Secondo anno in azzurro per il team manager Gianpaolo De Matteis

0

Al secondo anno in azzurro in un intervista al mattino parla il team manager del Napoli Gianpaolo De Matteis.Gianpaolo è romano   del quartiere di San Lorenzo, 44 anni, sposato con Maria Antonietta,è il team manager del Napoli dalla scorsa estate.

Miki De Lucia per Positanonews

Attento a tutto, Rafa è un vero perfezionista

E’ laureato in sociologia alla Sapienza con master in diritto dello sport a Teramo. Scrive romanzi:uno è già uscito «Vanessa Atalanta», storia di un ex calciatore che diventa fisioterapista e se ne va in Africa, l’altro sta per essere pubblicato e hail titolo di «Demoni Sconfitti».

Nel suo passato, recente,era un direttore sportivo,però?«All’Ascoli. Dopododici anni da calciatore in serie C.E lo dica pure: un bravo terzino di categoria. Ho vinto anche un campionato a Chieti nel 2000. In squadra con me c’era Fabio Grosso:mai nessuno avrebbe scommesso che sei anni dopo l’Italia avrebbe vinto un mondiale grazie a un rigore calciato da lui.

È il destino. Il suo quando è cambiato? Lo scorso anno: vedo che Santoro segue Mazzarri a Milano e mando un sms a Bigon. Nessuna risposta. Ci eravamo conosciuti quando lui era a Reggio Calabria e io ad Ascoli. Una grande stima,perché è una persona pulita.Lo rivedo a Milano, quasi per caso. Mi fa: ?Come te la cavi con l’inglese??. E io ?A little bit?. Due giorni dopo ero a fare un colloquio con il presidente De Laurentiis».

Che cosa le piace di Benitez? «È un allenatore intelligente,che riesce a parlare con qualsiasi interlocutore. E lo fa sempre con semplicità. E poi è uno che vive il club a 360 gradi. Si occupa di qualsiasi cosa, vede tutto e tutti, osserva ogni dettaglio».

Ma lo ha mai visto veramente nero? Fine primo tempo di Parma e Bergamo.

Chi volete evitare nel preliminare di Champions?«Bilbao e Dnipro. Ma anche la vincente di Feyenoord-Besiktas»

.Lo scudetto lo vince chi hail fatturato più alto?

Generalmente sì. Ma può accadere anche che lo vinca la squadra che ha il gruppo meglio assortito, come armonia e qualità. Come Benitez ha fatto a Valencia».

Juve e Roma?«Ora è la Juve ad aver cambiato allenatore ed è la Roma a dover giocare ogni tre giorni. Vediamo cosa fanno».

C’è un leader nel gruppo?«Ce ne sono due: Maggio e Hamsik, le anime del Napoli».

fonte:ilmattino

Al secondo anno in azzurro in un intervista al mattino parla il team manager del Napoli Gianpaolo De Matteis.Gianpaolo è romano   del quartiere di San Lorenzo, 44 anni, sposato con Maria Antonietta,è il team manager del Napoli dalla scorsa estate.

Miki De Lucia per Positanonews

Attento a tutto, Rafa è un vero perfezionista

E' laureato in sociologia alla Sapienza con master in diritto dello sport a Teramo. Scrive romanzi:uno è già uscito «Vanessa Atalanta», storia di un ex calciatore che diventa fisioterapista e se ne va in Africa, l'altro sta per essere pubblicato e hail titolo di «Demoni Sconfitti».

Nel suo passato, recente,era un direttore sportivo,però?«All'Ascoli. Dopododici anni da calciatore in serie C.E lo dica pure: un bravo terzino di categoria. Ho vinto anche un campionato a Chieti nel 2000. In squadra con me c'era Fabio Grosso:mai nessuno avrebbe scommesso che sei anni dopo l'Italia avrebbe vinto un mondiale grazie a un rigore calciato da lui.

È il destino. Il suo quando è cambiato? Lo scorso anno: vedo che Santoro segue Mazzarri a Milano e mando un sms a Bigon. Nessuna risposta. Ci eravamo conosciuti quando lui era a Reggio Calabria e io ad Ascoli. Una grande stima,perché è una persona pulita.Lo rivedo a Milano, quasi per caso. Mi fa: ?Come te la cavi con l'inglese??. E io ?A little bit?. Due giorni dopo ero a fare un colloquio con il presidente De Laurentiis».

Che cosa le piace di Benitez? «È un allenatore intelligente,che riesce a parlare con qualsiasi interlocutore. E lo fa sempre con semplicità. E poi è uno che vive il club a 360 gradi. Si occupa di qualsiasi cosa, vede tutto e tutti, osserva ogni dettaglio».

Ma lo ha mai visto veramente nero? Fine primo tempo di Parma e Bergamo.

Chi volete evitare nel preliminare di Champions?«Bilbao e Dnipro. Ma anche la vincente di Feyenoord-Besiktas»

.Lo scudetto lo vince chi hail fatturato più alto?

Generalmente sì. Ma può accadere anche che lo vinca la squadra che ha il gruppo meglio assortito, come armonia e qualità. Come Benitez ha fatto a Valencia».

Juve e Roma?«Ora è la Juve ad aver cambiato allenatore ed è la Roma a dover giocare ogni tre giorni. Vediamo cosa fanno».

C'è un leader nel gruppo?«Ce ne sono due: Maggio e Hamsik, le anime del Napoli».

fonte:ilmattino

Lascia una risposta