NOCERA TRIBUNALE NEL CAOS PROTESTANO GLI AVVOCATI

0

Gli avvocati della camera penale chiedono un incontro a tutti i diciotto sindaci con una lettera-delibera sottoscritta dal presidente Michele Alfano. L’incontro dovrebbe tenersi al comune di Nocera Inferiore entro il venticinque luglio. L’elenco dei comuni indicati comprende i rappresentanti politici di Angri, Baronissi, Bracigliano, Calvanico, Castel San Giorgio, Cava de’ Tirreni, Corbara, Fisciano, Mercato San Severino, Nocera Inferiore e Superiore, Pagani, Roccapiemonte, Sant’Egidio Monte Albino, San Marzano Sul Sarno, San Valentino Torio, Sarno, Scafati e Siano. «La drammatica situazione che affanna gli operatori giudiziari del tribunale di Nocera Inferiore ha raggiunto un livello parossistico che rischia di paralizzare definitivamente la struttura giudiziaria» – recita il testo. «Occorre uno sforzo comune in difesa delle cittadinanze dei comuni del circondario, che possono vedere compromesse per sempre le loro istanze di giustizia e la possibilità di avere a disposizione un presidio giudiziario a garanzia e tutela dei diritti dei singoli e di salvaguardia della società civile». La camera penale nocerina chiede solidarietà nella battaglia, cominciata fin da ottobre scorso con l’entrata in vigore del micidiale accorpamento delle sezioni di Cava e Mercato San Severino. Tutto come prima, con numeri duplicati e personale ridotto. «La camera penale si rivolge alle vostre signorie – scrive il presidente Alfano – con la richiesta di solidarizzare con la battaglia comune per rafforzare il presidio giudiziario con la attiva partecipazione degli esponenti politici della popolazione. La prego di esprimere la sua adesione all’incontro con tutti i sindaci, possibilmente alla casa comunale nocerina entro il venticinque luglio, con la presenza di tutti i parlamentari di tutti i partiti politici della zona». Scopo dell’incontro «è la comune volontà ad una forte e determinata azione di protesta e affermazione dei diritti violati, entro il venticinque luglio o in altra data concordata». Una battaglia allargata e comune, con gli avvocati a chiamare i politici, dopo la cordata con magistrati e giudici. La lettera ai sindaci segue di qualche giorno altre lettere, un’assemblea straordinaria della Camera penale di Nocera Inferiore, presenti i membri del consiglio Direttivo, il pubblico ministero Giuseppe Cacciapuoti sugli ultimi incontri tenuti presso il Ministero della Giustizia. In quel caso fu disposta l’astensione a luglio. Alfonso T. Guerritore ©RIPRODUZIONE RISERVATAGli avvocati della camera penale chiedono un incontro a tutti i diciotto sindaci con una lettera-delibera sottoscritta dal presidente Michele Alfano. L’incontro dovrebbe tenersi al comune di Nocera Inferiore entro il venticinque luglio. L’elenco dei comuni indicati comprende i rappresentanti politici di Angri, Baronissi, Bracigliano, Calvanico, Castel San Giorgio, Cava de’ Tirreni, Corbara, Fisciano, Mercato San Severino, Nocera Inferiore e Superiore, Pagani, Roccapiemonte, Sant’Egidio Monte Albino, San Marzano Sul Sarno, San Valentino Torio, Sarno, Scafati e Siano. «La drammatica situazione che affanna gli operatori giudiziari del tribunale di Nocera Inferiore ha raggiunto un livello parossistico che rischia di paralizzare definitivamente la struttura giudiziaria» – recita il testo. «Occorre uno sforzo comune in difesa delle cittadinanze dei comuni del circondario, che possono vedere compromesse per sempre le loro istanze di giustizia e la possibilità di avere a disposizione un presidio giudiziario a garanzia e tutela dei diritti dei singoli e di salvaguardia della società civile». La camera penale nocerina chiede solidarietà nella battaglia, cominciata fin da ottobre scorso con l’entrata in vigore del micidiale accorpamento delle sezioni di Cava e Mercato San Severino. Tutto come prima, con numeri duplicati e personale ridotto. «La camera penale si rivolge alle vostre signorie – scrive il presidente Alfano – con la richiesta di solidarizzare con la battaglia comune per rafforzare il presidio giudiziario con la attiva partecipazione degli esponenti politici della popolazione. La prego di esprimere la sua adesione all’incontro con tutti i sindaci, possibilmente alla casa comunale nocerina entro il venticinque luglio, con la presenza di tutti i parlamentari di tutti i partiti politici della zona». Scopo dell’incontro «è la comune volontà ad una forte e determinata azione di protesta e affermazione dei diritti violati, entro il venticinque luglio o in altra data concordata». Una battaglia allargata e comune, con gli avvocati a chiamare i politici, dopo la cordata con magistrati e giudici. La lettera ai sindaci segue di qualche giorno altre lettere, un’assemblea straordinaria della Camera penale di Nocera Inferiore, presenti i membri del consiglio Direttivo, il pubblico ministero Giuseppe Cacciapuoti sugli ultimi incontri tenuti presso il Ministero della Giustizia. In quel caso fu disposta l’astensione a luglio. Alfonso T. Guerritore ©RIPRODUZIONE RISERVATA