PIANO DI SORRENTO RUGGIERO “TAVOLO TECNICO SU SICUREZZA CIRCUMVESUVIANA”

0

Dopo la mozione dei consiglieri comunali di opposizione Anna Iaccarino e Vincenzo Iaccarino sulla problematica sicurezza, rispetto alla quale tutti i sindaci da Sant’ Agnello e Meta a Vico Equense ha espresso favorevolmente la loro posizione, il sindaco di Piano di Sorrento Giovanni Ruggiero interviene con un comunicato stampa: In merito all’attuale situazione della Linea della Circumvesuviana, degli ulteriori tagli di spesa effettuati dall’EAV s.r.l. e del dibattito in corso sui possibili interventi ad opera dei Comuni locali, il Sindaco di Piano di Sorrento, Giovanni Ruggiero, dichiara: «A nome mio e dell’intera Amministrazione del Comune di Piano di Sorrento, ribadisco l’urgenza di un intervento immediato sul tema della mobilità locale, sotto tutti i punti di vista. Da parte nostra, porteremo senza dubbio la discussione dell’argomento nel prossimo Consiglio comunale, sebbene la seduta non sia fissata in tempi imminenti. E chiediamo agli organi preposti l’immediata apertura di un tavolo tecnico che sia in grado, in tempi strettissimi, di approntare un programma razionalizzato di interventi mirati ed efficaci, mediante la sottoscrizione di un Protocollo d’Intesa tra le Amministrazioni locali, la Regione Campania e la società E.A.V. srl, il cui obiettivo primario sia il ripristino immediato delle condizioni di sicurezza sui treni, nonché di successivi interventi di miglioramento generalizzato del servizio pubblico di trasporto in termini di efficienza ed affidabilità. Ci dichiariamo sin d’ora disponibili, quindi, a valutare ogni tipo di proposta concreta, efficace e tempestiva, mirata alla risoluzione del problema, e ad accogliere l’invito alla collaborazione che la società EAV s.r.l. ha diramato di recente. Da anni ormai leviamo la nostra ferma protesta verso la degradante situazione del trasporto pubblico locale, sia singolarmente che coralmente, spesso anche all’unisono con le associazioni di categoria maggiormente attive ed operose nel nostro contesto territoriale. Abbiamo scritto, in toni anche decisamente energici, sia agli organi istituzionali regionali che si occupano del trasporto pubblico in Campania sia alle aziende che lo gestiscono, in particolare l’Ente Autonomo Volturno, sperando di sollecitare un deciso e tempestivo intervento delle figure apicali nel porre finalmente in essere ogni atto o provvedimento utile al ripristino delle migliori condizioni possibili nell’esercizio del servizio pubblico di trasporto in Costiera. Negli ultimi anni abbiamo assistito, nonostante le reiterate e vibrate proteste, al dissesto della Linea della Circumvesuviana. Mesi e mesi di disagio continuo per i pendolari che a migliaia si muovono da e verso la Penisola sorrentina per motivi di studio e di lavoro, nonché per i turisti sempre più scandalizzati dinanzi a disservizi impensabili in un comprensorio ad alta valenza turistica quale il nostro. Consapevoli dei tagli imposti dalla spending-review e dalla pressante esigenza di risanare un quadro economico in pesante squilibrio, non possiamo tuttavia aspettare ancora in silenzio una risoluzione della problematica che sembra molto lontana. Il tema della mobilità in Campania e, per quanto ci riguarda, in Penisola sorrentina va affrontato presto e al meglio. Il nostro territorio ha bisogno di un sistema di mobilità sostenibile, che miri all’efficienza del pubblico servizio nel rispetto di un contesto ambientale unico al mondo. Un sistema di trasporti che possa essere da input per il rilancio dell’economia regionale e dell’imprenditoria locale, in particolar modo nella stagione estiva, in cui i nostri Comuni sono meta turistica di richiamo internazionale. Non avremmo mai voluto assistere all’ennesimo taglio di spesa posto in essere dall’EAV s.r.l. che ha interrotto il servizio di vigilanza sui treni, dando adito ad episodi di inaudita violenza ai danni del personale, dei viaggiatori, di apparecchiature e arredi dei treni, oltre al fenomeno della micro-delinquenza. È sicuramente apprezzabile l’impegno delle Forze dell’Ordine a livello locale, che soprattutto nei week-end presidiano le strade e le stazioni maggiormente pressate dai flussi turistici, ma tutto questo non è sufficiente. È tempo di porre fine a disservizi e disagi continui che rendono arrivi e partenze dalla Penisola sorrentina un vero e proprio “incubo”».

Dopo la mozione dei consiglieri comunali di opposizione Anna Iaccarino e Vincenzo Iaccarino sulla problematica sicurezza, rispetto alla quale tutti i sindaci da Sant' Agnello e Meta a Vico Equense ha espresso favorevolmente la loro posizione, il sindaco di Piano di Sorrento Giovanni Ruggiero interviene con un comunicato stampa: In merito all’attuale situazione della Linea della Circumvesuviana, degli ulteriori tagli di spesa effettuati dall’EAV s.r.l. e del dibattito in corso sui possibili interventi ad opera dei Comuni locali, il Sindaco di Piano di Sorrento, Giovanni Ruggiero, dichiara: «A nome mio e dell’intera Amministrazione del Comune di Piano di Sorrento, ribadisco l’urgenza di un intervento immediato sul tema della mobilità locale, sotto tutti i punti di vista. Da parte nostra, porteremo senza dubbio la discussione dell’argomento nel prossimo Consiglio comunale, sebbene la seduta non sia fissata in tempi imminenti. E chiediamo agli organi preposti l’immediata apertura di un tavolo tecnico che sia in grado, in tempi strettissimi, di approntare un programma razionalizzato di interventi mirati ed efficaci, mediante la sottoscrizione di un Protocollo d’Intesa tra le Amministrazioni locali, la Regione Campania e la società E.A.V. srl, il cui obiettivo primario sia il ripristino immediato delle condizioni di sicurezza sui treni, nonché di successivi interventi di miglioramento generalizzato del servizio pubblico di trasporto in termini di efficienza ed affidabilità. Ci dichiariamo sin d’ora disponibili, quindi, a valutare ogni tipo di proposta concreta, efficace e tempestiva, mirata alla risoluzione del problema, e ad accogliere l’invito alla collaborazione che la società EAV s.r.l. ha diramato di recente. Da anni ormai leviamo la nostra ferma protesta verso la degradante situazione del trasporto pubblico locale, sia singolarmente che coralmente, spesso anche all’unisono con le associazioni di categoria maggiormente attive ed operose nel nostro contesto territoriale. Abbiamo scritto, in toni anche decisamente energici, sia agli organi istituzionali regionali che si occupano del trasporto pubblico in Campania sia alle aziende che lo gestiscono, in particolare l’Ente Autonomo Volturno, sperando di sollecitare un deciso e tempestivo intervento delle figure apicali nel porre finalmente in essere ogni atto o provvedimento utile al ripristino delle migliori condizioni possibili nell’esercizio del servizio pubblico di trasporto in Costiera. Negli ultimi anni abbiamo assistito, nonostante le reiterate e vibrate proteste, al dissesto della Linea della Circumvesuviana. Mesi e mesi di disagio continuo per i pendolari che a migliaia si muovono da e verso la Penisola sorrentina per motivi di studio e di lavoro, nonché per i turisti sempre più scandalizzati dinanzi a disservizi impensabili in un comprensorio ad alta valenza turistica quale il nostro. Consapevoli dei tagli imposti dalla spending-review e dalla pressante esigenza di risanare un quadro economico in pesante squilibrio, non possiamo tuttavia aspettare ancora in silenzio una risoluzione della problematica che sembra molto lontana. Il tema della mobilità in Campania e, per quanto ci riguarda, in Penisola sorrentina va affrontato presto e al meglio. Il nostro territorio ha bisogno di un sistema di mobilità sostenibile, che miri all’efficienza del pubblico servizio nel rispetto di un contesto ambientale unico al mondo. Un sistema di trasporti che possa essere da input per il rilancio dell’economia regionale e dell’imprenditoria locale, in particolar modo nella stagione estiva, in cui i nostri Comuni sono meta turistica di richiamo internazionale. Non avremmo mai voluto assistere all’ennesimo taglio di spesa posto in essere dall’EAV s.r.l. che ha interrotto il servizio di vigilanza sui treni, dando adito ad episodi di inaudita violenza ai danni del personale, dei viaggiatori, di apparecchiature e arredi dei treni, oltre al fenomeno della micro-delinquenza. È sicuramente apprezzabile l’impegno delle Forze dell’Ordine a livello locale, che soprattutto nei week-end presidiano le strade e le stazioni maggiormente pressate dai flussi turistici, ma tutto questo non è sufficiente. È tempo di porre fine a disservizi e disagi continui che rendono arrivi e partenze dalla Penisola sorrentina un vero e proprio “incubo”».