SORRENTO AL BIVIO DOPO IL RITIRO DELLE DELEGHE. #lospecchio. LA RIFLESSIONE DI GIGI MARESCA

0

Sorrento Ill sindaco, Giuseppe Cuomo, ha ritirato oggi le deleghe ai sei assessori che compongono la Giunta municipale. Quasi certa l’entrata di Massimo Coppola esponente del Nuovo centro destra, mentre dovrebbe uscire l’assessore Federico Gargiulo al quale si darebbe un posto di consulente mantenendo così i difficili equilibri dopo questo azzeramento.  Azzeramento che era nell’aria già da tempo in vista della scadenza del mandato del prossimo anno. Questo quanto comunicato ai giornali locali dal primo cittadino circa una decisione tardiva e lenta visto lo stato di cattiva conservazione di un progetto ormai da rilanciare in crisi da tempo. Sono molti i critici dell’amministrazione Cuomo e non solo di opposizione che è latente per non dire latitante coem dice il mio amico Mario che segue da vicino la politica sorrentina. “Il provvedimento si è reso necessario – spiega il primo cittadino – per aprire una riflessione sul quadro politico-amministrativo. La pausa sarà veloce, in modo da non rallentare l’azione di governo della città”. Quale governo ? Con forza le associazioni di Sorrento sono molto dure nei confronti della giunta azzerata e del sindaco. Denunciano progetti fermi e mancanza di un futuro roseo senza programmazione. Ora il sindaco, nel varare la nuova squadra, dovrà tener conto dei mutati equilibri politici. In primis la nascita del gruppo in Consiglio comunale del Nuovo Centrodestra del quale fanno parte alcuni esponenti del Pdl. La nuova Giunta, inoltre, è chiamata anche a rispondere al recente dettato normativo che prevede la presenza di quote rosa pari almeno al 40 per cento degli assessorati. In sostanza almeno due componenti il nuovo esecutivo dovranno essere donne. I nostri amici dell’informazione locale danno risalto alla forza di centrodestra ma bisogna tener conto del gruppo del “PONTE” con le potenzialità e le idee brillanti di Mariano Pontecorvo. Grave il silenzio del partito democratico che non riesce a dare forza alla sua azione e per il momento non prende posizioni certe e chiare sulla prossima competizione elettorale che vede per il momento molto attivo Marco Fiorentino. Da queste riflessioni e dal comunicato dei colleghi cominciamo a fotografare lo stato del momento politico attuale che deve far riflettere molto i cittadini di Sorrento che saranno chaimatia un scelta veramente importante per un cambiamento democratico e riformista moderno. Luigi Maresca

Sorrento Ill sindaco, Giuseppe Cuomo, ha ritirato oggi le deleghe ai sei assessori che compongono la Giunta municipale. Quasi certa l'entrata di Massimo Coppola esponente del Nuovo centro destra, mentre dovrebbe uscire l'assessore Federico Gargiulo al quale si darebbe un posto di consulente mantenendo così i difficili equilibri dopo questo azzeramento.  Azzeramento che era nell’aria già da tempo in vista della scadenza del mandato del prossimo anno. Questo quanto comunicato ai giornali locali dal primo cittadino circa una decisione tardiva e lenta visto lo stato di cattiva conservazione di un progetto ormai da rilanciare in crisi da tempo. Sono molti i critici dell'amministrazione Cuomo e non solo di opposizione che è latente per non dire latitante coem dice il mio amico Mario che segue da vicino la politica sorrentina. “Il provvedimento si è reso necessario – spiega il primo cittadino – per aprire una riflessione sul quadro politico-amministrativo. La pausa sarà veloce, in modo da non rallentare l’azione di governo della città”. Quale governo ? Con forza le associazioni di Sorrento sono molto dure nei confronti della giunta azzerata e del sindaco. Denunciano progetti fermi e mancanza di un futuro roseo senza programmazione. Ora il sindaco, nel varare la nuova squadra, dovrà tener conto dei mutati equilibri politici. In primis la nascita del gruppo in Consiglio comunale del Nuovo Centrodestra del quale fanno parte alcuni esponenti del Pdl. La nuova Giunta, inoltre, è chiamata anche a rispondere al recente dettato normativo che prevede la presenza di quote rosa pari almeno al 40 per cento degli assessorati. In sostanza almeno due componenti il nuovo esecutivo dovranno essere donne. I nostri amici dell'informazione locale danno risalto alla forza di centrodestra ma bisogna tener conto del gruppo del "PONTE" con le potenzialità e le idee brillanti di Mariano Pontecorvo. Grave il silenzio del partito democratico che non riesce a dare forza alla sua azione e per il momento non prende posizioni certe e chiare sulla prossima competizione elettorale che vede per il momento molto attivo Marco Fiorentino. Da queste riflessioni e dal comunicato dei colleghi cominciamo a fotografare lo stato del momento politico attuale che deve far riflettere molto i cittadini di Sorrento che saranno chaimatia un scelta veramente importante per un cambiamento democratico e riformista moderno. Luigi Maresca