Rovistando Italia, volò via

0

Diario… Cilento (Umorismo) e Battipaglia

 ‘Papá, fermiamoci qui, é un bel ristorante!’……Dopo pochi attimi di riflessione, mio padre: ‘No, iamo a nata parte!’…….’E pecché??’………’Aggio visto lo cuoco, é seccato come n’aska!’………’E che c’entra??’…………’No mangia iddo, me ne vole rá a mí!!’

Bella. Arguto il genitore. Se il cuoco è secco da far impressione, cosa può dare da mangiare a me.. a.r.
 ——————————————————————————-

Battipaglia, il fascino dei parcheggi a pagamento
 Parcheggiare l’auto. Pagare il parcheggio. Giusto. Ma davanti ad una clinica poi! non si poteva mettere il parcheggio auto libero? Chi traffica in quei posti, ha seri problemi di salute. Non certo circola per turismo. Facilitargli la sosta sarebbe un atto di bontà. Ma da chi la volete sta bontà? a.s.
 ————————————————–
Bene in vista, Rofrano non spegne i ricordi
Rocco Scotellaro pubblica Contadini del sud. E’ l’anno del boom del cinema. In Italia si vendono 170 mila televisori
 1954. Indagine alimentare a Rofrano. Paese incuriosito. C’è la televisione. C’è gente che scrive e fa domande. Cosa vogliono? Domani chiedo al farmacista. A Rofrano non non manca l’aria, non manca il cielo, forse manca altro. Da Salerno notizie brutte. La radio parla di un disastro I morti dell’alluvione, 318 persone morte nel fango. L’Italia piange la tragedia di Salerno. Parzialmente distrutta Maiori. Sono passati 60, Il documentario girato dal regista Tosi è stata proiettato ad Agropoli dallo staff del Medfest. Immagini che ci fanno toccare con mano una realtà del sud anni 50.
———————————————————
Si può fare giornalismo con la poesia o poesia col giornalismo? Insomma giornalismo poetico o poesia giornalistica?

Björn Rudberg (brudberg) , un fisico svedese (vive e lavora a Stoccolma), invita a provarci ricordando che, quando era piccolo, sui giornali del suo paese ogni giorno veniva pubblicata una breve poesia  (dagsverse, versetti quotidiani) che, di solito in rima, faceva da commento a qualche avvenimento.  E spesso i versi del giorno erano accompagnati da un disegno.

 Una pratica – spiega Rudberg sul blog dVerse-Poets-Pub – diffusa soprattutto sui giornali dei paesi nordici e che, nel mondo anglosassone, si ritrova sulla famosa rivista satirica inglese Punch (ma che è stata usata frequentemente anche nel giornalismo satirico italiano*).

 Rudberg pubblica come esempio una poesia-commento di un suo amico poeta, Sumana Roy: una poesia, di tono alto a nostro parere. Un componimento non in rima ma basato sul meccanismo dei palindromi, che in questo caso funziona molto bene.  (lsdi)

 

 

Diario… Cilento (Umorismo) e Battipaglia

 'Papá, fermiamoci qui, é un bel ristorante!'……Dopo pochi attimi di riflessione, mio padre: 'No, iamo a nata parte!'…….'E pecché??'………'Aggio visto lo cuoco, é seccato come n'aska!'………'E che c'entra??'…………'No mangia iddo, me ne vole rá a mí!!'

Bella. Arguto il genitore. Se il cuoco è secco da far impressione, cosa può dare da mangiare a me.. a.r.
 ——————————————————————————-

Battipaglia, il fascino dei parcheggi a pagamento
 Parcheggiare l'auto. Pagare il parcheggio. Giusto. Ma davanti ad una clinica poi! non si poteva mettere il parcheggio auto libero? Chi traffica in quei posti, ha seri problemi di salute. Non certo circola per turismo. Facilitargli la sosta sarebbe un atto di bontà. Ma da chi la volete sta bontà? a.s.
 ————————————————–
Bene in vista, Rofrano non spegne i ricordi
Rocco Scotellaro pubblica Contadini del sud. E' l'anno del boom del cinema. In Italia si vendono 170 mila televisori
 1954. Indagine alimentare a Rofrano. Paese incuriosito. C'è la televisione. C'è gente che scrive e fa domande. Cosa vogliono? Domani chiedo al farmacista. A Rofrano non non manca l'aria, non manca il cielo, forse manca altro. Da Salerno notizie brutte. La radio parla di un disastro I morti dell'alluvione, 318 persone morte nel fango. L'Italia piange la tragedia di Salerno. Parzialmente distrutta Maiori. Sono passati 60, Il documentario girato dal regista Tosi è stata proiettato ad Agropoli dallo staff del Medfest. Immagini che ci fanno toccare con mano una realtà del sud anni 50.
———————————————————
Si può fare giornalismo con la poesia o poesia col giornalismo? Insomma giornalismo poetico o poesia giornalistica?

Björn Rudberg (brudberg) , un fisico svedese (vive e lavora a Stoccolma), invita a provarci ricordando che, quando era piccolo, sui giornali del suo paese ogni giorno veniva pubblicata una breve poesia  (dagsverse, versetti quotidiani) che, di solito in rima, faceva da commento a qualche avvenimento.  E spesso i versi del giorno erano accompagnati da un disegno.

 Una pratica – spiega Rudberg sul blog dVerse-Poets-Pub – diffusa soprattutto sui giornali dei paesi nordici e che, nel mondo anglosassone, si ritrova sulla famosa rivista satirica inglese Punch (ma che è stata usata frequentemente anche nel giornalismo satirico italiano*).

 Rudberg pubblica come esempio una poesia-commento di un suo amico poeta, Sumana Roy: una poesia, di tono alto a nostro parere. Un componimento non in rima ma basato sul meccanismo dei palindromi, che in questo caso funziona molto bene.  (lsdi)