Napoli è morto Salvatore il ragazzo colpito da calcinacci nella Galleria, ucciso a 14 anni dall’incuria e dal degrado

0

Di Valeria Apicella E’ morto Salvatore Giordano, il ragazzino di 14 anni colpito dai calcinacci caduti dalla Galleria Umberto I lo scorso sabato. E’ quanto conferma la direzione sanitaria dell’ospedale Loreto Mare dove Salvatore era ricoverato.Il sindaco di Marano, Angelo Liccardo, ha già disposto che, nel giorno dei funerali di Salvatore, a Marano sarà decretato il lutto cittadino. L’avvocato Pisani, legale della famiglia del povero Salvatore ha annunciato che, se non sarà disposto l’esame da parte del magistrato, i funerali di Salvatore si svolgeranno domani. In caso contrario slitterebbero di un paio di giorni 

 A dare la tragica notizia sono stati i parenti: «Salvatore è morto, Salvatore è morto». La notizia è stata poi confermata dal direttore sanitario dell’ospedale Loreto Mare. Secondo quanto si apprende, la morte sarebbe stata causata da arresto cardiaco. Il legale della famiglia, Angelo Pisani, richiede un intervento psicologico per i familiari del ragazzo. Le sue condizioni si erano drammaticamente aggravate nelle ultime ore mentre l’attività cerebrale del 14 enne, colpito da un cornicione staccatosi dalla galleria Umberto e ricoverato da due giorni al Loreto Mare, era pressocché assente. Il magistrato ha disposto l’autopsia sul corpo di Salvatore che, pertanto, verrà trasferito al Policlinico. Solo dopo l’esame sarà possibile stabilire la data dei funerali. Il sindaco di Marano, Angelo Liccardo, ha già disposto che, nel giorno dei funerali di Salvatore, a Marano sarà decretato il lutto cittadino. Nel frattempo la zia di Salvatore, Laura, disperata, ha chiesto giustizia: «Vogliamo che siano accertate le responsabilità. Non è possibile che mio nipote sia morto così e che non si capisca di chi è la colpa». Un’ora dopo la morte, i compagni di classe, che da sabato scorso sono rimasti all’esterno dell’ospedale, sono entrati nella stanza per dare l’ultimo saluto a Salvatore. Davanti al corpo ormai senza vita dell’amico, tra lacrime strazianti, tutti i ragazzini hanno fatto un lungo applauso per ricordare l’atto eroico di Salvatore, che ha salvato gli altri spingendoli lontano, mentre crollava la galleria. Lutto cittadino. «È un tragico evento che colpisce profondamente tutta la città di Marano. Voglio ricordarlo immaginando gli ultimi istanti prima della tragedia, quando allontana con gli forza gli amici mentre quei maledetti calcinacci stanno per spezzare la sua giovane vita». Lo scrive, in una nota Angelo Liccardo, sindaco di Marano (la cittadina a nord di Napoli dove abitava la vittima) dopo aver appreso della morte di Salvatore Giordano. Il sindaco annuncia il lutto cittadino nel giorno dei funerali. Il tweet. «Il comune di Marano ha dichiarato lutto cittadino per la morte di Salvatore Giordano. È doveroso che lo dichiari anche il Comune di Napoli». Lo scrive su twitter Gianni Lettieri, imprenditore e presidente di Fare Città. «Quella di Salvatore – ha aggiunto Lettieri – è una morte ingiustificabile che uccide la dignità di tutta Napoli. Ora è il momento del lutto. Poi punire i responsabili». La veglia. Alle 19.30 è iniziata una veglia di commemorazione in ricordo di Salvatore, nella gremitissima chiesa dello Spirito Santo di corso Mediterraneo, a pochi passi dall’abitazione della famiglia Giordano. La funzione è stata organizzata dai genitori degli amici del ragazzo e dal parroco don Costantino. All’esterno della chiesa è stato affisso uno striscione per Salvatore dagli amichetti: «Resterai sempre nei nostri cuori, non ti dimenticheremo mai. Perché un eroe non si dimentica mai».

Di Valeria Apicella E' morto Salvatore Giordano, il ragazzino di 14 anni colpito dai calcinacci caduti dalla Galleria Umberto I lo scorso sabato. E' quanto conferma la direzione sanitaria dell'ospedale Loreto Mare dove Salvatore era ricoverato.Il sindaco di Marano, Angelo Liccardo, ha già disposto che, nel giorno dei funerali di Salvatore, a Marano sarà decretato il lutto cittadino. L'avvocato Pisani, legale della famiglia del povero Salvatore ha annunciato che, se non sarà disposto l'esame da parte del magistrato, i funerali di Salvatore si svolgeranno domani. In caso contrario slitterebbero di un paio di giorni 

 A dare la tragica notizia sono stati i parenti: «Salvatore è morto, Salvatore è morto». La notizia è stata poi confermata dal direttore sanitario dell'ospedale Loreto Mare. Secondo quanto si apprende, la morte sarebbe stata causata da arresto cardiaco. Il legale della famiglia, Angelo Pisani, richiede un intervento psicologico per i familiari del ragazzo. Le sue condizioni si erano drammaticamente aggravate nelle ultime ore mentre l'attività cerebrale del 14 enne, colpito da un cornicione staccatosi dalla galleria Umberto e ricoverato da due giorni al Loreto Mare, era pressocché assente. Il magistrato ha disposto l'autopsia sul corpo di Salvatore che, pertanto, verrà trasferito al Policlinico. Solo dopo l'esame sarà possibile stabilire la data dei funerali. Il sindaco di Marano, Angelo Liccardo, ha già disposto che, nel giorno dei funerali di Salvatore, a Marano sarà decretato il lutto cittadino. Nel frattempo la zia di Salvatore, Laura, disperata, ha chiesto giustizia: «Vogliamo che siano accertate le responsabilità. Non è possibile che mio nipote sia morto così e che non si capisca di chi è la colpa». Un'ora dopo la morte, i compagni di classe, che da sabato scorso sono rimasti all'esterno dell'ospedale, sono entrati nella stanza per dare l'ultimo saluto a Salvatore. Davanti al corpo ormai senza vita dell'amico, tra lacrime strazianti, tutti i ragazzini hanno fatto un lungo applauso per ricordare l'atto eroico di Salvatore, che ha salvato gli altri spingendoli lontano, mentre crollava la galleria. Lutto cittadino. «È un tragico evento che colpisce profondamente tutta la città di Marano. Voglio ricordarlo immaginando gli ultimi istanti prima della tragedia, quando allontana con gli forza gli amici mentre quei maledetti calcinacci stanno per spezzare la sua giovane vita». Lo scrive, in una nota Angelo Liccardo, sindaco di Marano (la cittadina a nord di Napoli dove abitava la vittima) dopo aver appreso della morte di Salvatore Giordano. Il sindaco annuncia il lutto cittadino nel giorno dei funerali. Il tweet. «Il comune di Marano ha dichiarato lutto cittadino per la morte di Salvatore Giordano. È doveroso che lo dichiari anche il Comune di Napoli». Lo scrive su twitter Gianni Lettieri, imprenditore e presidente di Fare Città. «Quella di Salvatore – ha aggiunto Lettieri – è una morte ingiustificabile che uccide la dignità di tutta Napoli. Ora è il momento del lutto. Poi punire i responsabili». La veglia. Alle 19.30 è iniziata una veglia di commemorazione in ricordo di Salvatore, nella gremitissima chiesa dello Spirito Santo di corso Mediterraneo, a pochi passi dall'abitazione della famiglia Giordano. La funzione è stata organizzata dai genitori degli amici del ragazzo e dal parroco don Costantino. All'esterno della chiesa è stato affisso uno striscione per Salvatore dagli amichetti: «Resterai sempre nei nostri cuori, non ti dimenticheremo mai. Perché un eroe non si dimentica mai».