Blitz antipedofilia nel Salernitano, 5 arresti. Cercavano incontri sessuali via internet

0

Una persona arrestata ed altri quattro ai . E’ il risultato del  blitz anti pedofilia dei Carabinieri di Salerno.  Le persone accusate di sfruttamento e favoreggiamento della prostituzione minorile cercavano incontri sessuali via internet e selezionavano gli annunci con giovanissimi, anche minori.  Complessivamente sono sette le persone finite nei guai: uno agli arresti ed altre 6 accusate  di atti sessuali con minori. Di questi ultimi 4 si trovano agli arresti domiciliari e 2 sono sottoposti a obbligo di dimora.

Le misure cautelari sono state disposte dal gip del tribunale di Salerno su richiesta della procura. Gli indagati sono delle province di Salerno e Avellino. I carabinieri del comando provinciale di Salerno hanno così portato alla luce nell’agro sarnese nocerino un giro di “ragazzi di vita” tra i 15 e i 17 anni, gestito da un uomo che metteva a disposizione la propria abitazione per gli incontri, pretendendo una quota su ogni appuntamento.

Le indagini sono tuttora in corso e altri 3 indagati sono sottoposti in queste ore a perquisizioni domiciliari per atti sessuali con minori. salernonotizie

Una persona arrestata ed altri quattro ai . E’ il risultato del  blitz anti pedofilia dei Carabinieri di Salerno.  Le persone accusate di sfruttamento e favoreggiamento della prostituzione minorile cercavano incontri sessuali via internet e selezionavano gli annunci con giovanissimi, anche minori.  Complessivamente sono sette le persone finite nei guai: uno agli arresti ed altre 6 accusate  di atti sessuali con minori. Di questi ultimi 4 si trovano agli arresti domiciliari e 2 sono sottoposti a obbligo di dimora.

Le misure cautelari sono state disposte dal gip del tribunale di Salerno su richiesta della procura. Gli indagati sono delle province di Salerno e Avellino. I carabinieri del comando provinciale di Salerno hanno così portato alla luce nell’agro sarnese nocerino un giro di “ragazzi di vita” tra i 15 e i 17 anni, gestito da un uomo che metteva a disposizione la propria abitazione per gli incontri, pretendendo una quota su ogni appuntamento.

Le indagini sono tuttora in corso e altri 3 indagati sono sottoposti in queste ore a perquisizioni domiciliari per atti sessuali con minori. salernonotizie