Neonato sta morendo di asfissia: congelano il corpicino e lo salvano

0

 

PADOVA – Sta bene ed è tornato a casa con i suoi genitori, a Campodarsego, il neonato salvato grazie alla ibernazione. Il piccolo è nato all’ospedale di Camposampiero a inizio maggio: un parto naturale che però si è rivelato difficile a causa di una sofferenza per una asfissia.

«Come previsto dal protocollo – spiega il dg dell’Ulss 15 Francesco Benazzi – serve al più presto la procedura di ipotermia, ovvero far abbassare la temperatura corporea in modo da fermare la morte delle cellule cerebrali provocata dalla mancanza di ossigeno. Il neonato è stato inviato a Vicenza perché noi non abbiamo l’apparecchiatura necessaria, disponibile invece a Padova, Treviso, Verona e Vicenza».

Dopo la corsa disperata da Camposampiero, la temperatura del piccolo è stata abbassata fino a 34 gradi: «L’ipotermia viene mantenuta per 3 giorni e poi viene ripristinata la temperatura normale per valutare l’effetto. Sono felice che tutto si sia concluso con lieto fine – aggiunge il direttore Benazzi – e visto quanto accaduto presenterò formale richiesta alla Regione Veneto per poter aver il via libera all’acquisto del macchinario, visto che i nostri medici sono in grado di usarlo e che i casi di asfissia neonatale accadono anche nelle nostre sale parto».  il  mattino

A+ A- Stampa
 

PADOVA – Sta bene ed è tornato a casa con i suoi genitori, a Campodarsego, il neonato salvato grazie alla ibernazione. Il piccolo è nato all'ospedale di Camposampiero a inizio maggio: un parto naturale che però si è rivelato difficile a causa di una sofferenza per una asfissia.

«Come previsto dal protocollo – spiega il dg dell'Ulss 15 Francesco Benazzi – serve al più presto la procedura di ipotermia, ovvero far abbassare la temperatura corporea in modo da fermare la morte delle cellule cerebrali provocata dalla mancanza di ossigeno. Il neonato è stato inviato a Vicenza perché noi non abbiamo l'apparecchiatura necessaria, disponibile invece a Padova, Treviso, Verona e Vicenza».

Dopo la corsa disperata da Camposampiero, la temperatura del piccolo è stata abbassata fino a 34 gradi: «L'ipotermia viene mantenuta per 3 giorni e poi viene ripristinata la temperatura normale per valutare l'effetto. Sono felice che tutto si sia concluso con lieto fine – aggiunge il direttore Benazzi – e visto quanto accaduto presenterò formale richiesta alla Regione Veneto per poter aver il via libera all'acquisto del macchinario, visto che i nostri medici sono in grado di usarlo e che i casi di asfissia neonatale accadono anche nelle nostre sale parto».  il  mattino