Napoli. Protestano i dipendenti, chiuse le cucine del Policlinico: pasti a rischio per i pazienti

0

Napoli – «Oggi non mangia nessuno». Al bar del Policlinico federiciano è protesta. I lavoratori hanno occupato la sala, chiuso le cucine della mensa accanto e minacciato di lasciare tutti senza cibo. Il motivo? Una gara di appalto per la gestione del bar che a loro avviso metto a rischio i posti di lavori. Fino ad oggi la gestione è stata unica. Ovvero bar e mensa sono in due edifici adiacenti in gestione ad una unica ditta appaltatrice. Ora si è proceduto alla separazione.

Natale Locastro, direttore amminsitrativo e ad interim del personale getta acqua sul fuoco delle polemiche. «Nessun rischio per i lavoratori – spiega al Mattino – sono state effettuate tre gare, due sono andate deserta perchè c’era il vincolo di assorbire il personale, la terza, come prevede la legge si è dovuto eleminare la clausola, ma non c’è mai stata distinzione tra personale mensa e del bar».

Due giorni fa la richiesta di consegnare i locali e la decisione da parte dei dipendenti di protestare.
IL MATTINO.ITNapoli – «Oggi non mangia nessuno». Al bar del Policlinico federiciano è protesta. I lavoratori hanno occupato la sala, chiuso le cucine della mensa accanto e minacciato di lasciare tutti senza cibo. Il motivo? Una gara di appalto per la gestione del bar che a loro avviso metto a rischio i posti di lavori. Fino ad oggi la gestione è stata unica. Ovvero bar e mensa sono in due edifici adiacenti in gestione ad una unica ditta appaltatrice. Ora si è proceduto alla separazione.

Natale Locastro, direttore amminsitrativo e ad interim del personale getta acqua sul fuoco delle polemiche. «Nessun rischio per i lavoratori – spiega al Mattino – sono state effettuate tre gare, due sono andate deserta perchè c’era il vincolo di assorbire il personale, la terza, come prevede la legge si è dovuto eleminare la clausola, ma non c’è mai stata distinzione tra personale mensa e del bar».

Due giorni fa la richiesta di consegnare i locali e la decisione da parte dei dipendenti di protestare.
IL MATTINO.IT