Sita Sud e licenziamenti: oggi 10 luglio incontro con Caldoro e Vetrella

0

Ce n’è per tutti: turisti, pendolari, ma soprattutto lavoratori.Sono le conseguenze della decisione della Sita Sud, che in seguito all’annuncio di definitiva interruzione del servizio nella regione Campania a partire dal primo agosto, ha dato il via al recapito di lettere di licenziamento ai dipendenti delle Geas di Foggia e PuMa Service di Salerno, affidatarie dei servizi di rifornimento e lavaggio degli autobus.
La decisione segue al mancato accordo tra l’ente regionale ed i vertici dell’azienda del mese scorso e profila uno scenario ancor più critico per i trasporti pubblici, con notevoli conseguenze per i pendolari e aumento di disservizi per i turisti.E mentre già si è assistite a cancellazioni di corse e ritardi continui con disagi per i viaggiatori, il costo più alto da pagare rischia di essere quello degli operai :in 439 rischiano di perdere il lavoro. Ieri i sindacati hanno proclamato lo stato di agitazione del personale dovuto alla ricezione dei preavvisi di licenziamento, e richiesto con urgenza un incontro.Incontro che, secondo notizie dell’ultim’ora, avrà luogo giovedì 10 luglio 2014 alle ore 19,00. Il Presidente della Regione Campania Stefano Caldoro e l’Assessore ai Trasporti Sergio Vetrella discuteranno la questione trasporti con i vertici di Sita Sud. Ciò ha determinato la risposta della FIT-CISL Dipartimento Mobilità settore TPL Regionale Campania, che ha comunicato la ripresa a partire da domani della collaborazione di tutto il personale viaggiante fino alla convocazione.
L’intento è di lasciar libero il campo ad un’intesa tra le parti, in virtù della quale si sospendano le procedure di mobilità, conditio sine qua non verrà ripreso lo stato di agitazione. La speranza è che si assista finalmente a un riconoscimento delle rispettive responsabilità, ciò che finora non si è verificato, portando la situazione all’ esito attuale.Ce n’è per tutti: turisti, pendolari, ma soprattutto lavoratori.Sono le conseguenze della decisione della Sita Sud, che in seguito all’annuncio di definitiva interruzione del servizio nella regione Campania a partire dal primo agosto, ha dato il via al recapito di lettere di licenziamento ai dipendenti delle Geas di Foggia e PuMa Service di Salerno, affidatarie dei servizi di rifornimento e lavaggio degli autobus.
La decisione segue al mancato accordo tra l’ente regionale ed i vertici dell’azienda del mese scorso e profila uno scenario ancor più critico per i trasporti pubblici, con notevoli conseguenze per i pendolari e aumento di disservizi per i turisti.E mentre già si è assistite a cancellazioni di corse e ritardi continui con disagi per i viaggiatori, il costo più alto da pagare rischia di essere quello degli operai :in 439 rischiano di perdere il lavoro. Ieri i sindacati hanno proclamato lo stato di agitazione del personale dovuto alla ricezione dei preavvisi di licenziamento, e richiesto con urgenza un incontro.Incontro che, secondo notizie dell’ultim’ora, avrà luogo giovedì 10 luglio 2014 alle ore 19,00. Il Presidente della Regione Campania Stefano Caldoro e l’Assessore ai Trasporti Sergio Vetrella discuteranno la questione trasporti con i vertici di Sita Sud. Ciò ha determinato la risposta della FIT-CISL Dipartimento Mobilità settore TPL Regionale Campania, che ha comunicato la ripresa a partire da domani della collaborazione di tutto il personale viaggiante fino alla convocazione.
L’intento è di lasciar libero il campo ad un’intesa tra le parti, in virtù della quale si sospendano le procedure di mobilità, conditio sine qua non verrà ripreso lo stato di agitazione. La speranza è che si assista finalmente a un riconoscimento delle rispettive responsabilità, ciò che finora non si è verificato, portando la situazione all’ esito attuale.