Il Napoli su Bacary Sagna, contratto già pronto. Al franco-senegalese offerti 2,5 milioni più bonus

0

Magari quel no al rinnovo con l’Arsenal dà una rimescolata alle carte. Magari il gunner Bacary Sagna, al momento orientato a restare in Premier, saluta tutti e sceglie il Napoli e Rafa Benitez. Magari. O forse no. Lo spagnolo per la difesa ha rimesso nel mirino il laterale destro franco-senegalese in scadenza di contratto il prossimo 30 giugno. La proposta azzurra è stata fatta (biennale più opzione per il terzo attorno ai 2,5 a salire oltre i 3,3), me ci sono un bel po’ di club che si stanno muovendo. Ma sostanzialmente c’è che Sagna potrebbe voler restare dov’è: per motivi ambientali, perché sta bene a Londra, come la sua famiglia. Sarebbero quindi questi, e non quelli economici, i motivi che spingerebbero Sagna a valutare per prime le ipotesi Chelsea o Tottenham. Anche se c’è anche il Monaco in agguato. Nell’Arsenal gioca un altro difensore, il belga Thomas Vermaelen che va in scadenza nel 2015 e che Benitez ha inserito in quella lista di gradimento compilata e consegnata al ds Bigon. Il tecnico di Madrid ha chiesto un colosso navigato come centrale difensivo. E’ quel che serve per l’anno prossimo. Bigon ha fatto sondaggi in giro per l’Europa, tentato affondi (a volte riescono, altre no) e individuato varie personalità come spalla di Albiol. Il Napoli ha una lista pronta: priorità e alternative, e uno di questi giocatori è Jan Vertonghen che raccontano desideroso di cambiare aria. Il Napoli c’è. E tornerà all’attacco. Bigon e Benitez conoscono perfettamente il giocatore: lo hanno visionato (e fatto visionare) piùvolte. Vertonghen ha una valutazione attorno ai 19 milioni di euro, un contratto fino al 2016 ma – ripetono fonti inglesi – ha pure l’idea di spostarsi, di vivere un altro campionato, di cambiare ambiente. Uno degli ostacoli è rappresentato dallo stipendio: oltre 4 milioni, ma le vie del mercato sono infinite. Tante difficoltà anche per Erik Lamela, il cui interesse è assai fondato: gli Spurs lo danno via solo a titolo definitivo e chiedono 20 milioni. Tutto dipende da Mauricio Pochettino e dalle sue decisioni. La terra di mezzo resta al centro degli interessi principali del Napoli: Gonalons su tutti, ormai è cosa nota. Il Napoli non ha fretta, anche perché se si muove il capitano del Lione lo fa per venire in azzurro. L’accordo è siglato da tempo ed è per questo che il Napoli non intende spingersi troppo in avanti nell’offerta del cartellino: 13,5 milioni di euro. Il club azzurro ha mostrato interesse per il terzino del Feyenoord Daryl Janmaat e si è sentito sparare una richiesta di 9 milioni. Non c’è fretta: meglio concentrarsi su qualche cessione. Behrami, Dzemaili, Pandev e Maggio sono in lista di sbarco. Maggio potrebbe essere offerto all’Hellas come contropartita per la metà del cartellino di Jorginho, che il Napoli riscatterà. Poi attenzione alle tentazioni: quelle del Monaco, che ha potenzialità economiche sterminate, per Callejon ma soprattutto per Mertens. Il magnate russo Rybolovlev è pronto a investire più di 100 milioni nel prossimo mercato per poter vincere la Ligue1. (Pino Taormina – Il Mattino)  

Magari quel no al rinnovo con l’Arsenal dà una rimescolata alle carte. Magari il gunner Bacary Sagna, al momento orientato a restare in Premier, saluta tutti e sceglie il Napoli e Rafa Benitez. Magari. O forse no. Lo spagnolo per la difesa ha rimesso nel mirino il laterale destro franco-senegalese in scadenza di contratto il prossimo 30 giugno. La proposta azzurra è stata fatta (biennale più opzione per il terzo attorno ai 2,5 a salire oltre i 3,3), me ci sono un bel po’ di club che si stanno muovendo. Ma sostanzialmente c’è che Sagna potrebbe voler restare dov’è: per motivi ambientali, perché sta bene a Londra, come la sua famiglia. Sarebbero quindi questi, e non quelli economici, i motivi che spingerebbero Sagna a valutare per prime le ipotesi Chelsea o Tottenham. Anche se c’è anche il Monaco in agguato. Nell’Arsenal gioca un altro difensore, il belga Thomas Vermaelen che va in scadenza nel 2015 e che Benitez ha inserito in quella lista di gradimento compilata e consegnata al ds Bigon. Il tecnico di Madrid ha chiesto un colosso navigato come centrale difensivo. E’ quel che serve per l’anno prossimo. Bigon ha fatto sondaggi in giro per l’Europa, tentato affondi (a volte riescono, altre no) e individuato varie personalità come spalla di Albiol. Il Napoli ha una lista pronta: priorità e alternative, e uno di questi giocatori è Jan Vertonghen che raccontano desideroso di cambiare aria. Il Napoli c’è. E tornerà all’attacco. Bigon e Benitez conoscono perfettamente il giocatore: lo hanno visionato (e fatto visionare) piùvolte. Vertonghen ha una valutazione attorno ai 19 milioni di euro, un contratto fino al 2016 ma – ripetono fonti inglesi – ha pure l’idea di spostarsi, di vivere un altro campionato, di cambiare ambiente. Uno degli ostacoli è rappresentato dallo stipendio: oltre 4 milioni, ma le vie del mercato sono infinite. Tante difficoltà anche per Erik Lamela, il cui interesse è assai fondato: gli Spurs lo danno via solo a titolo definitivo e chiedono 20 milioni. Tutto dipende da Mauricio Pochettino e dalle sue decisioni. La terra di mezzo resta al centro degli interessi principali del Napoli: Gonalons su tutti, ormai è cosa nota. Il Napoli non ha fretta, anche perché se si muove il capitano del Lione lo fa per venire in azzurro. L’accordo è siglato da tempo ed è per questo che il Napoli non intende spingersi troppo in avanti nell’offerta del cartellino: 13,5 milioni di euro. Il club azzurro ha mostrato interesse per il terzino del Feyenoord Daryl Janmaat e si è sentito sparare una richiesta di 9 milioni. Non c’è fretta: meglio concentrarsi su qualche cessione. Behrami, Dzemaili, Pandev e Maggio sono in lista di sbarco. Maggio potrebbe essere offerto all’Hellas come contropartita per la metà del cartellino di Jorginho, che il Napoli riscatterà. Poi attenzione alle tentazioni: quelle del Monaco, che ha potenzialità economiche sterminate, per Callejon ma soprattutto per Mertens. Il magnate russo Rybolovlev è pronto a investire più di 100 milioni nel prossimo mercato per poter vincere la Ligue1. (Pino Taormina – Il Mattino)