Vietri sul mare cittadini fan comitato Stop Rocce Rosse contro musica

0

VIETRI SUL MARE Sono proprio al limite della sopportazione, alcuni cittadini di Vietri, che denunciano il diritto al riposo “negato”. Al punto che, per difenderlo, hanno costituito un gruppo su un social network, denominato “Stop Rocce Rosse”, in riferimento alla discoteca all’aperto del Lloyd’s Baia Hotel di Vietri. Una discoteca, peraltro, già destinataria di una diffida da parte dell’amministrazione comunale, dopo una nota dei carabineri di Vietri, tempestati dalle denunce di cittadini esasperati. Un provvedimento che diffidava “dal porre in essere ulteriori attività” – si spiegava – perché gli “eventi provocano un continuo disturbo della quiete pubblica, fino a mattinata inoltrata” oltre che per motivi di sicurezza. Per quanto concerne i dispositivi di sicurezza, pare sia stato tutto sistemato. Ma il problema della musica “fracassona” rimane. E quello toglie letterlemente il sonno agli abitanti della zona. «Questo non è un comitato legalmente costituito – ricorda Patrizia Gadaleta, ex segretario cittadino del Pd vietrese, che fa da portavoce della protesta – ma solo un gruppo che chiede il rispetto di un diritto sacrosanto, quello al riposo notturno. Le Rocce Rosse iniziano dopo la mezzanotte e finiscono di suonare a volume altissimo all’alba, utilizzando inoltre fasci di luce che dalla spiaggia entrano nelle finestre». Insomma, gli abitanti della zona sono davvero esasperati e stanchi di trascorrere notti senza dormire «Lanciamo un appello alle autorità affinché intervengano e mettano fine agli schiamazzi notturni – aggiunge Gadaleta – Molti di noi hanno presentato denuncia ai carabinieri, alcuni hanno anche telefonato al sindaco in piena notte. Lo scorso anno, c’è stata una petizione inviata anche alla Procura, purtroppo senza esito alcuno». Antonio Di Giovanni

VIETRI SUL MARE Sono proprio al limite della sopportazione, alcuni cittadini di Vietri, che denunciano il diritto al riposo “negato”. Al punto che, per difenderlo, hanno costituito un gruppo su un social network, denominato “Stop Rocce Rosse”, in riferimento alla discoteca all’aperto del Lloyd’s Baia Hotel di Vietri. Una discoteca, peraltro, già destinataria di una diffida da parte dell’amministrazione comunale, dopo una nota dei carabineri di Vietri, tempestati dalle denunce di cittadini esasperati. Un provvedimento che diffidava “dal porre in essere ulteriori attività” – si spiegava – perché gli “eventi provocano un continuo disturbo della quiete pubblica, fino a mattinata inoltrata” oltre che per motivi di sicurezza. Per quanto concerne i dispositivi di sicurezza, pare sia stato tutto sistemato. Ma il problema della musica “fracassona” rimane. E quello toglie letterlemente il sonno agli abitanti della zona. «Questo non è un comitato legalmente costituito – ricorda Patrizia Gadaleta, ex segretario cittadino del Pd vietrese, che fa da portavoce della protesta – ma solo un gruppo che chiede il rispetto di un diritto sacrosanto, quello al riposo notturno. Le Rocce Rosse iniziano dopo la mezzanotte e finiscono di suonare a volume altissimo all’alba, utilizzando inoltre fasci di luce che dalla spiaggia entrano nelle finestre». Insomma, gli abitanti della zona sono davvero esasperati e stanchi di trascorrere notti senza dormire «Lanciamo un appello alle autorità affinché intervengano e mettano fine agli schiamazzi notturni – aggiunge Gadaleta – Molti di noi hanno presentato denuncia ai carabinieri, alcuni hanno anche telefonato al sindaco in piena notte. Lo scorso anno, c’è stata una petizione inviata anche alla Procura, purtroppo senza esito alcuno». Antonio Di Giovanni

Lascia una risposta