A Montepertuso in scena la scuola di Positano. Dal 4 al 6 giugno ogni sera un evento

0

A partire dal 4 giugno con la scuola dell’Infanzia di Positano e Montepertuso, successivamente con la Secondaria di Positano il 5 e la Primaria di Positano il 6, nello stupendo palcoscenico naturale del piazzale di Montepertuso, si susseguiranno le manifestazioni di fine anno scolastico dell’Istituto Comprensivo “Lucantonio Porzio” ispirate al tema della favola. La scuola dell’Infanzia e la scuola Primaria presenteranno “…ogni favola… è un gioco!””, performance conclusive dei laboratori di canto, musica, ritmo e movimento, sapientemente guidate dagli esperti esterni Giulia Talamo e Luigi Staiano per l’Infanzia, Maria Gargiulo e Marianna Meroni per la scuola Primaria. La scuola Secondaria, con l’aiuto della Compagnia teatrale “I Murattori” e le coreografie di Alessandra Ginevra, presenterà il musical “Favole positanesi”. Come sempre non ci si affida a un copione “precotto” ma, partendo dal tema di fondo, attraverso un percorso formativo laboratoriale che porta alla nascita dello spettacolo, in scena creatività ed originalità. Maria Parlato

Il disegno della locandina è di Anna Cinque e Anna Prevete

A partire dal 4 giugno con la scuola dell’Infanzia di Positano e Montepertuso, successivamente con la Secondaria di Positano il 5 e la Primaria di Positano il 6, nello stupendo palcoscenico naturale del piazzale di Montepertuso, si susseguiranno le manifestazioni di fine anno scolastico dell’Istituto Comprensivo “Lucantonio Porzio” ispirate al tema della favola. La scuola dell’Infanzia e la scuola Primaria presenteranno “…ogni favola… è un gioco!””, performance conclusive dei laboratori di canto, musica, ritmo e movimento, sapientemente guidate dagli esperti esterni Giulia Talamo e Luigi Staiano per l’Infanzia, Maria Gargiulo e Marianna Meroni per la scuola Primaria. La scuola Secondaria, con l’aiuto della Compagnia teatrale “I Murattori” e le coreografie di Alessandra Ginevra, presenterà il musical “Favole positanesi”. Come sempre non ci si affida a un copione “precotto” ma, partendo dal tema di fondo, attraverso un percorso formativo laboratoriale che porta alla nascita dello spettacolo, in scena creatività ed originalità. Maria Parlato

Il disegno della locandina è di Anna Cinque e Anna Prevete