TRIANGOLO PER JAY-Z: C’E’ RIHANNA TRA IL MILIARDARIO E BEYONCE’

0

 

Una telenovela di proporzioni enormi quella sulla presunta crisi tra Beyoncé e Jay-Z. Dopo che i paparazzi li hanno beccati all’eliporto di New York con le facce scure in volto, arriva “The Inquisitor” a mettere sulla graticola la relazione dei due. Di chi è la colpa? Dopo la smentita di Casey Cohen, il magazine di gossip punta il dito su Rihanna: sarebbe stata proprio una scappatella con quello che è stato il suo primo produttore a fare infuriare Beyoncé Knowles e a far precipitare la relazione della coppia. Da quel momento, Beyoncé avrebbe approfondito ancora di più il suo rapporto d’amicizia con Julius De Boer, storico bodyguard di lei sin dai tempi delle “Destiny’s Child”. Jay-Z avrebbe avuto dunque più di un motivo per licenziarlo, ci ha provato più volte ma ha sempre trovato il “no” di Beyoncé: “Julius non va da nessuna parte”, avrebbe tuonato la popstar. La coppia è stabilmente al centro dell’attenzione mediatica sin dai tempi della bufala su una presunta relazione di lei con Barack Obama, successivamente l’increscioso episodio avvenuto nell’ascensore dello Standard Hotel di New York, dove Solange Knowles, sorella di Beyoncé, ha aggredito Jay-Z sotto gli occhi della telecamera di sorveglianza, ha fatto il giro del mondo e messo altra carne sul fuoco. Il rapper, imprenditore e produttore discografico è considerato da Forbes come uno dei cantanti più ricchi ed influenti del mondo, contando su un patrimonio di circa 504 milioni di dollari (la stessa coppia è stata eletta dalla rivista come la più ricca del 2012, per un patrimonio complessivo che raggiunge un miliardo di dollari). È incredibile che un uomo così potente non riesca a tenere a bada, non solo la furia fisica di una donna, come nel caso di Solange dove le ha prese senza neanche coprirsi o difendersi, ma neanche la stampa che ormai marcia stabilmente sulla sua relazione con Beyoncé. Dai due solo silenzio e nessuna dichiarazione: un silenzio che, giorno dopo giorno, sembra più un indice di colpevolezza. 

 

Una telenovela di proporzioni enormi quella sulla presunta crisi tra Beyoncé e Jay-Z. Dopo che i paparazzi li hanno beccati all’eliporto di New York con le facce scure in volto, arriva “The Inquisitor” a mettere sulla graticola la relazione dei due. Di chi è la colpa? Dopo la smentita di Casey Cohen, il magazine di gossip punta il dito su Rihanna: sarebbe stata proprio una scappatella con quello che è stato il suo primo produttore a fare infuriare Beyoncé Knowles e a far precipitare la relazione della coppia. Da quel momento, Beyoncé avrebbe approfondito ancora di più il suo rapporto d’amicizia con Julius De Boer, storico bodyguard di lei sin dai tempi delle “Destiny’s Child”. Jay-Z avrebbe avuto dunque più di un motivo per licenziarlo, ci ha provato più volte ma ha sempre trovato il “no” di Beyoncé: “Julius non va da nessuna parte”, avrebbe tuonato la popstar. La coppia è stabilmente al centro dell’attenzione mediatica sin dai tempi della bufala su una presunta relazione di lei con Barack Obama, successivamente l’increscioso episodio avvenuto nell’ascensore dello Standard Hotel di New York, dove Solange Knowles, sorella di Beyoncé, ha aggredito Jay-Z sotto gli occhi della telecamera di sorveglianza, ha fatto il giro del mondo e messo altra carne sul fuoco. Il rapper, imprenditore e produttore discografico è considerato da Forbes come uno dei cantanti più ricchi ed influenti del mondo, contando su un patrimonio di circa 504 milioni di dollari (la stessa coppia è stata eletta dalla rivista come la più ricca del 2012, per un patrimonio complessivo che raggiunge un miliardo di dollari). È incredibile che un uomo così potente non riesca a tenere a bada, non solo la furia fisica di una donna, come nel caso di Solange dove le ha prese senza neanche coprirsi o difendersi, ma neanche la stampa che ormai marcia stabilmente sulla sua relazione con Beyoncé. Dai due solo silenzio e nessuna dichiarazione: un silenzio che, giorno dopo giorno, sembra più un indice di colpevolezza. 

Lascia una risposta