Doglie inattese, Matilde nasce in bagno grazie a papà che si improvvisa ostetrico

0

MARCON (VENEZIA) – Aveva tanta voglia difesteggiare la mamma che non ha voluto attendere l’arrivo del personale sanitario per nascere. Ieri mattina, alle 5, Matilde è nata in casa aiutata dal papà che seguiva le indicazioni che gli venivano date dalla centrale del Suem. Una gioia grandissima e inaspettata per come si è svolto il lieto evento, da parte di questa coppia di giovani sposi di San Liberale di Marcon. Per questa famiglia si tratta del secondogenito. Quando il medico e gli infermieri del Suem si sono presentati in casa, Matilde era già nata da alcuni minuti, e la sala parto allestita per la neonata era il bagno.

All’inizio delle doglie il marito aveva capito che il parto era imminente. Così è partita la telefonata al 118 per chiedere la presenza di un’ambulanza che a sirene spiegate si dirigeva verso San Liberale. La bambina aveva fretta di nascere, e visto che non c’era tempo da perdere, il papà seguiva le indicazioni dell’operatore su come doveva gestire la situazione in modo tranquillo. Infatti tutto è andato perfettamente. Dopo le prime cure mamma e bambina sono state portate all’Angelo, dove le attendevano il personale dell’ostetricia e della neonatologie. Il più bel regalo per questa mamma non poteva che essere la nascita della bambina, una grande emozione condivisa anche dal personale del 118.il  mattino

 

MARCON (VENEZIA) – Aveva tanta voglia difesteggiare la mamma che non ha voluto attendere l’arrivo del personale sanitario per nascere. Ieri mattina, alle 5, Matilde è nata in casa aiutata dal papà che seguiva le indicazioni che gli venivano date dalla centrale del Suem. Una gioia grandissima e inaspettata per come si è svolto il lieto evento, da parte di questa coppia di giovani sposi di San Liberale di Marcon. Per questa famiglia si tratta del secondogenito. Quando il medico e gli infermieri del Suem si sono presentati in casa, Matilde era già nata da alcuni minuti, e la sala parto allestita per la neonata era il bagno.

All’inizio delle doglie il marito aveva capito che il parto era imminente. Così è partita la telefonata al 118 per chiedere la presenza di un’ambulanza che a sirene spiegate si dirigeva verso San Liberale. La bambina aveva fretta di nascere, e visto che non c’era tempo da perdere, il papà seguiva le indicazioni dell’operatore su come doveva gestire la situazione in modo tranquillo. Infatti tutto è andato perfettamente. Dopo le prime cure mamma e bambina sono state portate all’Angelo, dove le attendevano il personale dell’ostetricia e della neonatologie. Il più bel regalo per questa mamma non poteva che essere la nascita della bambina, una grande emozione condivisa anche dal personale del 118.il  mattino

 

Lascia una risposta