulla hanno potuto gli avversari rimasti in gara (dopo i ritiri di peso di Froome e Contador). Lo spagnolo Alejandro Valverde non riuscirà a salire nemmeno sul podio, scalzato dai francesi Jean-Christophe Peraud e Thibaut Pinot entrambi più veloci nella cronometro di 54km da Bergerac a Perigueux vinta dallo specialista tedesco Tony Martin (al secondo successo personale dopo quello centrato nella 9/a frazione). «Il quarto posto nella crono è un risultato che mi soddisfa, è stata una buona prestazione. C’era un po’ di tensione perché non era una prova semplice visto che c’erano molti rettilinei, falsi piani, e poca salita – sottolinea Nibali dopo aver tagliato il traguardo -. Non vedevo l’ora di arrivare. Era una crono in cui volevo dimostrare di poter far bene, e sono contento del quarto tempo, ora il mio pensiero è per domani». TATTICA E STRATEGIA Oggi “Enzino” da Messina ce l’ha fatta e adesso che la storia è riscritta si prepara a riabbracciare la moglie Rachele e la piccola Emma, ai piedi dell’Arco di Trionfo, che lo aspettano per la passerella finale. Poco più di un anno fa, sul podio di Brescia, alla fine della trionfale cavalcata nel Giro d’Italia, era talmente emozionato che non riuscì a cantare l’inno di Mameli. Guardava sua madre Giovanna Romano e suo padre Turi, ma pensava a suo nonno Vincenzo, dal quale ha preso il nome. Fu lui a regalargli il primo triciclo. Chi lo avrebbe detto che sarebbe diventato una leggenda del ciclismo? Nibali ha costruito la propria vittoria giorno dopo giorno, preparandosi bene, mettendosi dietro alla moto del fido Paolo Slongo, sul Passo San Pellegrino. «Io faccio Froome e tu mi corri dietro…», gli diceva, e Nibali a pedalare in apnea, a 1.900 metri d’altezza. Come sono lontane le Eolie. Nibali è un mostro di tattica, di strategia: studia gli avversari, carpisce le loro debolezze e le trasforma in energia produttiva per la propria bici. Voleva diventare invincibile, inattaccabile, c’è riuscito, acquisendo la sicurezza degli audaci e ricalcando le orme di Felice Gimondi. Non ha il fuoco dentro di Pantani, ma la capacità di trasformare le corse impossibili – fra Alpi e Pirenei – quasi in una kermesse cicloturistica. Un campione vero, misurato, come il bergamasco Gimondi. Mai una parola fuori posto, una frase di troppo. Ha stravinto il Giro d’Italia 2013, ha dominato il Tour de France, convincendo anche i francesi. Nessuno avrà più il coraggio di dirgli che ha vinto, perché erano assenti Froome e Contador, entrambi ritirati per cadute, ma già staccati dallo “Squalo dello Stretto”. La Stampa I VIDEO DELLA GAZZETTA 

Lascia una risposta