CONFERENZA SINDACI COSTA D’AMALFI FIRMATO ACCORDO CON UNIVERSITA’ DI SALERNO

0

La Costiera amalfitana e l’università di Salerno diventano partners. L’accordo e’ stato formalizzato oggi pomeriggio, con una cerimonia pubblica di presentazione presso la terrazza dell’ospedale Costa d’Amalfi. All’incontro saranno presenti il rettore Aurelio Tommasetti, il direttore generale dell’Azienda ospedaliera universitaria “S. Giovanni di Dio e Ruggi d’Aragona”, Vincenzo Viggiani, l’assessore provinciale alla cultura, Matteo Bottone, i sindaci di Maiori, Minori e Ravello, rispettivamente Antonio Della Pietra, Andrea Reale e Paolo Vuilleumier. Della Pietra, in qualità di presidente della Conferenza dei sindaci, e Tommasetti hanno firmato  l’accordo-quadro che instaurerà la collaborazione tra l’ateneo e la Divina. «Il mondo accademico – evidenzia Reale – ha individuato nel comprensorio amalfitano rilevanti possibilità di analisi e di intervento, nella consapevolezza che lo sviluppo scientifico e tecnologico sta alla base delle più fondate prospettive di progresso sociale e civile». I principali settori in cui l’università fungerà da partner per lo svolgimento di attività di ricerca, formazione e consulenza riguarderanno la valutazione ed il controllo dell’ambiente e del territorio, la gestione e la tutela dei beni culturali, l’archeologia e la storiografia, la valorizzazione del patrimonio turistico, la comunicazione, il management aziendale e amministrativo, le discipline sanitarie ed altri ancora. «Viene riconosciuto – conclude Reale – il peculiare insieme di specificità naturalistiche, antropologiche e sociali che fa della Costiera un laboratorio unico, alla luce dei molteplici ambiti nei quali nel corso dei secoli se ne è dispiegata la storia e che costituiscono altrettanti aspetti di un variegato patrimonio di conoscenze e di saperi». Gaetano de Stefano

 

Istituire tre borse di studio e aderire ad un accordo quadro di collaborazione scientifica con l’Università degli Studi di Salerno. E’ quanto prevede l’accordo firmato ieri sera, presso l’ospedale Costa d’Amalfi di Ravello, dallaConferenza dei sindaci dei 14 comuni costieri e dai vertici dell’ateneo salernitano. All’incontro hanno preso parte, oltre ai primi cittadini, il rettore dell’Università di Salerno, Aurelio Tommasetti, il direttore generale dell’Aou San Giovanni di Dio e Ruggi d’Aragona, Vincenzo Viggiani e Matteo Bottone, assessore alla Provincia di Salerno. «Quello siglato ieri è un importante documento – sottolinea il sindaco di Ravello, Paolo Vuilleumier – Si tratta di un accordo quadro di collaborazione scientifica con l’Università di Salerno per lo svolgimento di attività di ricerca, formazione e consulenza. Una iniziativa nella quale crediamo fortemente, per le azioni a favore dei nostri concittadini, soprattutto per i nostri giovani. Anche le tre borse di studio riservate agli studenti dell’Università degli Studi di Salerno residenti un uno dei Comuni della costiera, rappresentano una grande opportunità, inserita in contesto di forte sinergia tra i nostri enti locali e l’istituzione universitaria di Salerno». «Si tratta di un primo passo per creare una sinergia tra la migliore Università del Sud Italia, guidata dal rettore Aurelio Tommasetti e da una grande squadra con persone capaci come il direttore generale Attilio Bianchi, e il territorio della Costa d’Amalfi, uno dei luoghi più prestigiosi al mondo – interviene il consigliere comunale, delegato alla Sanità, Franco Lanzieri – Il nostro ospedale potrebbe essere sede di congressi internazionali, utilizzando strutture come l’Auditorium Oscar Neymeier. Ci auguriamo che questa iniziativa possa essere foriera di altre attività che vedano teatro l’ospedale Costa d’Amalfi, facente parte dell’Azienda Ospedaliera Universitaria di Salerno, che ha confermato nel corso degli anni di essere fondamentale presidio al servizio di cittadini e dei tantissimi turisti che, dalla primavera all’autunno, affollano le nostre città».

La Costiera amalfitana e l’università di Salerno diventano partners. L’accordo e' stato formalizzato oggi pomeriggio, con una cerimonia pubblica di presentazione presso la terrazza dell’ospedale Costa d’Amalfi. All’incontro saranno presenti il rettore Aurelio Tommasetti, il direttore generale dell’Azienda ospedaliera universitaria “S. Giovanni di Dio e Ruggi d’Aragona”, Vincenzo Viggiani, l’assessore provinciale alla cultura, Matteo Bottone, i sindaci di Maiori, Minori e Ravello, rispettivamente Antonio Della Pietra, Andrea Reale e Paolo Vuilleumier. Della Pietra, in qualità di presidente della Conferenza dei sindaci, e Tommasetti hanno firmato  l’accordo-quadro che instaurerà la collaborazione tra l’ateneo e la Divina. «Il mondo accademico – evidenzia Reale – ha individuato nel comprensorio amalfitano rilevanti possibilità di analisi e di intervento, nella consapevolezza che lo sviluppo scientifico e tecnologico sta alla base delle più fondate prospettive di progresso sociale e civile». I principali settori in cui l’università fungerà da partner per lo svolgimento di attività di ricerca, formazione e consulenza riguarderanno la valutazione ed il controllo dell’ambiente e del territorio, la gestione e la tutela dei beni culturali, l’archeologia e la storiografia, la valorizzazione del patrimonio turistico, la comunicazione, il management aziendale e amministrativo, le discipline sanitarie ed altri ancora. «Viene riconosciuto – conclude Reale – il peculiare insieme di specificità naturalistiche, antropologiche e sociali che fa della Costiera un laboratorio unico, alla luce dei molteplici ambiti nei quali nel corso dei secoli se ne è dispiegata la storia e che costituiscono altrettanti aspetti di un variegato patrimonio di conoscenze e di saperi». Gaetano de Stefano

 

Istituire tre borse di studio e aderire ad un accordo quadro di collaborazione scientifica con l'Università degli Studi di Salerno. E' quanto prevede l'accordo firmato ieri sera, presso l'ospedale Costa d'Amalfi di Ravello, dallaConferenza dei sindaci dei 14 comuni costieri e dai vertici dell'ateneo salernitano. All'incontro hanno preso parte, oltre ai primi cittadini, il rettore dell'Università di Salerno, Aurelio Tommasetti, il direttore generale dell'Aou San Giovanni di Dio e Ruggi d'Aragona, Vincenzo Viggiani e Matteo Bottone, assessore alla Provincia di Salerno. «Quello siglato ieri è un importante documento – sottolinea il sindaco di Ravello, Paolo Vuilleumier – Si tratta di un accordo quadro di collaborazione scientifica con l'Università di Salerno per lo svolgimento di attività di ricerca, formazione e consulenza. Una iniziativa nella quale crediamo fortemente, per le azioni a favore dei nostri concittadini, soprattutto per i nostri giovani. Anche le tre borse di studio riservate agli studenti dell'Università degli Studi di Salerno residenti un uno dei Comuni della costiera, rappresentano una grande opportunità, inserita in contesto di forte sinergia tra i nostri enti locali e l'istituzione universitaria di Salerno». «Si tratta di un primo passo per creare una sinergia tra la migliore Università del Sud Italia, guidata dal rettore Aurelio Tommasetti e da una grande squadra con persone capaci come il direttore generale Attilio Bianchi, e il territorio della Costa d'Amalfi, uno dei luoghi più prestigiosi al mondo – interviene il consigliere comunale, delegato alla Sanità, Franco Lanzieri – Il nostro ospedale potrebbe essere sede di congressi internazionali, utilizzando strutture come l'Auditorium Oscar Neymeier. Ci auguriamo che questa iniziativa possa essere foriera di altre attività che vedano teatro l'ospedale Costa d'Amalfi, facente parte dell'Azienda Ospedaliera Universitaria di Salerno, che ha confermato nel corso degli anni di essere fondamentale presidio al servizio di cittadini e dei tantissimi turisti che, dalla primavera all'autunno, affollano le nostre città».