Elezioni comunali a Minori, la lista “Fratellanza Minorese” apre la campagna elettorale in piazza Umberto I.

0

La prima uscita ufficiale per la lista “Fratellanza Minorese” e per il suo candidato sindaco Antonio Cioffi si è tenuta ieri sera alle ore 20:00 in piazza Umberto I. E’ stata l’occasione per presentare i sette candidati che hanno deciso di mettersi in gioco scegliendo di rappresentare il nuovo volto della politica.
Positanonews ha scelto di ripotare di seguito il discorso del candidato sindaco.

“Noi siamo la risposta vera alla politica minorese. Noi siamo e dobbiamo essere la risposta più pulita, più viva, più fresca che c’è. Noi vogliamo e dobbiamo rappresentare il volto disinteressato dell’impegno politico animato solo da coraggio e buona volontà. Siamo la risposta di chi non riesce più a sopportare le ingiustizie, i favoritismi, i giochi di interesse, il clientelismo. La risposta a decenni di diseducazione politica in cui le elezioni amministrative sono divenute occasione di favoritismi. Una risposta a chi sentiva il bisogno che si tracciasse una linea di rinnovamento. Vogliamo spazzare via il vecchio della politica, vogliamo togliere la polvere dei vecchi politicanti perché già ci hanno mortificati abbastanza con i loro intrallazzi. Vogliamo aprire la finestra affinché finalmente entri la luce nelle stanze di una politica buia e chiusa. Non possiamo più stare a guardare una sorta di monarchia oligarchica che tutela chi è suddito ed esclude chi è dissidente. Siamo stufi di essere accecati dal fumo delle promesse, vogliamo la politica nel vero senso della parola: la politica delle azioni. E semmai avremo l’occasione potremo darci anima e corpo per il paese, ma potremo anche realisticamente essere un’opposizione forte e decisa che controllerà chi amministra questo paese. Il pubblico e il privato non devono più coincidere, questo sarà il nuovo motto. Inoltre, e lo affermiamo categoricamente, in questa corsa non partiamo da odio e rancore personale e non abbiamo situazioni in sospeso da risolvere. Oggi siamo qui, come lo eravamo cinque anni fa, disposti al confronto costruttivo per l’interesse e il bene di tutti i cittadini minoresi. Questa è la promessa di un impegno quotidiano e sincero per il bene del paese. Rappresentare la novità significa anche saper rispondere solo con sorriso e serenità a chi inventa dicerie di campagna elettorale per screditarci. Ci penserà il tempo a dimostrare come stanno le cose e chi già ci conosce sa quanto siano infondate e ridicole alcune interpretazioni diffuse in malafede sulla nostra scelta. Possiamo certo dar fastidio a chi ci teme, ma se abbiamo scelto di correre da soli è perché noi siamo la purezza, siamo la vera novità di queste elezioni e mai e poi mai potremo accettare alcun compromesso. Noi siamo in mezzo a tutto e tutti, consapevoli di non poter proporre la costruzione di piramidi o inaugurare nuove stagioni dell’oro. Vogliamo partecipare perché il futuro ci aspetta e nel nostro futuro potremo vedere una Minori finalmente all’avanguardia… e non una Minori che è il fanalino di coda della costiera amalfitana. La nostra partecipazione sarà un trampolino di lancio per essere protagonisti del nostro futuro, sarà per noi una palestra di politica e di vita  per ripresentarci alla prossima ancora più forti. In futuro, vorremmo vedere i figli di questa terra lavorare qui e non vederli andar via per rassegnazione più che per scelta. Cittadini minoresi, dobbiamo iniziare a riempire il nostro cuore. Se solo tutti cittadini si unissero e dicessero basta all’egoismo, basta all’indifferenza, basta alle gestione delle cose destinata a pochi e a discapito di molti, allora avremmo una Minori in grado di far tremare i mercati turistici, avremmo una Minori produttiva e competitiva, avremmo una Minori in grado di muoversi verso un unico senso di benessere. Dunque il mio invito, rivolto a tutto il paese, è quello di unirsi in una forte e solida fratellanza. A cominciare dalla mia, rivolgiamoci alla nostra coscienza perché chi non parte dalla propria coscienza non ha speranze di poter cambiare tutto il resto. Cittadini minoresi aprite il vostro cuore e siate in grado di scegliere.”

Serena De Ponte

La prima uscita ufficiale per la lista “Fratellanza Minorese” e per il suo candidato sindaco Antonio Cioffi si è tenuta ieri sera alle ore 20:00 in piazza Umberto I. E’ stata l’occasione per presentare i sette candidati che hanno deciso di mettersi in gioco scegliendo di rappresentare il nuovo volto della politica.
Positanonews ha scelto di ripotare di seguito il discorso del candidato sindaco.

“Noi siamo la risposta vera alla politica minorese. Noi siamo e dobbiamo essere la risposta più pulita, più viva, più fresca che c’è. Noi vogliamo e dobbiamo rappresentare il volto disinteressato dell’impegno politico animato solo da coraggio e buona volontà. Siamo la risposta di chi non riesce più a sopportare le ingiustizie, i favoritismi, i giochi di interesse, il clientelismo. La risposta a decenni di diseducazione politica in cui le elezioni amministrative sono divenute occasione di favoritismi. Una risposta a chi sentiva il bisogno che si tracciasse una linea di rinnovamento. Vogliamo spazzare via il vecchio della politica, vogliamo togliere la polvere dei vecchi politicanti perché già ci hanno mortificati abbastanza con i loro intrallazzi. Vogliamo aprire la finestra affinché finalmente entri la luce nelle stanze di una politica buia e chiusa. Non possiamo più stare a guardare una sorta di monarchia oligarchica che tutela chi è suddito ed esclude chi è dissidente. Siamo stufi di essere accecati dal fumo delle promesse, vogliamo la politica nel vero senso della parola: la politica delle azioni. E semmai avremo l’occasione potremo darci anima e corpo per il paese, ma potremo anche realisticamente essere un’opposizione forte e decisa che controllerà chi amministra questo paese. Il pubblico e il privato non devono più coincidere, questo sarà il nuovo motto. Inoltre, e lo affermiamo categoricamente, in questa corsa non partiamo da odio e rancore personale e non abbiamo situazioni in sospeso da risolvere. Oggi siamo qui, come lo eravamo cinque anni fa, disposti al confronto costruttivo per l’interesse e il bene di tutti i cittadini minoresi. Questa è la promessa di un impegno quotidiano e sincero per il bene del paese. Rappresentare la novità significa anche saper rispondere solo con sorriso e serenità a chi inventa dicerie di campagna elettorale per screditarci. Ci penserà il tempo a dimostrare come stanno le cose e chi già ci conosce sa quanto siano infondate e ridicole alcune interpretazioni diffuse in malafede sulla nostra scelta. Possiamo certo dar fastidio a chi ci teme, ma se abbiamo scelto di correre da soli è perché noi siamo la purezza, siamo la vera novità di queste elezioni e mai e poi mai potremo accettare alcun compromesso. Noi siamo in mezzo a tutto e tutti, consapevoli di non poter proporre la costruzione di piramidi o inaugurare nuove stagioni dell’oro. Vogliamo partecipare perché il futuro ci aspetta e nel nostro futuro potremo vedere una Minori finalmente all’avanguardia… e non una Minori che è il fanalino di coda della costiera amalfitana. La nostra partecipazione sarà un trampolino di lancio per essere protagonisti del nostro futuro, sarà per noi una palestra di politica e di vita  per ripresentarci alla prossima ancora più forti. In futuro, vorremmo vedere i figli di questa terra lavorare qui e non vederli andar via per rassegnazione più che per scelta. Cittadini minoresi, dobbiamo iniziare a riempire il nostro cuore. Se solo tutti cittadini si unissero e dicessero basta all’egoismo, basta all’indifferenza, basta alle gestione delle cose destinata a pochi e a discapito di molti, allora avremmo una Minori in grado di far tremare i mercati turistici, avremmo una Minori produttiva e competitiva, avremmo una Minori in grado di muoversi verso un unico senso di benessere. Dunque il mio invito, rivolto a tutto il paese, è quello di unirsi in una forte e solida fratellanza. A cominciare dalla mia, rivolgiamoci alla nostra coscienza perché chi non parte dalla propria coscienza non ha speranze di poter cambiare tutto il resto. Cittadini minoresi aprite il vostro cuore e siate in grado di scegliere.”

Serena De Ponte

Lascia una risposta