Capaccio. Ladri al maneggio “Olmo”. In un blitz notturno rubati 3 cavalli ed un camion

0

Capaccio. Furto ai danni del maneggio “L’Olmo centro di equitazione” situato in via Pietro Mascagni a Ponte Barizzo. I ladri sono riusciti a rubare tre cavalli Baio, due femmine e un maschio, il camion per il trasporto animali di colore bianco lungo 12 metri, il carrello bertuola di colore grigio e quindici selle con rispettive testiere. Un furto che ha fruttato ai malviventi un bottino di migliaia e migliaia di euro e che ha causato una perdita per il proprietario del centro di equitazione, Crescenzio Franco, non solo economica ma soprattutto affettiva. Franco ha pubblicato sui social network le foto degli animali rubati e del camion per il trasporto animali, con la speranza che qualcuno possa riconoscerli. «Chiunque li avvistasse – afferma il titolare del maneggio – mi avverta subito». Il noto imprenditore capaccese si è accorto di essere stato vittima di un furto intorno alle 3 di ieri mattina quando il custode lo ha contattato per comunicargli che mancavano alcuni cavalli, attrezzature e il mezzo di trasporto per gli animali. I ladri hanno agito indisturbati senza che il custode si sia accorto di nulla. Da una prima ricostruzione dei fatti, i malviventi sono riusciti a penetrare all’interno dell’area forzando il cancello di ingresso. Quindi si sono diretti verso le stalle dove erano custoditi i cavalli e hanno prelevato due femmine (Iris e Canetra) ed un maschio (PJ), che vengono utilizzati per le lezioni di equitazione anche da tanti bambini che frequentano il centro. I ladri hanno agito con oculatezza: si tratta di persone che sanno come trattare i cavalli riuscendo a trasportarli con facilità. Un furto studiato nei minimi dettagli. Non è escluso che siano stati effettuati nei giorni precedenti dei sopralluoghi per verificare come portare a segno il colpo senza essere scoperti. Ad agire, considerata la dinamica dei fatti, sono state più persone. «Al di là del valore economico, il furto comunque è abbastanza ingente, il danno è soprattutto affettivo», commenta Franco. Le lezioni di equitazione non saranno interrotte e verranno fatte con gli altri due cavalli. Tante le dimostrazioni di solidarietà per l’accaduto, da tutto il mondo sportivo, nei confronti dell’imprenditore, tra queste anche quella della Federazione italiana sport equestri. Un furto anomalo probabilmente effettuato su commissione. Le indagini dei carabinieri sono in corso per risalire ai responsabili. È la prima volta nella città dei templi che vengono rubati dei cavalli. In questi ultimi tempi nel mirino dei ladri sono finite soprattutto aziende agricole situate nelle contrade rurali ed abitazioni. (Angela Sabetta – La Città di Salerno) 

Capaccio. Furto ai danni del maneggio “L’Olmo centro di equitazione” situato in via Pietro Mascagni a Ponte Barizzo. I ladri sono riusciti a rubare tre cavalli Baio, due femmine e un maschio, il camion per il trasporto animali di colore bianco lungo 12 metri, il carrello bertuola di colore grigio e quindici selle con rispettive testiere. Un furto che ha fruttato ai malviventi un bottino di migliaia e migliaia di euro e che ha causato una perdita per il proprietario del centro di equitazione, Crescenzio Franco, non solo economica ma soprattutto affettiva. Franco ha pubblicato sui social network le foto degli animali rubati e del camion per il trasporto animali, con la speranza che qualcuno possa riconoscerli. «Chiunque li avvistasse – afferma il titolare del maneggio – mi avverta subito». Il noto imprenditore capaccese si è accorto di essere stato vittima di un furto intorno alle 3 di ieri mattina quando il custode lo ha contattato per comunicargli che mancavano alcuni cavalli, attrezzature e il mezzo di trasporto per gli animali. I ladri hanno agito indisturbati senza che il custode si sia accorto di nulla. Da una prima ricostruzione dei fatti, i malviventi sono riusciti a penetrare all’interno dell’area forzando il cancello di ingresso. Quindi si sono diretti verso le stalle dove erano custoditi i cavalli e hanno prelevato due femmine (Iris e Canetra) ed un maschio (PJ), che vengono utilizzati per le lezioni di equitazione anche da tanti bambini che frequentano il centro. I ladri hanno agito con oculatezza: si tratta di persone che sanno come trattare i cavalli riuscendo a trasportarli con facilità. Un furto studiato nei minimi dettagli. Non è escluso che siano stati effettuati nei giorni precedenti dei sopralluoghi per verificare come portare a segno il colpo senza essere scoperti. Ad agire, considerata la dinamica dei fatti, sono state più persone. «Al di là del valore economico, il furto comunque è abbastanza ingente, il danno è soprattutto affettivo», commenta Franco. Le lezioni di equitazione non saranno interrotte e verranno fatte con gli altri due cavalli. Tante le dimostrazioni di solidarietà per l’accaduto, da tutto il mondo sportivo, nei confronti dell’imprenditore, tra queste anche quella della Federazione italiana sport equestri. Un furto anomalo probabilmente effettuato su commissione. Le indagini dei carabinieri sono in corso per risalire ai responsabili. È la prima volta nella città dei templi che vengono rubati dei cavalli. In questi ultimi tempi nel mirino dei ladri sono finite soprattutto aziende agricole situate nelle contrade rurali ed abitazioni. (Angela Sabetta – La Città di Salerno)