Balotelli, nozze mondiali con Fanny. L’abbraccio dei compagni della Nazionale dopo il tweet sul matrimonio imminente

0

Il tweet all’una di notte per l’annuncio più atteso. L’abbraccio di Immobile e il cinque di Abate alle dieci di mattina, al momento dell’ingresso in campo, per il primo dei due allenamenti quotidiani, seguito dall’applauso del gruppo. Mario sposerà Fanny, il contratto è già stato messo per iscritto e pubblicato in tempo reale dalla Costa Verde. È lì che il centravanti si è dichiarato, dopo cena, alla sua donna che per essere felice ha dovuto fare 9300 chilometri, da Milano a Mangaratiba. Sulla spiaggia bianca e infinita di Sao Braz, davanti all’Ilha Grande. Il testo del grande passo in inglese: «She said yes. The most important yes in my life. That was the place of my question! I Love you and happy birthday too ! Je t’aime my WIFE». Lady B è la bellissima modella belga Neguesha, 23 anni compiuti ieri e festeggiati con l’anello di fidanzamento, papà di Vicenza e mamma congolese. Balotelli la invita sotto due palme e in una location d’incanto. Come si legge nel messaggio, lei dice sì al tenerone che non ti aspetti e che sintetizza con due immagini il momento più importante della sua vita: il posto in cui ha avanzato la proposta e il dito anulare sinistro della ragazza con il brillante sopra al fiore che va a coprire il cuoricino tatuato. Primo gol di Balotelli in Brasile, scherzano i media stranieri. Il digiuno è però da interrompere con l’Inghilterra, sabato a Manaus. Non segna con l’Italia da otto mesi, rete del pari contro l’Armenia, nell’ultima gara delle qualificazioni al San Paolo, il 15 ottobre. A Napoli, dunque, dove vive l’altro suo grande amore, la piccola Pia, la bimba avuta da Raffaella Fico, con la paternità confermata quattro mesi fa dal test del dna. A quanto pare Mario presto sarà di nuovo papà: si sussurra che Fanny sia incinta. Su Instagram la Neguesha ha postato la foto del pancione di un’amica con una didascalia mirata: «Il suo nome è dream». E l’immagine della maglia azzurra con il 9 e ancora Dream sopra al numero. Che ha richiamato l’attenzione del centravanti: «Non è stato e non sarà un sogno». Lo scambio di effusioni sui social network ha riportato serenità nella coppia, dopo i giorni inquieti che Balotelli ha vissuto a Coverciano. Fanny non gli ha mai risposto al telefono. Delusa, come i suoi genitori, dal comportamento di Mario, incerto fino a lunedì sera nel compiere il passo finale. Che c’è stato. Per la festa a casa Neguesha e a resort di Mangaratiba. Per il bacio sotto la luna. E stampato giusto in tempo. Di lì a poco, sulla costa a sud di Rio, si è scatenato il temporale, prima degli amici della coppia, per gli auguri di rito: da Hulk a Eto’o. Se in Italia già gli preferiscono Immobile, qui impazza il balotellismo. L’adorazione per Mario, nel paese dove il soprannome prende spesso sulla maglia il posto del cognome, è certificata dai seguaci: neri, centravanti, con cresta e orecchino. Jonathan Balotelli, tre anni fa, è stato l’apripista: scelta poco fortunata. Ora gioca con il Maca è nella prima divisione del campionato carioca. Caratterialmente Wilker Balotelli del Ponte Preta gli somiglia tantissimo: ha portato in tribunale il suo club per andar via, perdendo però la causa. Il pentito è Rogelio Balotelli dell’Atletico Sorocaba: «Da oggi in poi chiamatemi Rogelio Avila». Douglas Coutinho dell’Atletico Paranense, dopo l’incoronazione del compagno Crislan, è il Balotelli da Baixada. Victor Andrade è il più giovane: 19 anni. Felipe Anderson, 25 anni, il più vicino: vive a Itaguì, 30 km da Magnaratiba. «Sogno di conoscerlo». Il più taroccato è Val Barreto del Club e do Remo: Valotelli. Valter del Fluminense, avversario domenica a Volta Redonda, è solo Bolotelli. Bolo sta per dolce. Come Mario con Fanny, in spiaggia. (Ugo Trani – Il Mattino)

Il tweet all'una di notte per l'annuncio più atteso. L'abbraccio di Immobile e il cinque di Abate alle dieci di mattina, al momento dell'ingresso in campo, per il primo dei due allenamenti quotidiani, seguito dall'applauso del gruppo. Mario sposerà Fanny, il contratto è già stato messo per iscritto e pubblicato in tempo reale dalla Costa Verde. È lì che il centravanti si è dichiarato, dopo cena, alla sua donna che per essere felice ha dovuto fare 9300 chilometri, da Milano a Mangaratiba. Sulla spiaggia bianca e infinita di Sao Braz, davanti all'Ilha Grande. Il testo del grande passo in inglese: «She said yes. The most important yes in my life. That was the place of my question! I Love you and happy birthday too ! Je t'aime my WIFE». Lady B è la bellissima modella belga Neguesha, 23 anni compiuti ieri e festeggiati con l'anello di fidanzamento, papà di Vicenza e mamma congolese. Balotelli la invita sotto due palme e in una location d'incanto. Come si legge nel messaggio, lei dice sì al tenerone che non ti aspetti e che sintetizza con due immagini il momento più importante della sua vita: il posto in cui ha avanzato la proposta e il dito anulare sinistro della ragazza con il brillante sopra al fiore che va a coprire il cuoricino tatuato. Primo gol di Balotelli in Brasile, scherzano i media stranieri. Il digiuno è però da interrompere con l'Inghilterra, sabato a Manaus. Non segna con l'Italia da otto mesi, rete del pari contro l'Armenia, nell'ultima gara delle qualificazioni al San Paolo, il 15 ottobre. A Napoli, dunque, dove vive l'altro suo grande amore, la piccola Pia, la bimba avuta da Raffaella Fico, con la paternità confermata quattro mesi fa dal test del dna. A quanto pare Mario presto sarà di nuovo papà: si sussurra che Fanny sia incinta. Su Instagram la Neguesha ha postato la foto del pancione di un'amica con una didascalia mirata: «Il suo nome è dream». E l'immagine della maglia azzurra con il 9 e ancora Dream sopra al numero. Che ha richiamato l'attenzione del centravanti: «Non è stato e non sarà un sogno». Lo scambio di effusioni sui social network ha riportato serenità nella coppia, dopo i giorni inquieti che Balotelli ha vissuto a Coverciano. Fanny non gli ha mai risposto al telefono. Delusa, come i suoi genitori, dal comportamento di Mario, incerto fino a lunedì sera nel compiere il passo finale. Che c'è stato. Per la festa a casa Neguesha e a resort di Mangaratiba. Per il bacio sotto la luna. E stampato giusto in tempo. Di lì a poco, sulla costa a sud di Rio, si è scatenato il temporale, prima degli amici della coppia, per gli auguri di rito: da Hulk a Eto’o. Se in Italia già gli preferiscono Immobile, qui impazza il balotellismo. L'adorazione per Mario, nel paese dove il soprannome prende spesso sulla maglia il posto del cognome, è certificata dai seguaci: neri, centravanti, con cresta e orecchino. Jonathan Balotelli, tre anni fa, è stato l'apripista: scelta poco fortunata. Ora gioca con il Maca è nella prima divisione del campionato carioca. Caratterialmente Wilker Balotelli del Ponte Preta gli somiglia tantissimo: ha portato in tribunale il suo club per andar via, perdendo però la causa. Il pentito è Rogelio Balotelli dell’Atletico Sorocaba: «Da oggi in poi chiamatemi Rogelio Avila». Douglas Coutinho dell'Atletico Paranense, dopo l'incoronazione del compagno Crislan, è il Balotelli da Baixada. Victor Andrade è il più giovane: 19 anni. Felipe Anderson, 25 anni, il più vicino: vive a Itaguì, 30 km da Magnaratiba. «Sogno di conoscerlo». Il più taroccato è Val Barreto del Club e do Remo: Valotelli. Valter del Fluminense, avversario domenica a Volta Redonda, è solo Bolotelli. Bolo sta per dolce. Come Mario con Fanny, in spiaggia. (Ugo Trani – Il Mattino)