Si chiude la prima tappa del Gran Tour in Irpinia

0

Grande successo a San Mango sul Calore per l’evento dedicato a Fra Ilarione e ai Fichi di San Mango, la prima tappa del progetto di promozione del territorio che intende valorizzare il patrimonio culturale dell’Irpinia attraverso la riscoperta dei personaggi e dei sapori che ne hanno fatto la storia. Appuntamento alla prossima tappa che toccherà, il 12 agosto, il comune di Calabritto.
Si è conclusa con successo la prima tappa del Gran Tour in Irpinia, evento itinerante che attraverserà sei comuni dell’area del Terminio-Cervialto, alla riscoperta delle peculiarità storico-culturali ed enogastronomiche dell’area. Il Progetto Integrato di Promozione del Territorio “Un gran tour in Irpinia lungo sei secoli tra storia, tradizioni ed enogastronomia”, finanziato nell’ambito del PSR Campania 2007/2013 – Interventi cofinanziati dal FEASR, Piano di Sviluppo Locale del GAL IRPINIA – MISURA 313 “Incentivazione di attività turistiche”, e’ stato inaugurato sabato a San Mango sul Calore, comune che, insieme a Cassano Irpino (Comune Capofila), Bagnoli Irpino, Calabritto, Montemarano e Salza Irpina, ha scelto di fare sistema, realizzando un progetto di valorizzazione sinergica dei propri territori che si articola in diverse azioni tese a dotare i comuni partecipanti di adeguati strumenti di fruizione turistica, nonché a creare le giuste motivazioni atte a favorire il movimento di visitatori verso l’area. Nella suggestiva cornice offerta dal belvedere della cittadina si è svolta la cena-spettacolo “Fra Ilarione tra i Fichi di San Mango alla Cavalcata di Sant’Anna”, primo atto di un viaggio nel tempo che toccherà diverse epoche. La prima tappa ha visto protagonista Fra Ilarione, al secolo Gennaro Montefuscoli, monaco sammanghese del Settecento ancora oggi molto amato dalla popolazione, morto in odore di santità, le cui gesta sono state raccontate dagli attori della compagnia teatrale La Carrozza d’Oro. Grazie alla partecipazione colorata degli abitanti del luogo, che hanno animato la tavola imbandita con pietanze tipiche dell’epoca, la rappresentazione, impreziosita dagli splendidi abiti di Adriana Monaco, ha riscosso un grande successo, richiamando un pubblico di ogni età, che ha assiepato le gradinate dell’anfiteatro sottostate Piazza Santuario, splendido valore aggiunto della serata con la sua magnifica vista sulla Valle del Calore. Al centro della serata, oltre al monaco sammanghese, non poteva che essere il pregiato Fico di San Mango, impiegato non solo nella preparazione di alcune delle pietanze presentate durante la cena-spettacolo, ma offerto anche ai visitatori nell’ambito della XXIII edizione della Sagra dei Fichi, evento svoltosi in contemporanea. Dopo San Mango sul Calore, il prossimo appuntamento toccherà il comune Calabritto con il prezioso borgo di Quaglietta, che ospiterà la seconda tappa del Gran Tour in Irpinia. Questa volta ad animare la speciale serata, che si svolgerà martedì 12 agosto a partire dalle 19,30, saranno il personaggio del Conte Giacomo Arcucci di Capri e il prelibato Peperoncino Quagliettano, in un trionfo di saperi e sapori del Trecento raccontati in un intreccio di seduzioni e intrighi di corte.
Tutte le info su: www.grantourinirpinia.itGrande successo a San Mango sul Calore per l’evento dedicato a Fra Ilarione e ai Fichi di San Mango, la prima tappa del progetto di promozione del territorio che intende valorizzare il patrimonio culturale dell’Irpinia attraverso la riscoperta dei personaggi e dei sapori che ne hanno fatto la storia. Appuntamento alla prossima tappa che toccherà, il 12 agosto, il comune di Calabritto.
Si è conclusa con successo la prima tappa del Gran Tour in Irpinia, evento itinerante che attraverserà sei comuni dell’area del Terminio-Cervialto, alla riscoperta delle peculiarità storico-culturali ed enogastronomiche dell’area. Il Progetto Integrato di Promozione del Territorio “Un gran tour in Irpinia lungo sei secoli tra storia, tradizioni ed enogastronomia”, finanziato nell’ambito del PSR Campania 2007/2013 – Interventi cofinanziati dal FEASR, Piano di Sviluppo Locale del GAL IRPINIA – MISURA 313 “Incentivazione di attività turistiche”, e’ stato inaugurato sabato a San Mango sul Calore, comune che, insieme a Cassano Irpino (Comune Capofila), Bagnoli Irpino, Calabritto, Montemarano e Salza Irpina, ha scelto di fare sistema, realizzando un progetto di valorizzazione sinergica dei propri territori che si articola in diverse azioni tese a dotare i comuni partecipanti di adeguati strumenti di fruizione turistica, nonché a creare le giuste motivazioni atte a favorire il movimento di visitatori verso l’area. Nella suggestiva cornice offerta dal belvedere della cittadina si è svolta la cena-spettacolo “Fra Ilarione tra i Fichi di San Mango alla Cavalcata di Sant’Anna”, primo atto di un viaggio nel tempo che toccherà diverse epoche. La prima tappa ha visto protagonista Fra Ilarione, al secolo Gennaro Montefuscoli, monaco sammanghese del Settecento ancora oggi molto amato dalla popolazione, morto in odore di santità, le cui gesta sono state raccontate dagli attori della compagnia teatrale La Carrozza d’Oro. Grazie alla partecipazione colorata degli abitanti del luogo, che hanno animato la tavola imbandita con pietanze tipiche dell’epoca, la rappresentazione, impreziosita dagli splendidi abiti di Adriana Monaco, ha riscosso un grande successo, richiamando un pubblico di ogni età, che ha assiepato le gradinate dell’anfiteatro sottostate Piazza Santuario, splendido valore aggiunto della serata con la sua magnifica vista sulla Valle del Calore. Al centro della serata, oltre al monaco sammanghese, non poteva che essere il pregiato Fico di San Mango, impiegato non solo nella preparazione di alcune delle pietanze presentate durante la cena-spettacolo, ma offerto anche ai visitatori nell’ambito della XXIII edizione della Sagra dei Fichi, evento svoltosi in contemporanea. Dopo San Mango sul Calore, il prossimo appuntamento toccherà il comune Calabritto con il prezioso borgo di Quaglietta, che ospiterà la seconda tappa del Gran Tour in Irpinia. Questa volta ad animare la speciale serata, che si svolgerà martedì 12 agosto a partire dalle 19,30, saranno il personaggio del Conte Giacomo Arcucci di Capri e il prelibato Peperoncino Quagliettano, in un trionfo di saperi e sapori del Trecento raccontati in un intreccio di seduzioni e intrighi di corte.
Tutte le info su: www.grantourinirpinia.it